Chainlink svela i mixicles: una nuova soluzione per la privacy per gli smart contract

Guida a catena

Membri e colleghi di SmartContract, il team dietro il progetto Oracle decentralizzato di Chainlink, hanno presentato questa settimana una ricerca su un nuovo strumento DeFi per aumentare la privacy soprannominato Miscele.

In un documento pubblicato dai ricercatori di SmartContract Sergey Nazarov, Alex Coventry, Steve Ellis, Brendan Magauran e i consulenti tecnici Ari Juels e Lorenz Breidenbach, Mixicles fa affidamento sugli oracoli per “riferire” sui pagamenti dei pagamenti immessi piuttosto che sui mescolamenti casuali come fanno i tradizionali mixer di criptovaluta.

Guida a catena

Allora perché un Mixicle e non un mixer?

“Le miscele sono progettate allo scopo di preservare la privacy per gli strumenti finanziari, non l’occultamento dei movimenti di criptovaluta”, hanno spiegato gli autori.

In altre parole, un Mixicle come delineato sarebbe l’ideale per le aziende che desiderano avere una verificabilità operativa pur avendo assicurata la privacy delle sue operazioni blockchain. A tal fine, i ricercatori hanno notato:

“Nei complessi mercati dei capitali e dei derivati ​​di oggi, la privacy è un requisito sia dato che legale della maggior parte dei contratti. Le ragioni della privacy sono varie, ma spesso implicano la protezione contro il commercio in contraddittorio o eventi di mercato indesiderati derivanti dalla pubblicazione di termini contrattuali specifici. La riservatezza significativa negli strumenti finanziari on-chain deve estendersi a transazioni, query Oracle e rapporti Oracle “.

Ecco dove mirano Mixicles: verso la privacy e la conformità alle normative. Inoltre, i Mixicle sono anche interessanti per “evitare la crittografia costosa e le complicate strutture contrattuali”, il che significa che possono funzionare in modo efficiente senza essere impegnativi in ​​termini di risorse.

In particolare, questo nuovo strumento per la privacy DeFi non è stato progettato solo pensando all’efficienza della privacy, ma è stato anche specificamente strutturato per essere compatibile con la rete Oracle decentralizzata di Chainlink.

Non è una soluzione catch-all ed è necessario più lavoro

Eppure le mixicole sono solo una parte proposta di un approccio alla privacy più ampio, poiché gli strumenti hanno i loro limiti.

Per prima cosa, Mixicles non fornisce privacy per le attività precedenti di un indirizzo di input o per le attività successive di un indirizzo di output. Inoltre, Mixicles può consentire agli utenti di segnalare “malfunzionamenti oracolari” ma non per impedire che tali illeciti si verifichino in primo luogo.

Tuttavia, se la tecnologia decollerà, probabilmente diventerà una gradita aggiunta alle crescenti opzioni di privacy dell’ecosistema blockchain. Ad esempio, i ricercatori della tecnologia lo hanno descritto come relativamente agnostico per quanto riguarda l’implementazione e in grado di essere integrato con soluzioni complementari, come il protocollo sulla privacy Zether per Ethereum (di cui JP Morgan ha sviluppato la propria versione, Anonymous Zether).

Qualunque cosa accada, gli autori hanno notato che c’è ancora molto lavoro da fare:

“Finora c’è pochissimo lavoro per ragionare sulle proprietà di sicurezza e riservatezza dei contratti intelligenti combinati con gli oracoli. In questo documento iniziale, abbiamo introdotto Mixicle come un semplice modello per tali combinazioni e un utile trampolino di lancio per la creazione di una gamma di strumenti DeFi che preservano la riservatezza “.

Un altro sviluppo della privacy di Ethereum: Semaphore

Poiché le organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) sono tornate nella comunità Ethereum nel 2019, un argomento di discussione crescente è stato come proteggere la privacy dei membri DAO durante le votazioni organizzative e oltre.

Una nuova potenziale opzione? Sempahore, un “gadget di segnalazione a conoscenza zero” progettato da un trio di sviluppatori per consentire agli utenti di Ethereum di interagire in modo confidenziale con stringhe di dati arbitrarie. Un tale sistema fornirebbe agli utenti DAO la privacy che hanno richiesto ultimamente, sebbene le possibilità di Semaphore vadano oltre la semplice segnalazione.

“Nel prossimo futuro, può essere utilizzato per altre applicazioni di miglioramento della privacy come accesso anonimo, DAO anonimi, voto anonimo e giornalismo”, ha spiegato lo sviluppatore di Ethereum Koh Wei Jie del progetto il 2 settembre.

Presentazione di Semaphore, un gadget di segnalazione a conoscenza zero costruito su Ethereum.https://t.co/YhHMeGoPns

– Wei Jie (@catallacticised) 3 settembre 2019

Quindi il “gadget” è l’ennesimo domino da calare nella corsa della comunità di Ethereum verso l’ottimizzazione della privacy, una corsa che di recente si sta riscaldando.

Ad esempio, il prossimo aggiornamento di Istanbul per Ethereum contiene alcune ottimizzazioni che renderanno più conveniente effettuare transazioni crittografate sulla piattaforma.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map