Europa

Le prospettive per il futuro della tecnologia blockchain stanno aumentando nell’UE.

Questo perché l’International Association of Trusted Blockchain Applications (INATBA) appena lanciato questa settimana nella capitale del blocco, Bruxelles. La fruizione di INATBA è il risultato della tavola rotonda dell’industria della blockchain dell’UE, un gruppo ospitato dalla Commissione europea, che è la principale istituzione amministrativa e legislativa dell’UE.

Europa

Per il suo annuncio di lancio, l’associazione ha dichiarato che si impegnerà a riunire le parti interessate di tutti i ceti dell’UE per contribuire a portare la tecnologia blockchain nel mainstream europeo:

“Per sbloccare il pieno potenziale di trasformazione e sfruttare i vantaggi della blockchain e della DLT per le imprese, il settore pubblico e la società in generale, INATBA mira a sviluppare un quadro che promuova la collaborazione del settore pubblico e privato, la convergenza normativa, la prevedibilità giuridica e garantisca l’integrità del sistema e trasparenza. “

In particolare, i membri dell’organismo includono potenti aziende tradizionali come Accenture, Barclays e SWIFT, nonché gruppi crittografici come Ripple Labs e IOTA Foundation.

Congratulazioni #INATBA membri! È insieme che possiamo aiutare a sbloccare il pieno potenziale di #blockchain & #DLT e metterlo al servizio dei nostri cittadini & imprese. Pubblico & i privati ​​possono ora cooperare meglio insieme all’integrità e alla trasparenza, rafforzando la fiducia dei nostri cittadini pic.twitter.com/ytXAHB4NMd

– Mariya Gabriel (@GabrielMariya) 3 aprile 2019

Di conseguenza, una dichiarazione di supporto è stata firmata dai partecipanti di INATBA e pubblicata sulle principali blockchain o, nel caso di IOTA, sul Tangle del progetto, un sistema a grafo aciclico diretto (DAG) che può funzionare in modo simile come registro distribuito.

Il co-fondatore della Fondazione IOTA Dominik Schiener chiamato l’attivazione formale dell’associazione, segno che le tecnologie alla base della criptoeconomia hanno ampi margini per crescere verso il mainstream:

“Abbiamo creato il nostro team per gli affari regolatori pubblici per guidare questo sforzo e siamo entusiasti di essere uno dei membri fondatori di INATBA. La forza e le dimensioni di questa associazione, così come il sostegno della Commissione Europea e di altri governi, mostra solo ulteriormente il potenziale illimitato futuro per Distributed Ledger Technologies “.

Impeto di interesse ufficiale per Blockchain in Europa

Il lancio dell’INATBA arriva pochi mesi dopo che i ministri di sette nazioni del sud dell’UE si sono riuniti per emettere a risoluzione dichiarando le loro intenzioni di lavorare insieme per promuovere i loro rispettivi e collettivi abbracci della tecnologia blockchain.

I ministri di Cipro, Francia, Grecia, Italia, Malta, Portogallo e Spagna hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulla loro intenzione di rendere l’Europa meridionale un leader nella tecnologia blockchain. Nessuna menzione ancora di Bitcoin o catene pubbliche, ma un riferimento positivo alla privacy.https://t.co/gfQekW8vqB

– Balaji S. Srinivasan (@balajis) 7 dicembre 2018

I partecipanti alla dichiarazione includevano ministri dei trasporti di alcune delle principali economie europee, tra cui Italia, Francia e Spagna. Questa dinamica ha indubbiamente influenzato i paesi europei più piccoli a prestare attenzione e iniziare ad affrontare le iniziative blockchain in modo più proattivo.

Nel loro annuncio, i ministri hanno affermato che la tecnologia ha la capacità di migliorare la vita degli europei, in particolare per quanto riguarda la loro privacy:

“A causa della sua natura, riteniamo che le tecnologie di registro distribuito possano portare a una maggiore trasparenza, responsabilità e privacy per gli utenti finali. In questo senso, crediamo che la promozione della privacy attraverso soluzioni potenziate dalla blockchain potrebbe essere una via da seguire, consentendo ai cittadini di avere il controllo dei propri dati personali “.

Privacy più rigorosa in Europa: PayPal ha appena investito in una startup blockchain che può aiutare

Parlando di privacy, il progresso del più ampio Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE ha portato una tonnellata di recente attenzione all’argomento, poiché le nuove norme impongono alle aziende che operano nel blocco di applicare protezioni molto più rigorose sui dati degli utenti.

Ovviamente, norme sulla privacy più rigide sono migliori per gli utenti, ma l’applicazione delle regole del GDPR richiede un lavoro molto più noioso per le aziende dell’UE.

È qui che entra in gioco una startup come Cambridge Blockchain. Cambridge, che questa settimana ha fatto scalpore per la partecipazione di PayPal Ventures alla sua serie A, sfrutta la tecnologia blockchain per la gestione delle identità, vale a dire che la loro piattaforma protegge e convalida le identità degli utenti in modo che le imprese possano avere accedere a dati rilevanti senza dover accedere a identità utente specifiche.

Questa è un’azienda e un caso d’uso. Ma l’esempio dimostra che Dominik Schiener di IOTA aveva forse ragione nel dire che i registri distribuiti potrebbero avere un grande potenziale di adozione negli anni a venire.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me