Cos’è l’architettura Block-Lattice di Nano? Guida completa per principianti

Architettura Nano Block-Lattice

Nano è una criptovaluta a bassa latenza progettata come una rete di pagamenti senza pagamento costruita utilizzando un’innovativa architettura block-reticolo. Precedentemente noto come Raiblocks, la catena di transazioni degli utenti Nano è in realtà la propria blockchain piuttosto che funzionare come un prototipo di indirizzo pubblico crittografico.

I vantaggi diretti della struttura a reticolo di blocchi sono transazioni istantanee, commissioni basse e capacità di elaborazione elevata. Utilizzando un consenso Delegated Proof of Stake (DPoS), Nano raggiunge una rapida finalità e una dimensione della blockchain drasticamente più piccola rispetto ad altre catene di proof-of-work.

Al contrario, la struttura del sistema a blocchi nel contesto della progettazione della rete offre pochi incentivi per la partecipazione e la rete rimane altamente centralizzata.

Architettura Nano Block-Lattice

Sfondo su Nano

Nano è stata fondata da Colin LeMahieu nel 2015 con il rilascio di carta bianca come miglioramento rispetto a Bitcoin per quanto riguarda i pagamenti digitali P2P. Progettato come una rete altamente scalabile, la narrativa di Nano è quella di una rete di pagamenti P2P e valuta. Nano è progettato su misura per l’adozione da parte di consumatori e commercianti, nonché i micropagamenti come funzioni principali.

Nano’s BrainBlocks l’implementazione è una testimonianza del suo design come rete di pagamento dei consumatori e valuta digitale per le transazioni nei punti vendita sia online che in negozio.

Nonostante l’ampia selezione di portafogli, strumenti e applicazioni pratiche di Nano come rete di pagamento, la sua adozione fatica a raccogliere un supporto adeguato per essere considerata tale. Il volume delle transazioni di 24 ore di Nano – secondo il loro metriche di rete – è solo $ 2,8 milioni, al momento della stesura di questo documento. Per il contesto, Bitcoin è di 24 ore volume delle transazioni regolato è poco meno di $ 2 miliardi ed è più un livello di liquidazione di alto valore che una rete di pagamento. Inoltre, VISA, una rete di pagamento legacy, elabora più di 150 milioni transazioni al giorno.

Indipendentemente dalla sua attuale adozione come rete di pagamento, le transazioni gratuite, scalabili e istantanee di Nano sono abilitate esplicitamente dalla sua architettura a reticolo di blocchi.

Il Block-Lattice

Il white paper Nano identifica che ci sono tre componenti fondamentali di una valuta che devono essere soddisfatte affinché funzioni in modo efficace:

  1. Facile trasferibilità
  2. Non reversibile
  3. Commissioni limitate o nulle

Nano raggiunge queste tre proprietà superando il problema della scalabilità endemico con dibattiti sul ridimensionamento on-chain (cioè, dimensione del blocco) rendendo ogni account la propria blockchain, parte di un reticolo blockchain. La scelta del design block-reticolo ha importanti conseguenze, incluso il fatto che il concetto di un libro mastro condiviso e distribuito non si applica. Invece, la rete è un gruppo di blockchain indipendenti non condivisi in cui i nodi utilizzano il controllo della firma per concordare che solo i proprietari della catena di account possono aggiornare lo stato della rispettiva catena. Gli utenti possono successivamente aggiornare lo stato dei loro registri in modo asincrono, consentendo transazioni quasi istantanee con un sovraccarico minimo.

Credito immagine – Whitepaper Nano

La catena di conti Nano genesis inizialmente conteneva tutte le monete NANO. Il saldo genesis è fisso (dopo il 60,8 percento della fornitura intenzionalmente distrutta nel 2017) e NANO viene inviato alle catene di conti tramite transazioni di invio registrate nella catena di conti genesis. Il saldo del conto genesis iniziale non può mai essere superato dalla somma di tutte le catene di conti nella rete.

La transazione di invio menzionata in precedenza fa parte del sistema di transazioni in due parti di Nano. Ogni transazione richiede una transazione di invio e una transazione di ricezione. Le transazioni di invio detraggono il saldo corrispondente dalla catena di conti del mittente e lo codificano nell’ultimo blocco di quella catena. Questo è un componente cruciale del sistema perché i nodi devono solo memorizzare l’ultimo blocco per ogni catena di account senza sacrificare la convalida della correttezza. La transazione di ricezione aggiunge il saldo corrispondente alla catena di account del destinatario e allo stesso modo codifica il saldo nel blocco.

Visualizzazione reticolo a blocchi

Visualizzazione reticolo a blocchi, immagine da Hackernoon

Nano identifica diversi vantaggi del sistema di transazione in due fasi, tra cui il sequenziamento dei trasferimenti in entrata che sono asincroni, consentendo piccole transazioni che possono adattarsi Pacchetti UDP, migliorare l’eliminazione del registro e isolare le transazioni regolate da quelle non regolate.

La latenza della rete e la natura asincrona delle transazioni significa che non esiste un processo standard per concordare quale transazione è arrivata per prima se una catena di account riceve più transazioni da account diversi. Nano si avvicina a questo utilizzando un accordo in fase di progettazione in cui la catena di account ricevente mantiene il controllo sulla decisione di quale transazione in entrata è arrivata per prima. Inoltre, le transazioni sono differenziate come regolate o non regolate. Risolto significa che è stato generato un blocco di ricezione e il saldo codificato mentre non è stato regolato significa che il saldo del destinatario non è stato ancora aggiornato.

I mittenti delle transazioni devono creare un blocco di invio, che è immutabile dopo la conferma. I fondi vengono detratti dal saldo della catena di conti una volta che il blocco di invio viene trasmesso alla rete e sono considerati in sospeso fino a quando la catena di account ricevente crea un blocco di ricezione per la transazione. Una volta generato un blocco di ricezione, la transazione viene regolata e l’importo aggiunto al saldo del destinatario. Una transazione viene considerata verificata una volta se il blocco non esiste già nella catena di account (né invia né riceve), il proprietario dell’account firma la transazione, il blocco precedente è il blocco principale della catena di account e l’hash calcolato soddisfa il PoW Requisiti.

Nano utilizza il proof-of-work (PoW) in un modo simile a quello di Adam Back Hashcash design. Tuttavia, PoW viene utilizzato in Nano esclusivamente per mitigare lo spam e non per raggiungere il consenso.

Credito immagine – Whitepaper Nano

Le catene di account vengono avviate inviando una transazione aperta alla catena di account genesis. I saldi vengono mantenuti misurando i saldi del blocco di invio e del blocco precedente. Successivamente, grandi volumi di blocchi possono essere facilmente scaricati. I requisiti di archiviazione del libro mastro sono significativamente inferiori rispetto ad altre criptovalute e, di conseguenza, i requisiti hardware per i nodi sono minimi.

Nano è in realtà basato su un grafico aciclico diretto (DAG) in cui il consenso utilizzando DPoS viene raggiunto tramite un voto ponderato in base al bilanciamento delle transazioni in conflitto. Ai titolari di catene di conti viene assegnato un rappresentante come parte del sistema di voto DPoS sulle transazioni in conflitto. A causa di questo design, potrebbe sembrare facile avviare un file Sybil attacco dove un’entità dannosa ottiene più catene di account. Tuttavia, il voto è ponderato in base al bilanciamento, il che significa che i costi per eseguire un attacco Sybil sono direttamente correlati alla partecipazione totale nella rete (cioè, la somma dei saldi dei conti) piuttosto che al numero di catene di conti sotto controllo.

Credito immagine – Whitepaper Nano

In sintesi, la struttura a reticolo a blocchi consente una transazione quasi istantanea, zero commissioni e un’elevata scalabilità. La nuova architettura è impressionante e presenta alcuni chiari vantaggi; tuttavia, la mancanza di commissioni fa parte di un più ampio problema di progettazione degli incentivi che probabilmente ne ostacola l’adozione.

Raggiungere una rete di pagamento scalabile

L’architettura block-lattice di Nano offre una capacità di elaborazione unica per i pagamenti di consumatori / commercianti online o presso il punto vendita. Inoltre, Nano è adatto per la futura materializzazione dei micropagamenti. Nonostante la sua promessa, Nano soffre di un notevole problema di incentivi.

Poiché le transazioni di invio aperte estraggono NANO direttamente dalla catena di account genesis, è l’unico mezzo per derivare NANO dalla rete. Pertanto, la mancanza di commissioni significa che non ci sono incentivi per attività on-chain, come il mining in PoW o lo staking in PoS.

I nodi rappresentativi nel sistema di consenso non ricevono nemmeno ricompense per il loro lavoro, quindi il loro unico incentivo a proteggere la rete è attraverso una preferenza per qualche altro motivo, forse ideologico o perché hanno una grande partecipazione in NANO e vogliono che il prezzo aumenti alla fine.

Inoltre, il decentramento fornirebbe migliori garanzie di immutabilità e resistenza alla censura, ma circa il 94 per cento del controllato dell’1 percento delle catene di account.

Con un design di incentivi guidato principalmente dall’utilità come sistema di pagamento P2P, Nano deve competere con e superare i sistemi di pagamento legacy senza un meccanismo di incentivazione praticabile e sostenibile per la partecipazione alla rete. Il PoW come meccanismo di consenso per garantire una blockchain è finora l’unico modello sostenibile praticamente provato per le criptovalute. PoW è un file forma elegante di emissione di denaro che si basa sulla concorrenza del libero mercato e comporta un costo reale (calcolo tramite elettricità) per creare la valuta (ad esempio, Bitcoin). In Nano, l’emissione di denaro è direttamente legata alla popolarità della rete come mezzo di pagamento (perché si basa sull’utilità come progetto di incentivazione), poiché tutto il NANO di nuova emissione deriva dal conto genesis con transazioni di invio aperte.

Rimuovere l’incentivo dei partecipanti che proteggono completamente la rete è un territorio incerto.

Conclusione

La narrativa di Nano come rete di pagamento P2P e valuta digitale è supportata dalle straordinarie capacità conferite dalla sua struttura a blocchi. Tuttavia, la sua difficoltà nell’adozione come mezzo di pagamento è aggravata dalla mancanza di una struttura di incentivi a catena per i partecipanti alla rete risultante dal design a reticolo a blocchi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map