Il partecipante all’evento Crypto della Corea del Nord afferma che le sanzioni non sono state discusse

Crypto della Corea del Nord

La comunità delle criptovalute in generale è rimasta scioccata la scorsa settimana quando l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha rivelato di aver arrestato Virgil Griffith, un ricercatore della Fondazione Ethereum e membro di spicco dello spazio blockchain.

Il procuratore dello stato ha accusato l’individuo di violare l ‘”International Emergency Economic Powers Act (” IEEPA “) viaggiando nella Repubblica Democratica Popolare di Corea (” RPDC “o” Corea del Nord “) per tenere una presentazione … [su come utilizzare la tecnologia] per eludere le sanzioni “.

Crypto della Corea del Nord

Il motivo per cui questo si riferisce alla criptovaluta è che la presentazione di Griffith riguardava la blockchain ed è stata fatta durante un evento di criptovaluta sponsorizzato dallo stato. Il procuratore degli Stati Uniti Geoffrey S. Berman è arrivato al punto di dire che Griffith ha fornito ai nordcoreani “informazioni altamente tecniche”.

Inoltre, Griffith, indica un comunicato stampa del governo, è stato presumibilmente negato l’ingresso in Corea del Nord dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e non ha ottenuto l’approvazione per presentarsi all’evento, che a sua volta viola la sanzione..

Il partecipante alla conferenza crittografica nordcoreana difende Griffith

Molti sono dalla parte del governo, citando il fatto che aiutare la Corea del Nord significherebbe semplicemente perpetuare un regime pericoloso. Tuttavia, alcuni sono venuti in difesa dell’individuo. Fabio Pietrosanti, intervenuto alla suddetta Pyongyang Blockchain and Cryptocurrency Conference a cui è andato Griffith, ha detto a CoinDesk che all’evento le sanzioni “non erano affatto un argomento”.

Pietrosanti ha aggiunto che le discussioni sulle sanzioni in un simile contesto sarebbero state sciocche, aggiungendo che è di fatto una legge tra i turisti della nazione che non dovresti “parlare di alcun argomento politico”.

Ha anche scherzato dicendo che la conferenza è stata davvero solo una “noiosa due giorni”, citando il fatto che le informazioni discusse durante l’evento non ortodosso erano “conoscenze di base a livello di Google”, contraddicendo la dichiarazione del procuratore dello Stato.

Altri hanno anche preso i media e Twitter per difendere Griffith. Individui come Roger Ver (che è arrivato al punto di mettere in hashtag il suo commento con “FreeVirgil”) e John McAfee, entrambi libertari, hanno scritto su Twitter che i recenti arresti sono un chiaro esempio di governi che hanno esagerato con il loro potere; altri, in particolare nei circoli di Ethereum, hanno affermato che l’apparentemente premessa di Griffith per partecipare all’evento era quella di creare pace e dialogo piuttosto che consentire al regime nordcoreano di aggirare le sanzioni economiche, l’accusa su cui le autorità statunitensi lo hanno arrestato.

Le sanzioni sono un atto di guerra.

Le persone che emanano sanzioni stanno dichiarando guerra.

Le persone che si oppongono alle sanzioni si oppongono alla guerra.#FreeVirgil #Corea del nord #STATI UNITI D’AMERICA https://t.co/1HuW535OyU pic.twitter.com/wQKWMKnDHu

– Roger Ver (@rogerkver) 30 novembre 2019

Rappresentato dai migliori

Mentre gli Stati Uniti non si sono mossi nell’affermare che Griffith ha infranto la legge quando ha partecipato all’evento, il membro della comunità di Ethereum ha recentemente ricevuto supporto legale da Brian Klein di Baker Marquart. Klein ha scritto in un tweet annunciando la sua rappresentazione dello sviluppatore: “Contestiamo le accuse non testate nella denuncia penale, e Virgil attende con impazienza il suo giorno in tribunale, quando la storia completa potrà uscire”.

Ora rappresento Virgil Griffith e sono molto contento che oggi il giudice abbia deciso che dovrebbe essere rilasciato dalla prigione in attesa del processo. Contestiamo le accuse non testate nella denuncia penale e Virgil attende con ansia il suo giorno in tribunale, quando la storia completa potrà uscire.

– Brian Klein (@brianeklein) 3 dicembre 2019

Questo nome, Brian Klein, può suonare familiare. Perché? Bene, Klein era l’individuo che rappresenta Block.one, una società blockchain internazionale dietro la vendita di token EOS, quando ha dovuto accontentarsi con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti all’inizio di quest’anno per facilitare una vendita ICO non registrata. Block.one è stato multato di 24 milioni di dollari dalla SEC per la vendita.

A causa di questo accordo apparentemente piccolo rispetto alla capitalizzazione di mercato di EOS di $ 2,6 miliardi ora e ai $ 4 miliardi raccolti da Block.one, molti hanno definito Klein uno dei migliori avvocati nel settore delle criptovalute.

Con alcuni che affermano che il caso di Griffith potrebbe costituire un precedente legale per i futuri procedimenti riguardanti criptovalute e blockchain sulla fase geopolitica, alcuni dicono che una vittoria, o almeno una concessione da parte degli Stati, potrebbe essere importante per lo sviluppo del settore che va avanti.

L’avvocato che ha rappresentato EOS nel loro accordo SEC (ampiamente considerato una grande vittoria) ora rappresenta Virgil Griffith https://t.co/eitSqRM6YN

– Rapinare "Crypto Bobby" Paone (@crypto_bobby) 3 dicembre 2019

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map