Sia

La fine dell’anno fiscale per la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti è stata a tema criptovaluta, poiché il watchdog finanziario ha chiuso il periodo con due accordi di progetti di criptovaluta di alto profilo in altrettanti giorni.

Meno di 24 ore dopo la notizia che la Commissione aveva imposto un accordo per un importo di 24 milioni di dollari con Block.one di EOS builders per un’offerta di sicurezza non registrata, Nebulous – la società dietro la rete di cloud storage decentralizzata Sia e il suo ecosistema dual-token – ha annunciato il 1 ° ottobre di averlo fatto anche entrato in un insediamento con la SEC.

Sia

Perché? La SEC ha affermato che la vendita di Sianotes del 2014 da parte della società, che è distinta dalla criptovaluta Siacoin (SC) scambiata negli scambi di criptovaluta in tutto il mondo, comprendeva anche un’offerta di sicurezza non registrata. L’offerta ha raccolto $ 120.000 all’epoca, con Sianotes che successivamente è passato ai cosiddetti Siafunds.

Grandi notizie! Abbiamo stipulato un accordo con la SEC per la nostra offerta 2014 di Siafunds (il nostro token di sicurezza) e la SEC non ha intrapreso alcuna azione esecutiva contro Siacoins o qualsiasi attività in corso sulla rete Sia. Leggi il comunicato stampa qui. Discussione in arrivo! https://t.co/XOWk9lmqG6 pic.twitter.com/oyCOMDwwfq

– Sia (@SiaTechHQ) 1 ottobre 2019

Ovviamente, quella vendita e la conseguente conversione del token di sicurezza sono avvenute prima che la SEC pubblicasse il suo storico rapporto DAO 2017, in cui la Commissione aveva ufficialmente avvertito l’ecosistema delle criptovalute che le leggi federali sui titoli si applicavano alle vendite di token che erano alla portata degli investitori statunitensi..

In particolare, il cane da guardia non ha intrapreso azioni di contrasto contro l’attuale criptovaluta Siacoin, suggerendo che i regolatori non considerano allo stesso modo l’asset come un titolo.

“Senza ammettere o negare le accuse della SEC, Nebulous ha accettato un accordo e pagherà una sboccatura di $ 120.000, interessi di pregiudizio di $ 24.601,85 e una penale di $ 80.000, per un totale di circa $ 225.000”, ha detto la società sulla rete Sia sito web.

Notizie fresche di Block.one

L’accordo Nebulous arriva subito dopo l’accordo di Block.one con la SEC, che è stato annunciato il 30 settembre e ha visto l’azienda accettare di pagare una sanzione civile di $ 24 milioni.

La società ha tenuto un ICO dall’estate del 2017 all’estate del 2018, offrendo agli investitori i token ERC20 Ethereum che sono stati successivamente convertiti in token sull’effettiva rete EOS. Block.one avrebbe raccolto fino a $ 4 miliardi nella vendita.

In quanto tale, la SEC ha stabilito che Block.one non ha registrato quel token preliminare come titolo. La società ha accettato di pagare la penale di 24 milioni di dollari “senza ammettere o negare i risultati [della Commissione]”.

Alcuni nel criptoverso hanno salutato il flex come troppo duro, mentre altri sono rimasti sbalorditi dalla clemenza della Commissione. In ogni caso, l’accordo mostra che l’uso del soprannome “ICO” e prendere le distanze inadeguatamente dagli investitori statunitensi non lo taglierà per la SEC.

“Le società che offrono o vendono titoli a investitori statunitensi devono rispettare le leggi sui titoli, indipendentemente dal settore in cui operano o dalle etichette che pongono sui prodotti di investimento che offrono”, Stephanie Avakian, co-direttore della Division of Enforcement della Commissione, disse.

Verso uno standard minimo di settore?

Ci sono alcuni punti chiave da queste due ultime azioni di contrasto.

Innanzitutto, il caso Sia mostra che la SEC è disposta a perseguire progetti che offrivano titoli non registrati anche prima del rapporto DAO 2017. In secondo luogo, la transazione Block.one indica che la SEC valuterà se un token una volta era un titolo ma non lo è più, ad es. come la Commissione ha determinato che il token EOS ERC20 “IOU” era, in effetti, una sicurezza ma non aveva nulla da dire sull’attuale token EOS che risiede sulla mainnet EOS.

Jake Chervinsky, General Counsel per il prestito di dApp Compound Finance, ha riflettuto in un thread Twitter correlato che le nuove azioni potrebbero indicare la soglia di decentralizzazione che i progetti token devono raggiungere per non essere colpiti dalle azioni di contrasto della SEC.

“[Questi] token potrebbero rappresentare gli standard minimi del settore per … evitare la regolamentazione dei titoli”, ha detto Chervinsky.

17 / E se la SEC credesse davvero a EOS & Le siacoin non sono titoli?

Quindi questi token potrebbero rappresentare gli standard minimi del settore per negare il test di Howey & evitare la regolamentazione dei titoli – modelli rispetto ai quali altri progetti misurano la loro "decentralizzazione sufficiente."

– Jake Chervinsky (@jchervinsky) 1 ottobre 2019

Un altro punto da considerare?

La SEC non ha demolito completamente queste società con azioni di contrasto, suggerendo che il cane da guardia sarà indulgente, ove possibile, per i progetti che collaborano con il regolatore. Sicuramente lo stesso non si può dire per coloro che preferiscono andare in guerra con la SEC, come nel caso di Kin.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me