Bitcoin Whale

Se sei stato coinvolto nella comunità delle criptovalute per un po ‘di tempo, probabilmente hai sentito la parola “balena” menzionata più e più volte. Per coloro che non sono nel giro, una cosiddetta balena è un detentore di risorse digitali che controlla una grande porzione (relativamente parlando) dell’offerta di una criptovaluta.

Sebbene le balene siano in gran parte creature misteriose, con pochi che sanno chi effettivamente controlla la maggioranza, ad esempio, di Bitcoin, gli analisti temono che questi investitori possano rendere questo mercato molto più volatile nel prossimo futuro.

Bitcoin Whale

La volatilità dei bitcoin aumenterà, avvertono i ricercatori

Il bitcoin è stato a lungo un asset volatile. Dalla sua nascita, circa 11 anni fa, la criptovaluta è stata soggetta al più drammatico dei cicli di mercato, aumentando del migliaia di percento per crollare solo del 90% nei mesi successivi, più e più volte.

Sebbene nell’ultimo anno la volatilità si sia calmata, almeno relativamente parlando. La criptovaluta è cresciuta di ‘solo’ il 90% dall’inizio dell’anno, ben lontano dai guadagni del 2.000% visti nel 2017 o dall’85% di sconfitte schiaccianti viste nello svantaggio del 2018.

Ma i dati indicano che la volatilità ha il potenziale per riapparire in questo mercato. Bloomberg segnalato di recente secondo la società di analisi Coin Metrics, gli investitori che detengono da 1.000 a un milione di BTC “detengono il 42,1% di tutta l’offerta di Bitcoin, rispetto al 37,9% durante l’apice della bolla speculativa di due anni fa”.

Ciò è stato confermato da Flipside Crypto, un’altra boutique di ricerca del settore che ha recentemente scoperto che solo il 3,5% di tutti gli indirizzi BTC scambia attivamente il proprio Bitcoin “in una determinata settimana”.

Quanto al motivo per cui questo è importante, John Griffin, un professore di finanza presso l’Università del Texas ad Austin che ha suggerito che il rally di Bitcoin a $ 20.000 è stato il sottoprodotto di un’entità, ha detto:

“Il problema con alcuni grandi giocatori che detengono criptovalute è che quando vendono possono facilmente spingere il prezzo verso il basso, il che rende il mercato suscettibile a rapide oscillazioni.”

Su Zhu, il fondatore del fondo forex e crittografico Three Arrows Capital, ha confermato questa aspettativa di volatilità imminente. Ha detto a Luke Martin, un analista di criptovaluta e podcaster di CNN, in una recente iterazione del “Coinist Podcast” che si aspetta che la volatilità di Bitcoin aumenti con il tempo, non diminuisca.

Ha citato specificamente la domanda elastica di Bitcoin e il limite di offerta anelastico (fisso) di 21 milioni, insieme all’idea che la mentalità dei trader è quella di non incassare più le proprie monete, ma piuttosto di “HODL”. Queste due tendenze si prestano fortemente all’aumento della volatilità nel tempo, non altrimenti.

Quindi allaccia le cinture di sicurezza, Bitcoin potrebbe essere sul punto di incontrare una nuova macchia di volatilità, fintanto che la mentalità “HODL” rimane popolare.

Tieni il telefono: l’analista di Bloomberg si aspetta il contrario

Mentre Bloomberg sta segnalando un potenziale aumento della volatilità, un analista del gruppo di analisi dell’azienda, Bloomberg Intelligence, chiede di differire.

Lo stratega delle materie prime di Bloomberg, Mike McGlone, ha scritto in una recente nota che si aspetta che la volatilità di Bitcoin aumenti nel 2020, “con la transizione da un mercato orso a un mercato rialzista apparentemente finita”.

Per punto vendita di notizie sulle materie prime Kitco, che ha riportato i commenti di McGlone, McGlone ritiene che l’introduzione e l’adozione di futures, opzioni e altri derivati ​​Bitcoin manterranno i prezzi in gabbia, probabilmente tra $ 6.000 e $ 12.000, per il prossimo futuro.

La centralizzazione delle monete è appena iniziata

L’analisi secondo cui alcuni grandi trader stanno controllando il mercato indica un problema più ampio: Bitcoin viene centralizzato nelle mani di pochi giocatori, vale a dire gli exchange. In effetti, un rapporto di BitUniverse ha recentemente scoperto che quasi 2 milioni di BTC sono detenuti nei portafogli delle principali borse, implicando una centralizzazione di massa del potere e della ricchezza.

1.925m+ #Bitcoin presumibilmente trattenuto a @coinbase @BitMEXdotcom @Bitstamp @bitfinex @krakenfx @BittrexExchange @coincheck_en @Poloniex aspettando solo di perdersi come tanti altri … Hai provato a ritirarne qualcuno ultimamente?

Non le tue chiavi; non le tue monete. https://t.co/7i8F58PS38 pic.twitter.com/9AVsR7gRRw

– Trace Mayer [gennaio / 3➞₿&# 128273; ∎] (@TraceMayer) 2 dicembre 2019

Ciò che purtroppo è ironico in tutto questo è che Bitcoin è stato creato per consentire alle persone di decentralizzarsi dalle banche e da altre istituzioni. Invece, come illustrato sopra, il Bitcoin viene apparentemente dato a società centralizzate che ora controllano vaste aree di ricchezza di criptovalute.

Certo, rimangono milioni di BTC detenuti in portafogli auto-sovrani, anche se questa tendenza è straziante, almeno per i decentralisti irriducibili.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me