Previsione dei prezzi di Chainlink 2020: da $ 3 a $ 1k – Cosa ne pensano gli esperti?

Previsione del collegamento a catena

Il progetto Oracle decentralizzato Chainlink è stato uno dei grandi vincitori della criptoeconomia del 2019, in particolare sui fronti di adozione, partnership e azione sui prezzi.

L’aumento non è necessariamente sorprendente: gli oracoli sono difficili da costruire e molto richiesti e Chainlink è uno dei primi tentativi per fare progressi interessanti nell’arena.

Una delle più grandi pietre miliari nella giovane storia del progetto è arrivata l’anno scorso, quando Chainlink è andato in diretta con la sua attivazione sulla mainnet. Con questo lancio, l’attenzione intorno al sistema oracle middleware e alla sua crittografia associata, LINK, è aumentata nello spazio.

Partnership di collegamento a catena

In effetti, il nuovo esame ha portato il team di Chainlink a chiudere una serie di nuove partnership nel 2019, tra cui Celer, Harmony, Hedera Hashgraph, Matic, Ocean Protocol, Synthetix, Zilliqa e altri. L’anno ha visto anche LINK quotato su scambi influenti come Coinbase e Binance.US.

Anche le grandi imprese hanno preso atto del progetto lo scorso anno. Il team di Google Cloud ha ideato un modo per creare “app blockchain / cloud ibride” utilizzando lo stack Ethereum + Chainlink. Il braccio delle startup del gigante del software Oracle ha collaborato con Chainlink per aiutare le startup a vendere i propri dati. E Thomson Reuters ha iniziato a lavorare su un proof of concept (PoC) che avrebbe unito il servizio Contract Express dell’azienda con la tecnologia dei contratti intelligenti utilizzando Chainlink.

Partnership di collegamento a catenaAlcuni dei partner di Chainlink, immagine da Exploring.link

Se tali abbracci non fossero abbastanza interessanti, i ricercatori di Key Chainlink hanno avanzato una nuova tecnica sulla privacy nel 2019 denominata “Mixicles”, che utilizza gli oracoli per portare la privacy nei contratti intelligenti.

Anno fantastico per LINK

Senza carenza di azione Chainlink, il prezzo di LINK è andato per una corsa al rialzo nel corso dell’anno, essendo aumentato del 500 percento da $ 0,29 USD a $ 1,80 tra il 1 ° gennaio 2019 e il 1 ° gennaio 2020. Anche il brusio intorno alla criptovaluta ha contribuito a spingere LINK a un nuovo massimo storico di $ 4,36, che è stato raggiunto brevemente la scorsa estate.

Ma quello era l’anno scorso e un nuovo anno è alle porte. Il 2020 sarà un altro ripper di un anno per Chainlink e la sua crittografia, oppure i prossimi 12 mesi si dimostreranno costanti per il progetto sulla scia del suo avanzamento così veloce così veloce?

Queste domande sono nella mente di molte parti interessate di Chainlink e le opinioni abbondano di conseguenza. Esaminiamo alcune previsioni importanti su dove il progetto potrebbe dirigersi a breve termine per avere un’idea migliore di come potrebbe essere il suo orizzonte.

Altre previsioni sui prezzi

  • Previsione dei prezzi Bitcoin 2020
  • Previsione dei prezzi di Ethereum 2020
  • Previsione dei prezzi Litecoin 2020

Ryan Selkis: Sii consapevole di “Dumpenings”, Concorso

Ryan Selkis è un commentatore di criptovalute e un co-fondatore dell’hub di ricerca crittografica Messari. Sulla scia di una tradizione iniziata nel 2019, Selkis ha recentemente pubblicato il suo secondo articolo sull’ecosistema del nuovo anno, “Tesi crittografiche per il 2020.”

In una sezione, Selkis ha predetto che le “discariche” del tesoro – o le maggiori pressioni di vendita sostenute dal progetto – erano in serbo per progetti token che avevano grandi ICO del 2017 ma non erano ancora diventati pubblici.

Ryan SelkisRyan Selkis, immagine da Youtube

Nel fare questa stima, Selkis ha menzionato il già pubblico Chainlink come uno degli esempi di progetti simbolici che avevano grandi casse di guerra del tesoro che potevano essere vendute relativamente velocemente. Il suo suggerimento? Almeno i progetti live con utenti live sarebbero più resistenti a tali svendite rispetto alle loro controparti token ancora non lanciate. Come ha detto Selkis:

“Ho detto [l’anno scorso] che avremmo visto la maggior parte dei token scendere del 99% o più dai loro massimi storici, principalmente a causa dell’incredibile quantità di pressione di vendita che avrebbe colpito la maggior parte dei mercati dei token una volta che i team e gli investitori interni avrebbero iniziato a liquidare le posizioni. Secondo questa metrica, XRP ha una tesoreria liquida che potrebbe essere oggetto di dumping dal mercato di $ 2-3 miliardi, XLM ha una tesoreria liquida che potrebbe essere oggetto di dumping dal mercato di $ 800 milioni e Chainlink ha un liquido che potrebbe essere scaricato dal mercato tesoro di $ 600 milioni. Questi sono alcuni dei beni scambiati pubblicamente. Per i progetti simbolici che hanno raccolto grosse somme di denaro a valutazioni di sangue dal naso nel 2017, le cose potrebbero diventare molto brutte, molto rapidamente una volta che iniziano a fare trading “.

Naturalmente, Selkis non ha fatto una previsione concreta in quel passaggio. Tuttavia, a parte, il riferimento fa venire in mente voci secondo cui il team di Chainlink avrebbe venduto 14 lotti di 700.000 LINK la scorsa estate..

Vale a dire, i suoi costruttori hanno apparentemente immerso nel tesoro prima e lo faranno in futuro come ritengono opportuno. Come ha accennato Selkis, almeno il progetto Chainlink è posizionato per resistere ragionevolmente a quel tipo di forte pressione di vendita. Perlomeno, vale la pena tenere presente che se il prezzo del LINK si comporta bene nel 2020 come ha fatto l’anno scorso, il tesoro del progetto potrebbe essere nuovamente immerso.

Anche Selkis aveva commenti più specifici per Chainlink nelle sue “Tesi”. In seguito ha notato che poteva immaginare che la competizione degli oracoli si surriscaldasse e Chainlink di conseguenza perdesse terreno rispetto agli altri, suggerendo che è nel regno della possibilità che il progetto si sposti costantemente in avanti:

“Sono sconcertato da Chainlink. È la soluzione all’evasivo problema Oracle? O è un progetto troppo sopravvalutato … I giganti della tecnologia Oracle e Google hanno recentemente annunciato l’intenzione di utilizzare la rete di Chainlink per scopi di condivisione dei dati … Ma ancora non capisco l’economia del token stesso? E sicuramente non li capisco a $ 1,3 miliardi di valore di rete. Al di fuori di Chainlink, vari protocolli DeFi, tra cui MakerDAO, Compound e UMA, hanno anche introdotto nuovi design Oracle nel 2019 per rimuovere lo strato di fiducia associato ai loro feed di prezzo “.

Tanya Abrosimova: da $ 2,5 a $ 3

Tanya Abrosimova è un’analista crittografica presso la pubblicazione di commercio forex FXStreet. L’8 gennaio 2020, il chartist stimato che una mossa sostenuta su un prezzo LINK di $ 2,3 potrebbe aprire la strada a un’eventuale corsa fino a $ 3.

Al momento della stampa, una settimana dopo, LINK era in effetti scambiato appena sopra quel segno di $ 2,3. Quella corsa potrebbe davvero essere in linea, allora? Come Abrosimova aveva spiegato giorni prima:

“[O] i sentimenti rialzisti sul mercato delle criptovalute hanno aiutato la moneta a rompere un’importante resistenza a $ 2.0 rafforzata quotidianamente da SMA50 (Simple Moving Average). Una volta confermata questa svolta, lo slancio al rialzo ha iniziato a guadagnare terreno. Al momento della scrittura, LINK / USD sta testando SMA100 ogni giorno a $ 2,3. Avremo bisogno di vedere una mossa sostenibile al di sopra di questa maniglia affinché il rialzo guadagni trazione con il prossimo focus su $ 2,5 e $ 3,0 psicologici “.

Timo Harings: ~ $ 4 + speculazione Barclays

Timo Harings è un esperto della community di Chainlink che è decisamente ottimista su LINK.

All’inizio di dicembre 2019, Harings ha twittato una proiezione del grafico che collocava LINK nel nuovo anno tra $ 3 e $ 4, dicendo all’epoca che “Qui è dove si accumula il denaro intelligente”.

La disperazione è cattiva all’interno del #Chainlink comunità rn. Si sta scrollando di dosso un sacco di soldi stupidi che sono saliti a bordo dalle notizie di Google e Coinbase. L’RSI è al minimo in questo momento, il prezzo è ancora estremamente alto dall’inizio della corsa. Qui è dove il denaro intelligente si accumula di più. pic.twitter.com/tAv1vPQiYE

– Timo Harings (@DLTPandu) 2 dicembre 2019

Quella fascia di prezzo non si è verificata entro il 1 ° gennaio, ma solo pochi giorni dopo una nuova ondata di forte pressione di acquisto in tutta la criptoeconomia e intorno a LINK ha messo $ 3 nel mirino diretto dei trader.

Detto questo, Harings è presumibilmente ottimista quanto lo era a dicembre e di conseguenza penserebbe che $ 4 rimarranno assolutamente in gioco nel prossimo futuro.

Oltre il prezzo, Harings pubblicato un editoriale del 15 gennaio in cui ha ipotizzato che i segnali indicassero una collaborazione tra il gigante bancario Barclays e Chainlink. Potrebbe non funzionare mai, ma se lo facesse, un grande vantaggio per LINK sarebbe tutt’altro che sorprendente.

WalletInvestor: $ 4,35 in 1 anno, $ 12,9 in 5 anni

Le macchine sono rialziste su LINK. Ebbene, le macchine di WalletInvestor lo sono. Il sito di previsione delle criptovalute, che utilizza tecniche di Machine Learning (ML) per prevedere i prezzi delle criptovalute, è caldo su Chainlink al momento.

Al momento della stesura di questo articolo, WalletInvestor prevedeva che LINK sarebbe salito a $ 4,35 tra un anno e a poco meno di $ 13 tra cinque anni.

Ovviamente, WalletInvestor non può tenere conto di tutti i tipi di sviluppi che si verificheranno nei mesi a venire, quindi prendi queste previsioni con le pinze.

Da Top 10 Coin a Top 5: $ 5,7– $ 10

Una cosa comunemente discussa nella comunità di Chainlink è che LINK potrebbe diventare una delle prime 10 criptovalute per capitalizzazione di mercato. Non ci sono indicazioni che accadrà nel 2020, ma le cose potrebbero andare se così fosse?

Al momento della stesura di questo articolo, la capitalizzazione di mercato di LINK era di $ 850 milioni, una posizione che rende la criptovaluta la diciannovesima più grande della criptoeconomia attualmente.

Affinché LINK possa entrare in modo decisivo nelle prime 10 monete più grandi al momento, la sua capitalizzazione di mercato dovrebbe raddoppiare fino a quasi $ 2 miliardi. Se ciò accadesse, il prezzo LINK aumenterebbe di circa il 135%. Purtroppo, con il prezzo attuale di LINK a $ 2,43, ciò significa che una tale salita potrebbe portare il prezzo del token appena al di sotto del segno di $ 6.

In alternativa, affinché LINK diventi una delle prime 5 monete in questo momento, la sua capitalizzazione di mercato dovrebbe salire vicino al segno di $ 6 miliardi. Quell’ipotetico aumento potrebbe portare LINK sopra i $ 10 a pop.

Questa è tutta matematica speculativa sul tovagliolo, ovviamente, ma entrambi gli scenari rientrano nel campo di applicazione di ciò che alcuni investitori rialzisti di LINK stanno guardando.

Molto di più dovrebbe accadere a LINK per montare tali ascensioni, ma se il progetto diventa sempre più rispettabile, tale ascesa è nel regno delle possibilità.

CryptoSponge: Siamo davvero intorno al 2021

L’analista pseudonimo di Chainlink CryptoSponge ha messo insieme uno dei migliori e più completi Post di revisione 2019 sul progetto Oracle che abbiamo incontrato.

Alla fine di quella recensione, l’autore ha concluso con un occhio al lungo termine che erano entusiasti per il 2020 ma pensavano che il vero premio per Chainlink sarebbe stato nel posizionarsi per il 2021 e oltre:

“In qualità di sostenitore di Chainlink, è difficile non essere entusiasti del 2020. Il team sta puntando su tutti i cilindri, ed è sempre più ovvio che stanno pianificando molti trimestri in anticipo – apparentemente sempre sincronizzando le loro mosse per combaciare con lo sviluppo del mercato più ampio . Per quanto promettente possa sembrare il 2020, cercherò di rispecchiare la mentalità di Chainlink di pensare oltre i dodici mesi. Raggiungere il prossimo traguardo è entusiasmante, ma posizionarsi idealmente per il 2021 e oltre sarà la ricompensa finale “.

No, non $ 1.000!

LINK $ 1.000 in arrivo? Il meme è forte con questo.

Per la maggior parte, è uno scherzo rialzista fatto per divertimento. Per quei pochissimi là fuori che pensano che $ 1.000 LINK non siano fuori discussione nel prossimo futuro, non farti sperare. Raggiungere 1/100 di quel segno è molto più realistico nel prossimo futuro e sarebbe comunque piuttosto impressionante e rialzista.

Certo, torniamo alla barzelletta se Chainlink inizia a salire su di giri per aiutare a garantire trilioni di dollari al giorno come fa attualmente il sistema di pagamenti SWIFT, ma al momento questo potenziale bar è astronomicamente lontano.

E va bene anche questo. Roma non è stata costruita in un giorno. Affinché Chainlink raggiunga l’adozione tradizionale, i suoi costruttori e la comunità devono essere diligenti nel qui dentro ora.

Conclusione: All Eyes on Staking, DeFi e altre partnership mainstream

Mentre Chainlink continua a maturare, la cosa più importante nelle menti di molti dei suoi stakeholder è l’imminente lancio dello staking, che consentirà ai titolari di LINK di mettere in gioco i loro token per guadagnare più LINK in cambio di aiutare la rete.

  • Mentre i dettagli su quando lo staking verrà attivato sono ancora confusi, i pool di staking come LinkPool stanno già spuntando per servire la comunità. Cerca più sforzi di pool per proliferare in futuro.
  • Un altro punto di interesse che gli osservatori di Chainlink stanno cercando sono più abbracci DeFi, come la partnership Synthetix nel 2019.
  • Ad esempio, all’inizio di gennaio 2020 i partecipanti alla DeFi e gli innovatori del “prestito flash” dietro il protocollo Aave hanno annunciato di aver collaborato con Chainlink per alimentare la rete oracle di Aave.
  • Come altri sforzi basati su Ethereum che hanno fatto passi da gigante, il team di Aave ha affermato che sarebbe stato difficile e fuori mano dalla loro visione del progetto costruire una soluzione Oracle interna; quindi, dopo la deliberazione, Chainlink è stato scelto come misura ideale.

Cerca più progetti DeFi per seguire lo stesso tipo di logica in futuro, ovvero voler fare affidamento su Chainlink piuttosto che costruire la propria tecnologia oracolare.

Un altro motivo di interesse nelle menti di molti sostenitori di Chainlink sono le prospettive di ulteriori importanti sviluppi nell’adozione.

A dire il vero, le notizie di Google Cloud, Oracle e Thomson Reuters erano estremamente legittimate per Chainlink per il 2019 e potrebbero presagire simili abbracci mainstream a venire.

Forse Barclays, forse no. Ma non sarebbe sorprendente vedere un altro grande nome saltare sul treno Chainlink dopo gli sviluppi che abbiamo visto l’anno scorso. Forse Microsoft è un frutto di bassa portata in questo senso, ma dovremo solo aspettare e vedere.

Riferimenti

  1. https://messari.io/pdf/crypto-theses-for-2020.pdf
  2. https://www.fxstreet.com/cryptocurrencies/news/chainlink-is-about-to-smash-sma100-daily-for-the-first-time-since-november-2019-202001080810
  3. https://messari.io
  4. https://medium.com/@timo.harings/why-i-think-barclays-is-working-with-chainlink-c840393adf29
  5. https://walletinvestor.com/forecast/chainlink-prediction
  6. https://medium.com/aave/the-aave-oracle-network-powered-by-chainlink-is-now-live-45bb8a5a8c4e
  7. https://staking.linkpool.io/help
  8. https://defipulse.com/

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map