Blockchain autorizzati e senza autorizzazione

Gli ultimi due anni hanno portato con sé un enorme aumento della popolarità della tecnologia blockchain, con numerosi progetti implementati da enti privati ​​e pubblici.

Tuttavia, poiché si tratta di una tecnologia emergente, c’è un po ‘di confusione sul mercato relativa alle differenze tra reti autorizzate e senza permessi.

Blockchain autorizzati e senza autorizzazione

Lo scopo di questo articolo è fornire un’introduzione alla tecnologia blockchain ed eliminare la confusione tra i due paradigmi. Infine, aiuterà i lettori a scegliere l’approccio giusto per i loro progetti basati su blockchain.

Tecnologia Blockchain

La tecnologia Blockchain è diventata rilevante sul mercato in seguito alla comparsa di Bitcoin, in quanto rappresenta la sua spina dorsale e l’innovazione che rende le valute digitali così interessanti e piene di potenziale.

Per mettere le cose in prospettiva, una blockchain rappresenta un registro distribuito (DLT) che si basa su protocolli crittografici, è resistente alle manomissioni, fornisce una grande sicurezza, è guidato dal consenso della rete e consente ai dati di essere trasmessi e archiviati in un peer- moda to-peer (P2P).

In altre parole, la tecnologia blockchain consente il trasferimento di dati / asset / valore tra due parti, eliminando la necessità di affidarsi a una terza parte per facilitare tale trasferimento.

Pertanto, fornisce un livello di fiducia che non esisteva fino ad ora, per tutti i tipi di transazioni, poiché tutti i membri della rete hanno accesso alle stesse informazioni tramite il libro mastro, rendendo così facile per i partecipanti verificare e autenticare le transazioni passate.

Da un punto di vista tecnico, le cose possono sembrare un po ‘difficili, poiché la spiegazione tecnica non si sofferma sull’enorme potenziale della tecnologia.

La ricerca sul potenziale è ancora in corso, ma l’industria comunemente accetta che la blockchain abbia grandi implicazioni in un’ampia varietà di mercati, inclusi, ma non limitati a:

  • bancario
  • la logistica
  • finanza
  • Salute
  • processo decisionale manageriale
  • gestione della catena di approvvigionamento
  • la sicurezza alimentare
  • assicurazione
  • i saldi
  • mercati azionari
  • gioco d’azzardo
  • governance
  • e molti altri.

Negli scenari business-to-business, le reti blockchain consentono una maggiore fiducia tra le parti e l’accesso immediato a informazioni pertinenti e autentiche. Questo è così grazie al fatto che le blockchain forniscono una registrazione storica di tutte le transazioni, insieme ai mezzi per registrare queste voci.

In futuro, si ritiene che la tecnologia blockchain rivoluzionerà il modo in cui vengono eseguite le transazioni ei processi B2B / utente, soprattutto in seguito all’introduzione di altre tecnologie come automazione, intelligenza artificiale, Internet of Things e machine learning.

Cos'è Blockchain Governance

Leggi: Cos’è Blockchain Governance?

Tipi di blockchain

Una rete blockchain unica e universale non può servire a tutti i settori, a fronte delle esigenze molto diverse delle aziende e dei singoli utenti.

Ciò ha portato alla creazione di numerose reti blockchain, ognuna con un set di protocolli leggermente diverso, mentre i pilastri posteriori rimangono gli stessi.

Nonostante il vasto numero di reti blockchain disponibili in questo momento, il mercato ha due tipi di blockchain: permisionless (pubblico) e autorizzato (privato).

Blockchain senza permessi o pubblici

Le reti blockchain senza permessi alimentano la maggior parte delle valute digitali del mercato. Consentono a ogni utente di creare un indirizzo personale e iniziare a interagire con la rete, inviando transazioni e quindi aggiungendo voci al libro mastro.

Inoltre, tutte le parti possono scegliere di eseguire un nodo sul sistema o utilizzare i protocolli di mining per aiutare a verificare le transazioni.

Nel caso di Bitcoin, il mining viene eseguito risolvendo complesse equazioni matematiche che in cambio convalidano le transazioni salvate sulla rete: chiunque è libero di scaricare la blockchain di bitcoin e iniziare le operazioni di mining, in cambio di commissioni di mining e ricompense di blocco.

Inoltre, per le valute digitali come Ethereum, la rete blockchain supporta anche i contratti intelligenti, che sono transazioni automatizzate che si eseguono automaticamente quando vengono soddisfatti determinati criteri.

Poiché Ethereum utilizza anche una blockchain senza permessi, chiunque può sviluppare e aggiungere contratti intelligenti alla rete, senza limitazioni imposte dagli sviluppatori.

Oltre a consentire a chiunque di essere coinvolto nella rete, ci sono poche altre caratteristiche associate al modello senza permessi. Questi sono:

  • Decentramento: le reti senza permessi devono essere decentralizzate, il che significa che nessuna entità centrale ha l’autorità per modificare il libro mastro, chiudere la rete o cambiare i suoi protocolli. Molte reti permisionless si basano su protocolli di consenso, il che significa che è possibile ottenere cambiamenti di rete di qualsiasi tipo purché il 50% + 1 degli utenti lo accetti.
  • Risorse digitali: Un’altra caratteristica è la presenza di un sistema finanziario sulla rete. La maggior parte delle reti permisionless ha una sorta di token di incentivazione dell’utente, che può aumentare o diminuire di valore a seconda della rilevanza e dello stato della blockchain a cui appartengono. Attualmente, le blockchain senza permision utilizzano token monetari o di utilità, a seconda dello scopo che servono.
  • Anonimato: considerato il modo in cui operano le blockchain, l’anonimato è diventato piuttosto rilevante nel settore. Molte reti senza autorizzazione non richiedono agli utenti di inviare informazioni personali prima di poter creare un indirizzo o inviare transazioni. Tuttavia, in alcuni casi, le informazioni personali sono necessarie per scopi legali. Bitcoin, ad esempio, non offre il completo anonimato, poiché l’identità dell’utente è indirettamente legata agli indirizzi di cui hanno le chiavi private.
  • Trasparenza: le reti blockchain sono destinate ad essere trasparenti per progettazione. Questa è una caratteristica obbligatoria, dato che gli utenti che si mettono in gioco devono essere incentivati ​​a fidarsi della rete. Pertanto, una rete trasparente deve dare liberamente agli utenti l’accesso a tutte le informazioni tranne le chiavi private – dagli indirizzi, al modo in cui le transazioni vengono elaborate in blocchi e la libertà di vedere tutte le transazioni elaborate dalla rete.

Blockchain autorizzate o private

Le blockchain autorizzate agiscono come ecosistemi chiusi, in cui gli utenti non sono liberamente in grado di unirsi alla rete, vedere la cronologia registrata o emettere transazioni proprie. Le blockchain autorizzate sono preferite dalle organizzazioni centralizzate, che sfruttano la potenza della rete per le proprie operazioni aziendali interne.

È probabile che anche i consorzi aziendali utilizzino blockchain private per registrare in modo sicuro le transazioni e scambiarsi informazioni tra loro.

XRP è un esempio di a blockchain semi-autorizzato, gestito da Ripple Labs.

Ripple XRP Guide

Leggi: la nostra guida a Ripple

Con questo in mente, le blockchain private sono gestite da membri specifici di consorzi o aziende, ei membri devono optare per la creazione di tale rete.

Inoltre, solo persone o entità informatiche approvate hanno la possibilità di eseguire nodi sulla rete, convalidare blocchi di transazioni, emettere transazioni, eseguire contratti intelligenti o leggere la cronologia delle transazioni.

Alcune delle caratteristiche principali delle blockchain autorizzate includono:

  • Decentramento variabile: i membri della rete blockchain sono liberi di negoziare e prendere una decisione in merito al livello di decentralizzazione che avrà la rete. Per la blockchain privata, è completamente accettata se sono completamente centralizzate o parzialmente decentralizzate. È necessaria una qualche forma di controllo centrale, dato che le imprese gestiscono entità. Inoltre, le blockchain private sono libere di scegliere quali algoritmi di consenso desiderano utilizzare, tuttavia il modello di governance è più importante in questo scenario, poiché il potere sulla rete non può essere distribuito uniformemente tra tutti i membri. Ciò ha portato alla creazione di livelli di livello di utenti blockchain privati, consentendo quindi alle persone di fare solo ciò che il loro lavoro richiede loro.
  • Trasparenza & Anonimato: le blockchain private non devono essere trasparenti, ma possono scegliere di farlo liberamente, a seconda dell’organizzazione interna delle imprese. In termini di privacy, non è necessario a livello centrale e può essere determinato individualmente in base al caso dell’utente. Molte blockchain private memorizzano una grande quantità di dati relativi alle transazioni e alle operazioni eseguite dagli utenti. Infine, poiché non esiste un’economia interna per la maggior parte dei blockchain privati, non è necessario vedere come vengono inviati o utilizzati i token monetari.
  • Governance: per le blockchain autorizzate, la governance è decisa dai membri della rete aziendale: esistono numerose dinamiche che possono determinare il modo in cui le decisioni vengono prese a livello centrale, ma non sono necessari meccanismi basati sul consenso, in cui l’intera rete deve concordare un cambiamento.

Conclusione

Sulla base di tutto ciò che è stato delineato finora, le blockchain pubbliche sono destinate ad essere più aperte agli utenti e tendono ad avere protocolli molto rigidi.

D’altra parte, le blockchain private, che sono migliori per le operazioni aziendali interne, hanno dinamiche molto diverse, consentendo così all’ente di governo centrale o al consorzio di entità di decidere su tutti i problemi relativi a come viene creata la rete, i suoi protocolli e ciò che gli utenti possono fare.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me