Parlamentare europeo: vede Blockchain come la prossima rivoluzione politica

Euro Blockchain

Eva Kaili è un membro del Parlamento europeo. Rappresenta la Grecia e ha un visione molto positiva della tecnologia blockchain. A differenza di molti politici che associano fortemente la blockchain alle criptovalute, Eva Kaili vede la blockchain come una tecnologia trasformativa nel regno politico.

Come hanno dimostrato le recenti elezioni di medio termine negli Stati Uniti, i sistemi di voto sono lungi dall’essere perfetti. I riconteggi sono un processo che richiede tempo e non affrontare le basi di un sistema di voto che non è così sicuro o preciso come dovrebbe essere.

Euro Blockchain

Eva Kaili vede la promessa in Blockchain

Eva Kaili vede che la blockchain sta già entrando nel mercato globale.

Ha detto a EAK TV quello:

“Direi che in ogni settore posso vedere sviluppi interessanti, ma forse valorizzare di più con la catena di approvvigionamento … le altre cose sono rimuovere gli attriti con gli intermediari, risparmiandoci costi che non dovremmo avere nei servizi finanziari”.

Non c’è dubbio che la logistica sia un settore privilegiato per l’adozione della blockchain. Non solo il monitoraggio degli articoli può trarre vantaggio dalla finanza commerciale blockchain è anche sul punto di andare su piattaforme blockchain private.

Molti politici sono stati totalmente negativi su blockchain e criptovalute, ma Eva Kaili vede un maggiore interesse da parte di altri parlamentari dell’UE. Lo ha commentato,

“Direi che cerchiamo di creare un ambiente molto positivo per l’innovazione e la tecnologia, per non accettare la resistenza del sistema bancario e del sistema tradizionale … Penso che tutti ora comprendano il potenziale e l’impatto che questa tecnologia potrebbe avere”.

Le posizioni politiche contano

Ci sono un certo numero di altre persone sia all’interno che all’esterno dei governi globali che suggeriscono che la blockchain potrebbe avere un futuro nella governance.

Il capo del PR per l’iniziativa e-Residency in Estonia, Arnaud Castaignet, ha recentemente parlato di un’idea che consentirebbe agli utenti di utilizzare token basati su blockchain per identificarsi. Sente che un programma basato su crittografia taglierebbe la burocrazia e, quindi, i costi.

Il ministro dell’Information Technology e del turismo del governo del Karnataka (India), Priyank M Kharge, ha dichiarato ai media che,

“Dobbiamo capire che la tecnologia blockchain non è nata dall’oggi al domani. Anche la rivoluzione di Internet o la tecnologia mobile ha richiesto tempo. Ci sono voluti due o tre decenni per avere questo tipo di interruzione. Quindi dobbiamo esplorare e comprendere meglio questa tecnologia [Blockchain] per renderla davvero una tecnologia per le persone. E, cosa più importante, dobbiamo capire come utilizzare questa tecnologia nella governance. Come posso usarlo per offrire un migliore sistema di consegna per i cittadini “.

Anche stati indiani come Andhra Pradesh e Telangana stanno lavorando su piattaforme che gestiscono anche i record del settore pubblico come la proprietà o la registrazione dei veicoli con blockchain. Anche il governo federale indiano sembra essere a bordo, sebbene non siano ancora arrivate iniziative ufficiali.

Voto Blockchain

Leggi: Implementare Blockchain per il voto: uno sguardo approfondito ai problemi tecnici

Partito thailandese che utilizza Blockchain per le elezioni

Il Partito Democratico thailandese ha utilizzato un sistema blockchain per facilitare le elezioni primarie all’inizio del mese. La piattaforma era alimentata da Zcoin ed era l’unico sistema utilizzato per l’intero processo.

Fondatore e Lead Developer presso Zcoin, Poramin Insom, disse quello,

“Sono molto orgoglioso che Zcoin abbia svolto un ruolo nel rendere il primo voto elettronico su larga scala della Thailandia, una realtà, che ha visto una maggiore partecipazione e trasparenza degli elettori. Credo che abbiamo raggiunto un traguardo enorme nella storia politica del nostro paese e spero che altri partiti politici o persino il governo non solo in Thailandia ma nella regione possano cercare di utilizzare la tecnologia blockchain per consentire il voto elettronico o i sondaggi su larga scala “.

La piattaforma blockchain ha riunito più di 120.000 persone provenienti da tutta la Thailandia ed è stata considerata di successo. Tutti i voti sono stati registrati sulla blockchain di Zcoin e sono impossibili da modificare. Prima di essere registrato, Zcoin avrebbe utilizzato InterPlanetary File System (IPFS) per creare pacchetti di dati crittografati che contenevano numeri di voto e documenti di identificazione.

Blockchain sta sicuramente facendo breccia in molte aree che a prima vista sembrano lontane. Il thread vincolante è una necessità di record protetti. In molte aree il sistema stabilito è semplicemente inefficiente e in altre non è affatto adatto allo scopo. Il voto su blockchain è un’area in cui le persone potrebbero trarre vantaggio da una migliore conservazione dei dati, ma non è l’unico!

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map