IBM Blockchain

IBM è stata al centro dello sviluppo commerciale della blockchain. Questa settimana hanno annunciato che avrebbero lanciato una nuova piattaforma, chiamata “IBM Food Trust”. La società ha anche collaborato con Walmart per una piattaforma proprietaria di tracciamento degli alimenti basata su blockchain. Il il sistema di distribuzione alimentare globale è enorme, il che significa che questo nuovo prodotto di Big Blue potrebbe essere un importante produttore di denaro.

IBM Blockchain

Il peso massimo del supermercato Carrefour è apparentemente già in azione. L’annuncio del Food Trust ha spiegato che Carrefour sarebbe stato uno dei suoi primi grandi clienti. Altre aziende possono acquistare un abbonamento per utilizzare Food Trust e, a seconda delle loro dimensioni, i prezzi vanno da $ 100 a $ 10.000 USD al mese.

C’è qualche domanda su come sarà obbligatoria la partecipazione a questi nuovi sistemi di tracciabilità alimentare. Qualche settimana fa Walmart ha annunciato che avrebbero richiesto ad alcuni dei loro fornitori di utilizzare un sistema di tracciamento blockchain l’anno prossimo. Per iniziare, solo i fornitori di verdure a foglia verde saranno costretti a saltare sulla blockchain. Potrebbe quindi essere richiesto a più fornitori di partecipare o rischiare di perdere Walmart come cliente.

Walmart Blockchain

Leggi: Walmart richiede ai fornitori vegetariani di utilizzare Blockchain per tracciare la contaminazione

IBM apre la strada a un cibo più sicuro

Qualunque sia la tempistica fornita ai fornitori e ai gestori di alimenti per rinnovare i loro sistemi di tenuta dei registri, forzare l’adozione della blockchain nel tracciamento degli alimenti è probabilmente un’idea saggia. Carrefour prevede di avere tutti i propri prodotti a marchio sulla blockchain di IBM Food Trust entro il 2022. Inizieranno testando la piattaforma in Francia, Spagna e Brasile, prima di conferire alla piattaforma un ruolo più importante.

Emmanuel Delerm, che è il direttore blockchain di Carrefourm, ha commentato a CoinDesk dopo che la loro partecipazione è stata resa pubblica, “Per noi, è una questione di senso per il consumatore”, e ha continuato dicendo che, “È proprio questo che ci spingerà a diciamo ai nostri produttori o partner o fornitori, verranno sulla piattaforma? È davvero orientato al consumatore; è proprio per loro che lo stiamo facendo “.

Un sistema decisamente migliore

È quasi certo che una piattaforma di tracciamento alimentare basata su blockchain supererà il sistema esistente, che è sia lento che privo di qualsiasi tipo di registro centrale. Il vicepresidente delle soluzioni blockchain di IBM, Ramesh Gopinath, ha spiegato a CoinDesk che “IBM Food Trust è la prima blockchain di produzione su scala reale e siamo super entusiasti di rendere finalmente il prodotto ampiamente disponibile”.

L’IBM Food Trust sembra incarnare molti dei vantaggi che la blockchain è in grado di offrire. Secondo Ramesh Gopinath la nuova piattaforma può risalire alla fonte in pochi secondi, ma può anche trovare altri prodotti che potrebbero essere stati influenzati dagli articoli contaminati.

Invece di dover svolgere noiose indagini che richiederebbero giorni o settimane, rintracciare cibo potenzialmente mortale può essere fatto in meno di un minuto. Il signor Gopinath ha affermato che questa piattaforma, “… ovviamente richiede che i coltivatori, i fornitori e i rivenditori facciano tutti parte della soluzione, inviando informazioni in modo affidabile e autorizzato e colleghiamo tutto insieme”.

L’industria alimentare sembra apprezzare la blockchain

Carrefour è una delle tante società di distribuzione alimentare che stanno entrando a far parte dell’IBM Food Trust. Anche Topco Associates fa parte del team Food Trust e rappresenta 15.000 negozi. Anche Beefchain, Dennick Fruit Source, Wakefern e Smithfield stanno entrando in gioco, probabilmente perché è solo una questione di quando questo tipo di sistema diventa un requisito per i fornitori di cibo.

Frank Yiannas è il vicepresidente della sicurezza alimentare di Walmart e ha espresso l’obiettivo della collaborazione di Walmart per il monitoraggio degli alimenti con IBM in questi termini: “Quello che stiamo cercando di fare è creare l’equivalenza del monitoraggio FedEx per il cibo; che in ogni punto del continuum dalla fattoria al cibo quando si verifica un evento di tracciabilità, un passaggio, le informazioni su quel prodotto vengono registrate nella rete blockchain. “

Ora sembra che praticamente qualsiasi azienda possa entrare nell’IBM Food Trust. Se qualcuno dubitava che la blockchain avrebbe apportato grandi cambiamenti rapidamente, quelle idee possono essere messe a tacere. Le domande migliori potrebbero essere: quale piattaforma blockchain diventerà uno standard del settore e quando l’adozione diventerà obbligatoria?

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me