Cosa impedisce alle app di biforcare la tua blockchain?

Le app in esecuzione sull’infrastruttura blockchain agiranno sempre secondo il loro migliore interesse. Non credo che questa realizzazione sorprenda nessuno.

Quello che potrebbe sorprenderti è che le app sono davvero quelle al potere nel gioco dell’infrastruttura blockchain. Di recente abbiamo scritto un post sul blog al riguardo –Chi controlla la tua Blockchain?– beh, ora più che mai è chiaro che le app lo fanno.

Apps Forking Blockchain

Nota: questo è un guest post di Uriel Peled, co-fondatore di Orbs.

The Stellar Fork di Kin

Kin di Kik Interactive è una delle prime app su larga scala a passare alla blockchain. L’obiettivo finale di Kin è quello di essere la criptovaluta più utilizzata dai consumatori. Per ottenere questo risultato, Kin sta lanciando il suo ecosistema di servizi digitali sulla blockchain Stellar invece che su Ethereum a causa dei problemi di ridimensionamento di quest’ultimo.

Kik

La notizia di questa settimana che Kin utilizzerà effettivamente un file Forchetta stellare aggiunge una svolta a questa storia. Perché Kin dovrebbe farlo? Dopotutto, il fork è difficile e mantenere l’infrastruttura blockchain in produzione è un’impresa enorme.

È tutta una questione di controllo.

#Crypto ExchangeBenefits

1

Binance
Best exchange


VISIT SITE
  • ? The worlds biggest bitcoin exchange and altcoin crypto exchange in the world by volume.
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

2

Coinbase
Ideal for newbies


Visit SITE
  • Coinbase is the largest U.S.-based cryptocurrency exchange, trading more than 30 cryptocurrencies.
  • Very high liquidity
  • Extremely simple user interface

3

eToro
Crypto + Trading

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

Il primo motivo è che Kin deve scalare rapidamente e le commissioni Stellar vengono pagate per portafoglio. Se prevedi di integrare il maggior numero di utenti possibile, un modello di tariffazione che cresce direttamente con il numero di utenti ed è altamente suscettibile di abbandono e frode. Il fork Stellar consentirebbe a Kin di modificare il modello tariffario ed evitare di pagare i costi di infrastruttura ai nodi principali della rete Stellar.

Questo dovrebbe essere un esempio da manuale per il mondo blockchain. Se un’app non è soddisfatta di un’infrastruttura blockchain fornita, semplicemente la abbandonerà, si sposterà in un’altra o semplicemente la biforcerà. L’app ha il controllo, portando i suoi utenti finali ovunque vadano.

Chi controlla quanto sono alte o quanto basse le commissioni sulla rete principale di Stellar: i nodi di convalida Stellar, liberi di scegliere se aumentare o diminuire le commissioni.

È probabile che prendere decisioni sul protocollo che vanno contro l’interesse delle app causi un problema di adozione. Se crei barriere all’ingresso e il modello di governance che proponi per dare il controllo a un gruppo diverso, le app troveranno un’alternativa in cui non sono private del potere.

In che modo i progetti di infrastruttura Blockchain evitano i fork?

#CRYPTO BROKERSBenefits

1

eToro
Best Crypto Broker

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

2

Binance
Cryptocurrency Trading


VISIT SITE
  • ? Your new Favorite App for Cryptocurrency Trading. Buy, sell and trade cryptocurrency on the go
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

#BITCOIN CASINOBenefits

1

Bitstarz
Best Crypto Casino

VISIT SITE
  • 2 BTC + 180 free spins First deposit bonus is 152% up to 2 BTC
  • Accepts both fiat currencies and cryptocurrencies

2

Bitcoincasino.io
Fast money transfers


VISIT SITE
  • Six supported cryptocurrencies.
  • 100% up to 0.1 BTC for the first
  • 50% up to 0.1 BTC for the second

Esistono quattro strategie principali che le infrastrutture blockchain utilizzano per disincentivare le fork:

  • Legale: Hashgraph utilizza brevetti e protezione della proprietà intellettuale per impedire agli utenti di effettuare il fork. Ma se le app possono trovare un’altra soluzione blockchain ragionevolmente simile, quegli sviluppatori di app potrebbero evitarne una così restrittiva.
  • Sicurezza: Le reti Proof of Work come Bitcoin correlano la sicurezza con la potenza hash, quindi un fork non manterrebbe la potenza hash della rete originale, e quindi nemmeno la sicurezza. Ma progetti come EOS e Stellar si stanno allontanando da PoW e utilizzano meno nodi.
  • Bloccare: Reti come Ethereum richiedono agli utenti di mantenere un equilibrio di Ether per pagare le tariffe dell’infrastruttura. Con così tanti utenti che hanno investito in Ether, potrebbe essere difficile per le app migrare verso blockchain alternativi. Ma alla fine, la migrazione a un’infrastruttura migliore attirerà comunque le app a causa del vantaggio competitivo che fornisce. Inoltre, le app vorranno che gli utenti adottino il token dell’app.
  • Ecosistema fiorente: Avere uno standard consolidato come il token ERC20 rende difficile scegliere di passare a qualcos’altro che è meno integrato nei mercati di scambio. Ma Kin ha aggirato questo problema eseguendo Ethereum e Stellar fianco a fianco. È possibile consentire a diversi destinatari del token (professionisti vs consumatori in questo caso) di fare affidamento su diverse implementazioni blockchain in base alle loro esigenze e passare da una implementazione all’altra senza problemi con tecnologie come lo scambio atomico.

Allora qual è il modo migliore per evitare le forcelle?

In realtà è molto semplice: non dare alle app alcun incentivo a fare il fork. Il fork dell’infrastruttura avrà sempre un prezzo. Possedere la responsabilità di mantenere un ambiente di infrastruttura blockchain funzionante richiede un pedaggio. Sicurezza e scalabilità sono questioni su cui si concentrano interi progetti dedicati. Tenere il passo con i più recenti progressi della tecnologia dell’infrastruttura in un mondo dinamico come lo sviluppo della blockchain è difficile anche per i team concentrati proprio su questo compito. Le app avranno sempre difficoltà a farlo da sole.

Dai un’occhiata alle infrastrutture centralizzate come AWS, Microsoft Azure e Google Cloud. Perché le app centralizzate non le “forkano” e mantengono i propri data center dell’infrastruttura? Beh, inizialmente lo facevano, ma ora in realtà è più economico non farlo. Un’app preferirà sempre concentrarsi sul proprio core business fintanto che non ottiene nulla di significativo facendo qualcos’altro. Nel caso di AWS, i fornitori di cloud sono diventati così efficienti che delegare loro l’attività dell’infrastruttura ha più senso per il business. Praticamente ogni moderna app centralizzata oggi, inclusa Kik, viene eseguita su un’infrastruttura cloud di terze parti.

Orbs

Questo è esattamente l’approccio che stiamo adottando in Orbs. Non ci sono vantaggi per le app nel biforcare le sfere. Le app hanno già il controllo, isolate l’una dall’altra con catene virtuali. Ci sono altri incentivi critici a non fare fork. Un ecosistema specializzato di contributori che mantengono l’ultima versione del protocollo e si tengono al passo con i requisiti infrastrutturali più recenti – problemi come la privacy e lo sharding aggressivo che le soluzioni di prossima generazione stanno solo iniziando a risolvere; cioè una rete che migliora la sua sicurezza man mano che più app si uniscono ad essa.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map