Vola

Il progetto Soar è un tentativo di creare una mappa globale e decentralizzata utilizzando la tecnologia dei droni. Il progetto si compone di due fasi distinte. Il primo sarà un sistema blockchain per caricare, proteggere e distribuire i contenuti dei droni dagli utenti della piattaforma ai potenziali acquirenti di contenuti. La seconda fase è più ambiziosa. Collegando insieme il contenuto aggregato dei droni, Soar spera di pubblicare una cosiddetta “super-mappa” del mondo con un’incredibile quantità di dettagli raccolti dalla sua base di utenti di piloti di droni.

Vola

“Nonostante la rapida crescita del settore dei droni, vi è assenza di un mercato adatto per i contenuti dei droni o di strutture per gli operatori di droni autorizzati per ottimizzare e monetizzare completamente i loro contenuti”, secondo il white paper del progetto. “Soar affronterà direttamente questa mancanza di un mercato per i contenuti. Inoltre, non c’è stato un accesso diretto alla tecnologia di mappatura che consentirebbe a questo contenuto di seminare efficacemente una piattaforma di super-mappe e di sfruttare i contenuti ad altissima risoluzione di cui sono capaci i droni “.

Qual è la dimensione potenziale del mercato dei contenuti sui droni?

Soar stima che le vendite di droni commerciali abbiano superato il miliardo di dollari nel 2017, una tendenza che probabilmente continuerà nel prossimo futuro.

“L’espansione del mercato dei droni è in gran parte guidata dall’enorme crescita delle applicazioni commerciali di contenuti e filmati di droni in settori come infrastrutture, estrazione mineraria, agricoltura, giornalismo e immobiliare con un mercato indirizzabile che si stima raggiungerà $ 127 miliardi entro il 2020”, il white paper dichiarato

Ciò si traduce in un impressionante tasso di crescita annuale composto compreso tra il 15 e il 25% nel prossimo mezzo decennio, hanno aggiunto gli sviluppatori di Soar.

Come funziona?

Il mercato di Soar si basa sul token SkyMap, o SKYM, per la sua base. Il progetto mira a trarre contenuti da tre strade principali: satelliti, fotografie aeree e, soprattutto, droni.

Il progetto utilizzerà i dati satellitari per la sua super-mappa per coprire distanze dalla Terra a circa 500 chilometri. La fotografia aerea si prenderà cura dello spettro fino a 5.000 metri, mentre i droni forniranno dettagli granulari a 250 metri.

Proprietari di droni

Il mercato Soar, guidato dal token SKYM ERC-20, non consentirà solo agli acquirenti di trovare e acquistare dati sui droni esistenti. Alimenterà anche un cosiddetto sistema SkyBount, in cui gli acquirenti possono richiedere dati specifici sui droni da completare su base freelance da parte degli operatori di droni. Ci sarà anche un sistema di accordi SkySponsor a lungo termine.

“Il modello SkySponsor di Soar consente la cura del contenuto in quanto SkySponsor supporterà solo i contenuti che probabilmente verranno utilizzati, aumentando così la qualità complessiva dei contenuti caricati su Soar”, ha spiegato il team del progetto. “Il driver per il modello SkySponsor è estremamente convincente in quanto dimostra efficacemente i vantaggi economici per il seeding della super-mappa Soar. La super-mappa sarà sia dinamica che temporale; nel tempo si evolverà per mostrare solo le immagini “migliori del meglio”. “

In che modo si confronta con le mappe globali consolidate, come Google Maps?

Il team di contenuti di Soar fornisce una ripartizione dettagliata dell’eventuale concorrenza del progetto con Google Maps e la sua superiorità.

Il contenuto di Google Maps è relativamente statico, mentre Soar mira a fornire aggiornamenti quasi giornalieri alla sua super mappa. Ciò offre a Soar il vantaggio di fornire informazioni in tempo reale su situazioni in evoluzione, come incendi, inondazioni, progetti di costruzione e altro ancora.

Soar avrà un livello di dettaglio granulare che Google Maps non è in grado di raggiungere a causa della sua rete di droni distribuita e tali informazioni saranno conservate dalla comunità anziché da una società monolitica. Inoltre, Soar sarà costruito parzialmente dal suo marketplace integrato e Google Maps non ha un marketplace definito di alcun tipo.

Infine, l’uso della tecnologia blockchain da parte di Soar significa che le sue immagini conterranno risme di metadati completamente privi del modello di Google Maps. Questi metadati sono sia ricercabili che verificabili grazie alla loro presenza sulla blockchain di Soar e non sono limitati dallo spazio del server o dalla posizione geografica poiché sono distribuiti su tutta la rete Soar.

Chi è il team dietro Soar?

Il CEO e fondatore Amir Farhand guida il team di Soar. Farhand ha collaborato con il governo cinese nel 2008 per identificare potenziali problemi che circondano le Olimpiadi del 2008 a Pechino, in particolare quelli relativi all’inquinamento atmosferico e ai suoi effetti a catena. Ha anche collaborato con le forze armate statunitensi negli sforzi di creazione di mappe e ha conseguito un dottorato in analisi di immagini satellitari e telerilevamento della Terra. La sua tesi di dottorato era incentrata sui problemi di qualità dell’aria cinese derivanti dalle tempeste di sabbia nella steppa mongola.

Il principale scienziato blockchain di Soar è la figura del settore Chris Lowe, che ha precedentemente lavorato per Takor Group e Mappt Elements.

Soar Prevendita

Prevendita di Soar la data non è stata ancora annunciata. L’evento di generazione del token si è svolto a luglio. Il token SKYM ha un hard cap di 350 milioni, di cui 130 milioni verranno venduti per raccogliere circa $ 19,5 milioni. Circa il 30 percento dei fondi di prevendita sarà deviato alle iniziative di marketing, con il 35 percento destinato alle operazioni e il 20 percento alla ricerca e sviluppo. Il resto è previsto per questioni legali e infrastrutturali.

Gettoni

Poiché la prevendita non è ancora avvenuta né le informazioni sulla vendita sono state finalizzate, i token SKYM non sono ancora quotati in borsa o disponibili per la vendita.

Qual è il futuro della roadmap?

Il team di Soar prevede di condurre un roadshow globale in ottobre e novembre, che culminerà con il rilascio di un’app mobile a dicembre. Nel 2019, il team di Soar aggiungerà il supporto multilingue a gennaio e mira a lanciare la super-mappa della fase 2 entro maggio.

Conclusione

Il progetto Soar è ambizioso. Chiunque desideri utilizzare Google Maps deve essere eccezionalmente ambizioso. Tuttavia, la profondità del team di Soar e la roadmap ben ponderata presentata nel white paper rendono probabile che il progetto acquisirà rapidamente importanza. Se gli obiettivi del team dovessero essere pienamente realizzati, ci sono applicazioni quasi illimitate per dati cartografici accurati e in continua evoluzione. La disponibilità dei dati di Soar potrebbe fornire un equivalente nel mondo reale ai flussi di dati attualmente disponibili su Internet, rivoluzionando potenzialmente tutto, dai progetti agricoli e ambientali alla gestione della costruzione, al monitoraggio demografico e altro ancora.

Puoi visitare il sito web ufficiale del progetto del team Qui.

link utili

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me