Bitcoin Moon

Il bitcoin è in uno stato di rottura assoluto dall’inizio dell’anno. Dal 1 ° gennaio, il prezzo della principale criptovaluta è aumentato di poco più del 35%, passando da $ 7.100 a $ 9.600 al momento della stesura di questo articolo.

Sebbene alcuni analisti abbiano affermato che questo è troppo lontano, troppo veloce perché la criptovaluta aumenti, l’analista senior di materie prime di Bloomberg, Mike McGlone, ha recentemente rivelato di rimanere ottimista sulle prospettive della criptovaluta nel 2020, definendo la tendenza “favorevole” per l’asset in conflitto.

Perché un analista leader di Bloomberg è rialzista su Bitcoin

In Crypto Outlook di Bloomberg per febbraio 2020, l’analista Mike McGlone ha scritto che Bitcoin rimane positivo, citando il fatto che “le indicazioni per la criptovaluta primogenita rimangono favorevoli nella metrica chiave che conta per un asset in cui l’offerta è sempre più limitata: l’adozione”.

McGlone, sostenendo la sua opinione che l’adozione di Bitcoin sia in aumento, ha guardato al numero crescente di indirizzi attivi sulla rete, che è una metrica on-chain che molti dicono sia un indicatore della domanda degli investitori:

I totali degli indirizzi suggeriscono che è probabile che Bitcoin si mantenga sopra i $ 9.000, come lo vediamo. Uno degli indicatori più solidi del calo dei prezzi del 2018 e della ripresa del 2019 – la media di 30 giorni degli indirizzi attivi di Bitcoin da Coinmetrics – è il più alto da luglio, quando il prezzo ha raggiunto il picco di circa $ 14.000.

Altri fattori che implicano una maggiore adozione includono la tendenza di Bakkt, Fidelity Investments e altre istituzioni finanziarie che iniziano a dilettarsi seriamente nei servizi finanziari di Bitcoin e ci sono stati forti sviluppi nello spazio minerario.

L’analista ha anche scritto che la forte crescita di Bitcoin nel tasso di hash – la misurazione della quantità di potenza di calcolo assegnata alla rete della criptovaluta – è un altro segno positivo.

Non tutto Bloomberg è rialzista

Sebbene McGlone sia ottimista, è importante notare che ci sono opinioni contrastanti con l’organizzazione di Bloomberg, che assume migliaia di analisti e scrittori.

Un articolo pubblicato pochi giorni fa conteneva il grafico sottostante, che mostra che l’indicatore di forza globale GTI sta stampando un segnale di vendita, suggerendo che è probabile un ribasso.

Bitcoin si aggira intorno ai 9.500 $ ma fatica a sfondare

E il redattore di Bloomberg Joe Weisenthal ha menzionato l’ondata di Bitcoin in una recente newsletter, scrivendo che la sottoperformance di BTC contro le altcoin mostra che le “narrazioni chiave che i credenti vogliono spingere a lungo termine non sono ancora state soddisfatte”, riferendosi al sentimento che Bitcoin dovrebbe supera tutte le altre criptovalute a causa dell’imminente dimezzamento della ricompensa del blocco o della sua crescente classificazione come bene rifugio.

ECCO PERCHÉ È STATO UN ANNO BRUTTO FINORA PER BITCOIN

(Da oggi @Markets newsletter https://t.co/e5TYtjIuOw) pic.twitter.com/sXo01ct33a

– Joe Weisenthal (@TheStalwart) 4 febbraio 2020

Lontano dall’essere soli nell’essere rialzista

McGlone è lungi dall’essere l’unico analista di spicco che lavora nello spazio delle criptovalute ad aver propagandato un’opinione così nobile.

Secondo i precedenti rapporti di Blockonomi, Tom Lee – co-fondatore della società di ricerche di mercato di New York Fundstrat Global Advisors – ha affermato che Bitcoin ha una tendenza molto forte nel 2020 a causa dei seguenti tre fattori:

  1. Le prossime elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti, che afferma ridurrà la pressione normativa su Bitcoin.
  2. L’imminente riduzione della ricompensa del blocco Bitcoin, nota come “dimezzamento”, che ridurrà il tasso di inflazione dell’asset del 50%.
  3. Le crescenti tensioni geopolitiche, soprattutto in Iran.

Lee ha anche affermato in modo aneddotico che la sua azienda ha riscontrato un crescente interesse da parte dei clienti per quanto riguarda la criptovaluta, facendo eco a un commento fatto da Mike Novogratz, un ex partner di Goldman Sachs, fatto mercoledì sullo stesso argomento.

Inoltre, Novogratz ha dichiarato a Bloomberg la scorsa settimana che le crescenti iniezioni da parte della banca centrale nei mercati, il Bitcoin che si sta dimostrando essere l’oro digitale e la tendenza alla presenza di più infrastrutture crittografiche che mai saranno di buon auspicio per i prezzi BTC nel 2020.

Non ha dato una previsione in onda, ma l’ha scritta in un tweet “Previsione 2020” si aspetta per Bitcoin per finire quest’anno oltre $ 12.000, che è notevolmente ridotto rispetto a una chiamata da $ 20.000 all’inizio del 2021 fatta su Bloomberg alla fine dell’anno scorso.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me