Tezos richiede informazioni KYC agli investitori 11 mesi dopo la fine dell’ICO

Guida Tezos

Tezos ha annunciato la scorsa settimana che richiederà a tutti i partecipanti ICO di sottoporsi a un controllo KYC completo. Questo annuncio è stato accolto con shock, sorpresa e disgusto poiché l’ICO per Tezos è terminato quasi un anno fa. Il progetto Tezos è stato impantanato in controversie e cause legali sin dai suoi primi giorni e non ha ancora lanciato la sua rete principale o il prodotto netto di prova. Questo annuncio potrebbe danneggiare la reputazione già assediata di questo progetto di criptovaluta un tempo promettente.

Tezos KYC

Cos’è Tezos?

Tezos è per molti versi un concorrente di Ethereum. Prevede di offrire contratti intelligenti e supporto per applicazioni decentralizzate. Il sistema verrà eseguito su un modello proof-of-stake in cui la Fondazione Tezos afferma sul suo sito web ufficiale che “gli stakeholder governano il protocollo”.

La società ha tenuto un ICO per le sue monete Tezos nel luglio 2017. Questo ICO è stato un incredibile successo e ha portato oltre $ 250 milioni di Bitcoin ed Ethereum. Poco dopo la fine dell’ICO, i problemi iniziarono rapidamente ad apparire uno dopo l’altro.

Mentre la saga è troppo complicata per essere qui, alcuni degli eventi principali includono cause legali, leader che si dimettono o vengono sostituiti, multe, accuse di coinvolgimento in frodi sui titoli e un lancio principale ritardato che ha messo molti in collera di impazienza.

Secondo un articolo apparso su Coin Telegraph nel febbraio di quest’anno, uno dei co-fondatori di Tezos aveva promesso che sarebbe “diventata una canaglia” e avrebbe lanciato la piattaforma indipendentemente dalle cause legali in corso. Ciò non sembra essere accaduto poiché il sito Web ufficiale include solo informazioni su un file prova il lancio netto che di per sé non è ancora accaduto.

Tutti i tuoi KYC appartengono a noi

Uno dei motivi principali per cui gli investitori sono attratti dagli ICO è perché la partecipazione era anonima. Si potrebbe contribuire a un ICO e ricevere i token poco dopo, il tutto senza la necessità di passare attraverso una noiosa o costosa procedura di conoscenza del cliente. Molte ICO in passato richiedevano solo che i partecipanti selezionassero una singola casella in cui si afferma che non sono americani o residenti negli Stati Uniti.

Riciclaggio di denaro Bitcoin

Leggi la nostra guida al riciclaggio di denaro: regolamenti mondiali

Tutto è cambiato quando la SEC degli Stati Uniti ha iniziato a intensificare la propria retorica in riferimento alle ICO.

Ora sta diventando una pratica standard per la maggior parte degli ICO residenti negli Stati Uniti o residenti negli Stati Uniti richiedere che i documenti di identità vengano presentati e verificati prima di poter partecipare. Alcuni ICO si spingono addirittura al punto di richiedere lo status di investitore accreditato per tutti i partecipanti indipendentemente dalla residenza o dalla cittadinanza. Questo perché ci sono meno regolamenti SEC applicabili agli investimenti solo accreditati.

Ciò che è significativo di ciò che sta facendo Tezos è che stanno chiedendo questi documenti quasi un anno dopo il completamento del loro ICO.

Anche il co-creatore di Ethereum Vitalik Buterin ha suonato fuori sul post ufficiale di Tezos su Twitter.

Questo sembra al contrario. Perché terze parti non possono semplicemente eseguire uno script per scansionare i blockchain BTC / ETH, vedere quanto hanno contribuito tutti, calcolare quanto XTZ tutti dovrebbero ottenere e generare il blocco genesis senza il coinvolgimento di Tezos Co?

È così che ha funzionato il lancio di Ethereum.

– vitalik.eth (@VitalikButerin) 11 giugno 2018

Buterin a parte, le risposte della comunità all’annuncio sono state in gran parte negative. Molti utenti sono apparsi frustrati dagli infiniti ritardi e problemi, e ora chiedere documenti di identificazione per tutti gli investitori quasi un anno dopo sembra palesemente ridicolo per molti di loro.

E i cittadini statunitensi vengono esclusi da questo KYC o cosa? La domanda n. 1 e non puoi dare una risposta?

– Charles Douthat (@creiddouthat) 10 giugno 2018

Un certo numero di investitori con sede negli Stati Uniti sta esaurendo la pazienza in attesa che Tezos commenta se saranno esclusi retroattivamente o meno. Tezos non sembra aver risposto a preoccupazioni di questo tipo, con commenti che arrivano poche ore prima dell’orario della stampa che fanno eco a questa stessa preoccupazione.

https://twitter.com/meyou5ick/status/1006320546878054400

Altri sembrano frustrati dagli infiniti scandali e problemi che Tezos ha dovuto affrontare.

Gli altri ICO completati faranno lo stesso?

Ciò che resta da vedere è se altri progetti ICO che vogliono rimanere entro i confini di leggi in continua evoluzione eseguiranno anche richieste simili per i dati KYC dopo il fatto.

A causa del modo in cui la criptovaluta è progettata per funzionare, se un progetto è già stato lanciato, o monete o gettoni sono già stati distribuiti, anche se dovessero fare una richiesta del genere, verrebbero probabilmente ignorati. Tezos si trova in una posizione interessante perché sembra ancora lontanissimo da un lancio ufficiale. Quello, e le monete Tezos formali non sono ancora state rilasciate. Pertanto sembrerebbe che la fondazione possa essenzialmente trattenere le monete in riscatto fino a quando gli investitori non si conformano.

Molto probabilmente, vedremo più progetti che richiedono l’identificazione in anticipo, e dovremmo tenerne conto prima di decidere di essere coinvolti nel progetto. Tuttavia, Tezos che chiede improvvisamente l’identificazione dopo il fatto sembra solo uno sporco trucco e qualcosa che la comunità probabilmente non perdonerà molto facilmente. Forse solo il più duro dei credenti irriducibili sarà in grado di dire che non c’è niente di sbagliato in questa azione.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map