Regolamento Crypto

Man mano che ci avviciniamo sempre più al 2019, possiamo aspettarci di vedere la regolamentazione crescere a lunghezze incommensurabili nel nuovo anno?

Sebbene “incommensurabile” possa essere un’esagerazione, è probabile che le normative sulle criptovalute diventeranno senza dubbio la grande mossa per organizzazioni come la Securities and Exchange Commission (SEC) e altri organismi finanziari in tutto il mondo. Indipendentemente dal fatto che un’azienda rispetti o meno le regole della SEC, le attuali normative stanno già facendo un pesante pedaggio sulle attuali attività di criptovaluta, e questo è probabile che aumenti di dieci volte nel nuovo anno.

Regolamento Crypto

La base si chiude per sempre

L’ultimo vittima della registrazione di titoli protocolli è Basis, un progetto di criptovaluta che ad aprile ha raccolto circa 133 dollari da un assortimento di investitori “di alto profilo”. Giovedì scorso, la società ha annunciato che avrebbe chiuso definitivamente i battenti e rimborsato tutti coloro che si erano impegnati a finanziare le sue operazioni otto mesi fa.

La società cita le attuali normative sui titoli come il grosso problema. Nader Al-Naji – amministratore delegato di Intangible Labs, la società madre di Basis – ha spiegato in una recente dichiarazione:

“Sfortunatamente, dover applicare al sistema le normative statunitensi sui titoli ha avuto un grave impatto negativo sulla nostra capacità di lanciare Basis. Pertanto, mi dispiace condividere la notizia che abbiamo deciso di restituire il capitale ai nostri investitori. Ciò significa anche, purtroppo, che il progetto Basis verrà chiuso. Poiché le linee guida normative hanno iniziato a diffondersi nel tempo, i nostri avvocati hanno raggiunto un consenso sul fatto che non ci sarebbe stato alcun modo per evitare lo status di titoli “.

A quel tempo, Basis stava lavorando a un nuovo tipo di moneta stabile.

Vuoi che le criptovalute rimangano legittime?

La situazione presenta un aereo a due facce. Da un lato, è probabile che le normative presenti e future frenino l’innovazione. Potremmo vedere altre aziende chiudere i battenti, mentre altre evitano di aprire del tutto. È probabile che lo spazio crittografico attraversi un periodo di transizione in cui coloro che “non possono permettersi” di giocare secondo le regole scompariranno nell’oblio.

Cos'è il test di Howey

Leggi: Cos’è il test di Howey?

Allo stesso tempo, una delle maggiori lamentele riguardo all’arena delle criptovalute è che non possiede la legittimità che presumibilmente merita. Ammesso che ciò possa essere invertito, potremmo vedere più attori istituzionali entrare nel mercato e portare bitcoin e le sue cripto-cugine a nuovi livelli. Per ottenere legittimità, le società minori che non possono o non aderiranno alle leggi attuali relative alla sicurezza, alle operazioni e alla protezione dei clienti devono andare altrove e lo spazio crittografico può ottenere l’attenzione che tutti vogliono che abbia.

Nel frattempo, in tutto il mondo …

La SEC è solo un esempio di un organo di governo che risolve i problemi relativi alle criptovalute. Stiamo assistendo alle stesse azioni intraprese in tutto il mondo. In Italia, ad esempio, la Commissione Nazionale per la Società e la Borsa (CONSOB) – che opera in modo molto simile alla SEC con sede negli Stati Uniti – si è mossa per proteggere gli investitori ponendo interruzioni di 90 giorni su due progetti di offerta iniziale di monete (ICO) “scadenti”.

In un recente annuncio, l’organizzazione ha rilasciato un elenco di siti Web e pagine di Facebook che le autorità affermano di vendere token falsi o fraudolenti, inclusi token Bitsurge e certificati di energia verde. Il primo, ad esempio, promette agli investitori rendimenti garantiti di circa il sei percento al mese.

Quest’ultimo è presumibilmente sostenuto da appezzamenti di terreno della foresta pluviale in Costa Rica, che saranno venduti per circa l’80% al di sopra del valore di mercato, guadagnando presumibilmente gli investitori circa il 6% ogni anno distribuiti a circa lo 0,5% ogni mese.

Hong Kong sta aumentando la posta

A 3000 miglia di distanza a Hong Kong, la Securities and Exchanges Commission (SFC) del paese ha promesso di porre fine alle false ICO e dice che migliorerà tutto i suoi regolamenti sulle criptovalute nei prossimi mesi. Fino a questo punto, Hong Kong è stata una delle regioni più indulgenti in Asia quando si tratta di operazioni di criptovaluta, ma potrebbe essere sul punto di cambiare.

Daisuke Yasaku – un professionista della ricerca presso il Daiwa Institute – ritiene che questo sarà dannoso per il paese e potrebbe far fare le valigie ad alcune aziende criptate e trasferirsi altrove:

“Il costo dei regolamenti sarà alto. I requisiti dell’iniziativa SFC potrebbero rivelarsi troppo onerosi per alcuni operatori “.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me