Coinbase Custody attiva il supporto per lo staking per Tezos (XTZ)

Coinbase Tezos

Coinbase Custody, il servizio di custodia di cripto-asset di conservazione a freddo di Coinbase per le istituzioni, ha annunciato il 29 marzo la sua attivazione del supporto per lo staking per Tezos (XTZ).

Il lancio, il primo per l’azienda e l’ecosistema delle criptovalute, probabilmente fa presagire un futuro in cui altre grandi imprese di custodia di criptovalute, ad es. Anche BitGo e Fidelity Digital Assets si spostano verso offerte di staking-as-a-service.

Coinbase Tezos

Staking, o “cottura” come il meccanismo è noto nel gergo di Tezos, in precedenza era possibile solo per i possessori di XTZ attraverso la comunità gestita fornai. L’ingresso di Coinbase nell’arena dello staking lo rende la prima opzione di livello aziendale per la cottura XTZ.

Le speculazioni sul fatto che una simile incursione fosse inevitabile dopo che la centrale di scambio di criptovalute degli Stati Uniti aveva recentemente assunto Luke Youngblood, l’architetto del sistema di staking liquid proof-of-stake (LPoS) di Tezos. I progetti basati su PoS utilizzano criptovalute in portafogli specializzati per proteggere i propri blockchain rispetto al mining utilizzato nei sistemi PoW (proof-of-work).

Nel loro annuncio di cottura, Coinbase ha notato che il design di Tezos lo rendeva particolarmente adatto per le operazioni di custodia dello scambio:

“Il progetto Tezos è stato premuroso sin dall’inizio sulla protezione dei fondi delegati. Il risultato è che possiamo mantenere le risorse dei clienti in celle frigorifere segregate, dove non sono mai soggette a rischi maggiori rispetto alle risorse non DPOS (ad esempio, BTC). Le risorse in stake dei clienti di Coinbase Custody sono sempre protette da polizze assicurative sottoscritte da alcuni dei più grandi fornitori di assicurazioni del mondo “.

Il braccio di custodia dello scambio ha anche evidenziato che gestiva direttamente i propri validatori e nodi di picchettamento per conto dei propri clienti.

Coinbase Custody gestisce i propri nodi di staking e validatori, sottoponendoli agli stessi standard di sicurezza che hanno conservato in modo sicuro le decine di miliardi di dollari nella crittografia che Coinbase ha tenuto negli ultimi sette anni.

– Coinbase Custody (@CoinbaseCustody) 29 marzo 2019

La co-fondatrice di Tezos Kathleen Breitman ha definito Coinbase un passo avanti significativo per l’ecosistema XTZ nel suo insieme:

“Il lancio di Tezos staking tramite Coinbase Custody serve un bisogno acuto che esisteva fino ad ora: un modo per i partecipanti istituzionali che si affidano a un custode offline sicuro per assumere un ruolo attivo nella rete. Raggiungere la nostra missione di creare un “commonwealth digitale” significa facilitare la partecipazione di tutti e questo include i clienti istituzionali che Coinbase Custody porta nello spazio “.

Ma non sarà solo questione di Tezos che va avanti. Coinbase ha notato che si era impegnata a eseguire validatori per “tutte le future catene che supportiamo”, indicando che lo scambio alla fine dispiegherà servizi di staking per ulteriori monete.

Su questo fronte, la società ha previsto il lancio di servizi di convalida per Cosmos Network, lanciato di recente, nel secondo trimestre del 2019.

Coinbase ha più che puntare sul cervello

Nel loro annuncio sul servizio di staking, Coinbase Custody ha dichiarato che anche facilitare la partecipazione alla governance della rete per i propri clienti era una priorità assoluta.

Di conseguenza, la società ha dichiarato che avrebbe lanciato il supporto alla governance per i progetti Tezos e Maker (MKR) entro la fine del secondo trimestre del 2019.

Utenti di @CoinbaseCustody presto avrà il supporto della governance, consentendo loro di votare con il loro MKR direttamente dall’interfaccia di Coinbase Custody! Ciò significa che i detentori di MKR istituzionali potranno partecipare alla governance &# 128499; https://t.co/8hxMGYlFIo

– Creatore (@MakerDAO) 29 marzo 2019

Quell’implementazione non poteva arrivare in un momento più interessante per nessuno dei due progetti, poiché entrambi sono stati rispettivamente alle prese con importanti proposte di governance negli ultimi tempi.

Da parte di Tezos, la sua comunità ha recentemente votato sugli emendamenti inaugurali della blockchain “Atene”. E per quanto riguarda Maker, i possessori di MKR hanno votato per aumentare due volte la Dai Stability Fee negli ultimi tempi.

Detto questo, lo spettro della governance sta crescendo nella criptoeconomia e il suo profilo dovrebbe aumentare molto di più ora che un importante giocatore di criptovalute come Coinbase si è unito alla mischia come facilitatore.

Lo sviluppo segnerà senza dubbio un passo avanti per l’ecosistema Maker, nella misura in cui i titolari di MKR istituzionali in precedenza non avevano la possibilità di partecipare ai voti sulla governance di Maker. Pertanto, Coinbase ha affermato di aver cercato di rendere il processo il più semplice possibile:

“Stiamo lavorando direttamente con il team MakerDAO per garantire che il nostro spazio di archiviazione offline funzioni perfettamente con il loro contratto intelligente VoteProxy. E siamo entusiasti di tutti i modi interessanti in cui saremo in grado di iniziare a far emergere le opportunità di governance direttamente ai nostri clienti in-app. “

Nel complesso, il perno di Coinbase Custody ha apparentemente dato un vantaggio tangibile alle prospettive di progetti di staking e governance nello spazio.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map