JP Morgan: prezzo corrente del Bitcoin causato da giocatori istituzionali

Bitcoin

Mentre alcuni chiedono di differire, il rally megalitico della criptovaluta del 2017 è stato ampiamente guidato dagli investitori al dettaglio. All’epoca, c’erano pochi onramp cripto-centrici disponibili per gli investitori istituzionali, con poche soluzioni di custodia, sportelli da banco e veicoli di investimento alternativi che appartenevano a questa classe nascente.

Gli unici veri veicoli istituzionali erano il Bitcoin Trust di Grayscale e i prodotti futures BTC dei giganti americani degli scambi CME e CBOE. Ora, tuttavia, la compostezza del mercato delle criptovalute è presumibilmente completamente diversa, promettendo bene per il potenziale di crescita dei prezzi.

Bitcoin

Le istituzioni stanno (finalmente) guadando Bitcoin Waters

Per molto tempo, Bitcoin è stata la valuta di un popolo. Bitcoin è stato lanciato da un uomo (Satoshi si chiamava “lui”), costruito da una comunità di pazzi programmatori & idealisti e portati a nuovi livelli in ogni ciclo di mercato dagli speculatori al dettaglio.

Ma, nel 2018, qualcosa è cambiato. Forse è stato il rally storico dell’anno precedente, la consapevolezza collettiva che la criptovaluta era qui per restare, o il puro FOMO – le istituzioni hanno iniziato ad entrare, anche se lentamente.

Verso la fine del 2018, le aziende di Wall Street e le loro controparti in Asia e all’estero hanno iniziato ad annunciare incursioni nel mercato, nonostante BTC fosse sceso di oltre il 60% (o più) dal suo picco di $ 20.000. L’Intercontinental Exchange ha annunciato Bakkt; Fidelity Investments ha lanciato una divisione compatibile con Bitcoin, e così via.

Questo interesse dal cosiddetto “denaro intelligente” ha presumibilmente portato a un massiccio aumento del coinvolgimento istituzionale in questo mercato. Un recente rapporto dell’analista di JP Morgan Nikolaos Panigirtzoglou sembra confermarlo. Come segnalato di Bloomberg, l’analista ha affermato che i contratti futures su carta da CME e CBOE (ora defunti), e quindi istituzioni, hanno svolto un ruolo più importante nella recente azione sui prezzi di Bitcoin che ciò che molti consumatori sono nutriti e credono.

Volumi di crittografia segnalati secondo CMC, JP Morgan

Citando l’esposizione seminale di Bitwise Asset Management che ha rivelato che il 95% di tutto il volume degli scambi di Bitcoin è falsificato e manipolato da scambi di cattivi attori, Panigirtzoglou scrive che gli scambi hanno elaborato solo $ 36 miliardi di transazioni da BTC a USD (comprese le stablecoin) a maggio.

Questo è ben lontano dai $ 725 miliardi riportati dalle borse nello stesso lasso di tempo. Durante il mese di maggio, CME e CBOE hanno scambiato $ 12 miliardi attraverso i loro contratti Bitcoin, rispetto ai $ 5,5 miliardi di aprile e alla media mensile da gennaio a marzo di $ 1,8 miliardi. Il ricercatore JP Morgan spiega:

“L’importanza del mercato dei futures quotato è stata notevolmente sottovalutata. Il rapporto di Bitwise attribuisce ai futures negoziati un importante sviluppo nel consentire esposizioni brevi che hanno consentito agli arbitraggisti di impegnarsi adeguatamente nell’arbitraggio e che la quota dei futures dei volumi spot di Bitcoin è aumentata notevolmente ad aprile / maggio. [I dati suggeriscono] che la struttura del mercato è probabilmente cambiata notevolmente dal precedente aumento dei prezzi dei Bitcoin alla fine del 2017 con una maggiore influenza da parte degli investitori istituzionali “,

Ciò avviene dopo che JP Morgan ha affermato che Bitcoin stava deviando molto al di sopra del suo “valore intrinseco”, una cifra apparentemente arbitraria creata da un insieme sconosciuto di variabili.

I dati confermano il coinvolgimento istituzionale

I volumi dei future non sono le uniche cifre che confermano il coinvolgimento di Wall Street e di altre grandi aziende del settore. Diar ha recentemente scritto che gli indirizzi di “dimensione aziendale” (da 1.000 a 10.000 BTC in gestione) ora possiedono il 26% dell’offerta circolante della criptovaluta, rispetto a meno del 20% nell’agosto 2018.

Ciò significa accumulo di quasi, se non più di 1.000.000 di monete, il che implica afflussi di centinaia di milioni e miliardi di dollari. Non è chiaro chi ci sia dietro queste transazioni, ma come spiegato da Diar, le dimensioni dei portafogli suggeriscono grandi investitori.

Ma ancora più convincente, il valore di Bitcoin è aumentato mentre l’interesse di ricerca di Google per “Bitcoin” è diminuito, il che è in qualche modo una divergenza naturale. Ciò implica che coloro che già conoscono Bitcoin e / o accedono alle informazioni sulla criptovaluta attraverso altri mezzi (istituzioni) stanno spingendo più in alto il valore di BTC e simili.

Abbastanza impressionante quello $ BTC è cresciuto nell’ultimo mese mentre le ricerche su Google per bitcoin sono diminuite

Questo non è denaro al dettaglio che sposta il prezzo &# 128640;&# 128640;&# 128640; pic.twitter.com/2ifvivqSk5

– CryptoBull (@BullOfCrypto) 17 giugno 2019

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map