Prezzi rossi

Bitcoin non ha funzionato davvero bene negli ultimi due giorni. Dopo essere riuscita a toccare $ 9.200 sabato, la criptovaluta ha iniziato a diminuire sempre di più, cadendo attraverso i livelli di supporto come se BTC fosse un coltello caldo che attraversa il burro.

Nel peggiore dei casi di svendita del fine settimana, BTC è stato scambiato a $ 7.700, segnando un calo di quasi il 17% rispetto ai $ 9.200 stabiliti solo 36 ore prima. In particolare, da quando $ 7.700 sono stati sfruttati per pochi minuti, Bitcoin è tornato a $ 7.900, mostrando una certa forza per la prima volta in quasi due giorni.

Secondo i dati di Skew.com e altri fornitori di dati di criptovaluta, oltre $ 200 milioni di posizioni lunghe BitMEX sono state liquidate durante questo crash, rendendo assolutamente chiaro che la mossa ha colto alla sprovvista molti trader.

Bitcoin cade in tandem con i mercati tradizionali

Sebbene molti nello spazio delle criptovalute si preoccupino di come Bitcoin sia intrinsecamente disconnesso dai mercati tradizionali, questo ultimo calo ha visto BTC cadere in tandem con azioni e materie prime, qualcosa che apparentemente smentisce la narrativa secondo cui Bitcoin dovrebbe essere un negozio digitale di valore.

Caso in questione: la forte perdita di Bitcoin arriva quando i futures sul petrolio hanno registrato una perdita del 30% prima dell’apertura di lunedì e come S&I futures del P 500 e del Dow Jones sono scesi del 5%, vedendo la loro peggiore performance da anni a causa dei timori dell’epidemia di coronavirus e dei potenziali effetti a catena del crollo dei prezzi del petrolio.

Con molti temendo che la situazione con il petrolio e il coronavirus possa solo peggiorare, alcuni temono che le azioni possano ulteriormente svendersi, il che significa che anche Bitcoin potrebbe.

Gli analisti stanno acquistando Bitcoin ora: perché?

È interessante notare che, nonostante la crescente correlazione di Bitcoin con i mercati tradizionali in ribasso, un certo numero di importanti trader di criptovalute hanno affermato che stanno cercando di acquistare Bitcoin (o hanno già) circa $ 7.700.

Caso in questione: il trader di criptovaluta Mayne ha osservato che “se vuoi prendere il coltello”, facendo riferimento alla candela a forma verticale che Bitcoin ha stampato, “questo è dove lo fai”, notando che i 7.000 $ alti – che è dove esistono livelli di ritracciamento di Fibonacci tecnicamente importanti – sono dove Bitcoin ha trovato supporto in passato.

#Bitcoin

Se vuoi prendere il coltello, è qui che lo fai IMO. pic.twitter.com/b6GxBu4F95

– Mayne (@Tradermayne) 9 marzo 2020

In effetti, $ 7.700 potrebbe essere un punto apparente in cui la svendita di Bitcoin raggiungerà il fondo.

Generale bizantino notato che il costo di produzione di Bitcoin e il flusso di cassa medio dei minatori sono convergenti al livello di $ 7.700; questo è rilevante perché il flusso di cassa medio dei miner, come indicato nel grafico sotto, ha previsto il minimo di Bitcoin tre volte a novembre e dicembre dello scorso anno, poi una prima a dicembre 2018.

Entrambi i file $ BTC il costo di produzione e il flusso di cassa medio del minatore arrivano al livello di 7700.

Questo sicuramente non è un livello importante o altro &# 128527; pic.twitter.com/5SF0V0LczA

– Byzantine General (@ByzGeneral) 8 marzo 2020

Inoltre, l’investitore del settore Josh Rager ha osservato in un aggiornamento pubblicato sul suo canale Telegram che esiste un punto di controllo e un supporto orizzontale per Bitcoin intorno a $ 7.700 a $ 7.995, rendendo logico che la criptovaluta possa trovare un’offerta in quella regione..

La tendenza fondamentale rimane forte

Anche se Bitcoin scende ulteriormente da qui, non riuscendo a trovare supporto a $ 7.700 come suggerito dagli analisti sopra menzionati, i fondamentali sottostanti della criptovaluta rimangono decisamente rialzisti.

Vale a dire, la difficoltà del mercato Bitcoin – quanto sia difficile per i minatori risolvere i blocchi – sta per vedere un guadagno del 7% quando l’aggiustamento algoritmico avviene oggi.

PlanB, l’analista pseudonimo dietro il famoso modello stock-to-flow, ha recentemente condiviso questa statistica rialzista (attualmente una stima, anche se è improbabile che sia sbagliata), scrivendo che “non ci sono segni di debolezza due mesi prima del dimezzamento”.

Questa statistica ottimistica poco dopo il tasso di hash della rete Bitcoin – la quantità di potenza di calcolo assegnata ai blocchi di elaborazione – ha raggiunto un nuovo massimo storico di 136 exahash al secondo.

Inoltre, proprio la scorsa settimana, come dettagliato da Blockonomi, la Federal Reserve ha attuato un taglio di emergenza dei tassi che ha portato il tasso ufficiale della banca centrale a scendere di 50 punti base. Molti nello spazio delle criptovalute hanno preso questo come un segno che la politica monetaria sta fallendo, ponendo le basi per un nuovo concorrente come Bitcoin … o oro.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me