Tokenizzazione

A volte è utile fare un passo indietro dal nocciolo delle singole criptovalute per guardare al quadro generale. La tecnologia blockchain promette di cambiare molti vecchi paradigmi tecnologici e finanziari grazie alla sua struttura unicamente trasparente, immutabile e distribuita. Questi vantaggi possono essere classificati in poche grandi categorie. La tokenizzazione è una di queste; la blockchain ha la capacità di iniettare liquidità in mercati precedentemente illiquidi o comunque ingombranti. Faremo un breve sondaggio sul panorama della tokenizzazione e sulle tre principali classi di asset che probabilmente trarranno vantaggio dalla maggiore adozione della blockchain.

Tokenizzazione in poche parole

La prima cosa che dobbiamo discutere è cosa sia esattamente la tokenizzazione. In generale, la tokenizzazione è il processo di conversione di una qualche forma di risorsa in un token che può essere spostato, registrato o archiviato su un sistema blockchain. Sembra più complesso di quello che è. Per dirla semplicemente, la tokenizzazione converte il valore memorizzato in un oggetto – un oggetto fisico, come un dipinto, o un oggetto intangibile, come un credito di carbonio – in un token che può essere manipolato lungo un sistema blockchain.

Tokenizzazione

Si potrebbe dire che Bitcoin rappresenti la tokenizzazione dell’uso elettrico e della potenza di calcolo in un mezzo di scambio, per esempio. Questo è un esempio un po ‘astratto, ma ci fornisce una base su cui lavorare. Il punto principale per i nostri scopi è che una blockchain è un sistema o una piattaforma e la sua struttura consente lo scambio di elementi che in realtà non si prestano a un trading facile. Inoltre, ha numerosi vantaggi rispetto ai cosiddetti mercati della carta tradizionali, in particolare in termini di velocità, sicurezza e responsabilità.

La capacità di Blockchain di tokenizzare le risorse è praticamente illimitata, ma è possibile raggruppare queste risorse in tre grandi categorie. Li esamineremo in ordine di innovazione, ovvero la capacità della blockchain di cambiare il modo in cui vengono gestiti i trasferimenti di asset tradizionali. Queste tre categorie sono beni immateriali, beni fungibili e beni non fungibili.

Intangibili

Gli intangibili sono naturali per il mondo della blockchain perché non esistono realmente, almeno nel senso tradizionale. Potrebbe sembrare superficiale, ma è vero. Gli intangibili rappresentano idee o concetti, piuttosto che beni fisici, e quindi si prestano più facilmente ai mercati intangibili, siano essi mercati tradizionali della carta o mercati blockchain.

Probabilmente conosci la maggior parte dei grandi intangibili. I diritti d’autore, i brevetti, il riconoscimento del marchio e la buona volontà sono ottimi esempi.

Una delle cose fondamentali da ricordare sugli intangibili è che non hanno necessariamente un valore facile da fissare. Che prezzo daresti al design del tuo nuovo microchip? E il tuo modello di business unico? Per essere più precisi, qual è il valore in dollari dell’associazione di lunga data della Coca-Cola con il Natale, gli orsi polari e tutto il resto?

Questi concetti, tuttavia, possono essere rappresentati da uno o più token su un sistema blockchain. Possono essere assegnati un identificatore univoco e quindi scambiati, guadagnando il loro valore dal mercato. La creazione di token per beni immateriali offre loro un solido supporto per il trasferimento e una garanzia sicura della loro legittimità. Inoltre, non è necessario archiviare o spostare fisicamente l’attività immateriale. Come trasferire un’idea da una persona all’altra, comunque, in senso legale e finanziario? Puoi setacciare risme di documenti legali notarili o puoi scambiare un token digitale con una firma univoca che rappresenta il bene immateriale.

Ad esempio, immagina che la società A desideri trasferire il design di un determinato widget alla società B. Le società A e B si trovano su lati opposti del globo, tuttavia, e c’è una netta differenza nel modo in cui i brevetti e i diritti d’autore vengono gestiti nei rispettivi paesi. Il solo lavoro di ufficio legale si avvicina a rendere la transazione proibitivamente difficile e costosa. Tuttavia, la tokenizzazione del design consente alla società A di effettuare il trasferimento alla società B in modo aperto e trasparente con un prezzo concordato eseguito tramite contratto intelligente. La transazione è quasi istantanea e immediatamente verificabile. L’hash univoco assegnato al token assicura che non sia solo una copia del brevetto originale; è il brevetto stesso.

Merci fungibili

Il livello successivo di innovazione arriva con beni fungibili. Un bene è fungibile quando può essere scambiato con un altro identico di pari valore. I beni fungibili più familiari sono le merci. Un litro d’acqua è uguale a un altro litro d’acqua, come un barile di petrolio è uguale a un altro barile di petrolio o un’oncia d’oro è uguale a un’altra oncia d’oro. Anche le scorte possono essere considerate fungibili, a condizione che siano raggruppate in confezioni identiche. Molto spesso, i beni fungibili sono supportati da una risorsa fisica, da qualche parte: oro o grano in un magazzino, acqua o petrolio in un oleodotto.

Cos'è Digix?

Leggi: DigixDAO: oro tokenizzato sulla blockchain di Ethereum

Questa proprietà li rende difficili da commerciare fisicamente. La difficoltà aumenta quando entra in gioco l’entità delle transazioni. I beni fungibili vengono spesso trattati in blocco e la consegna semplicemente non può essere effettuata istantaneamente. Una spedizione di 10.000 tonnellate corte di line pipe, ad esempio, è piuttosto ingombrante. Il trasferimento della proprietà di tale attività da un’entità a un’altra comporta lo spostamento di 10.000 tonnellate corte di acciaio o la creazione di una traccia cartacea, in base alla quale l’acciaio viene trasferito tramite una terza parte fidata, come una banca, al nuovo proprietario prima che si trasferisca fisicamente.

Un sistema blockchain tokenizzato elimina gran parte del lavoro da questo processo. Una rappresentazione digitale dell’acciaio, ad esempio, può essere scambiata tra due parti su una blockchain utilizzando contratti intelligenti. Non ci sono intermediari in questo processo: nessun agente di cambio, funzionari portuali, controlli governativi o magazzini. L’acciaio, identificato in modo univoco sulla blockchain, viene spostato dall’acquirente al venditore istantaneamente, insieme a qualsiasi informazione ausiliaria sulla spedizione o sul magazzino. La vendita viene registrata sulla blockchain in modo da formare una ricevuta permanente e immediatamente verificabile. Questo sostituisce il tradizionale sistema di registrazione cartacea e consente lo scambio di merci fungibili su scala molto più dettagliata e precisa.

Merci non fungibili

È qui che la tecnologia blockchain diventa davvero interessante. La tokenizzazione consente di suddividere i beni del mondo reale non fungibili in “azioni” digitali, che possono quindi essere acquistate, vendute o scambiate in modo completo o limitato con il pubblico. I due casi d’uso più interessanti offerti finora riguardano l’arte e il settore immobiliare. In tutto il mondo, c’è solo un vero dipinto della Gioconda. Questo dipinto fisico è unico nel suo genere e può essere acquistato o venduto solo come unità, ovvero la più piccola unità divisibile della Gioconda è una Gioconda. Inoltre, questa Monna Lisa non è la stessa dei milioni di stampe o copie digitali della Gioconda. In altre parole, un’immagine o un poster della Gioconda non è la Gioconda stessa e non ha lo stesso valore.

Token non fungibili

Leggi: Cosa sono i token non fungibili?

La tokenizzazione di un’opera d’arte introduce una firma digitale che non può essere alterata. Il gettone digitale che rappresenta la Gioconda è unico nel suo genere. Non è una copia. Ma il token può essere suddiviso in sotto-token, ciascuno firmato digitalmente. In questo modo, le “azioni” di un’opera d’arte unica possono essere vendute al grande pubblico.

Blockchain e arte

Leggi: Blockchain & Arte: tecnologia che fornisce proprietà digitale & Provenienza

Lo stesso vale per i pezzi unici di immobili, e in effetti ci sono diverse monete che lavorano su entrambi questi progetti in questo momento. La capacità di tokenizzare asset unici e non fungibili significa che la proprietà può essere distribuita. I fondi possono essere raccolti più facilmente e un gruppo più ampio di entità si assume la responsabilità della cura e della manutenzione di tale elemento. Ogni detentore di un gettone della Gioconda non ha una copia della Gioconda: in realtà possiede una parte dell’opera d’arte stessa, che può conservare come riserva di valore o vendere a un altro acquirente disponibile.

Conclusione

La tokenizzazione promette di cambiare il modo in cui vengono acquistate e vendute ampie classi di attività, democratizzando il processo di possesso di tutto, dalle idee ai dipinti. Le blockchain offrono un’alternativa semplificata ai tradizionali mercati della carta e un modo unico di condividere la proprietà di oggetti unici come la pittura o la proprietà immobiliare. Tramite la blockchain, la proprietà sta lentamente assumendo un nuovo significato.

Riferimenti

  1. https://www.investopedia.com/terms/i/intangibleasset.asp
  2. https://medium.com/@bonpay/how-tokenization-changes-the-world-c068408360c1
  3. https://bitcoinmagazine.com/articles/op-ed-how-tokenization-putting-real-world-assets-blockchains/
  4. https://flowchain.co/Tokenized-Hardware-WhitePaper.pdf
  5. https://www.maecenas.co/
  6. https://hackernoon.com/is-it-possible-to-tokenize-the-real-estate-industry-4dde4b66f814
  7. https://masterthecrypto.com/tokenization-tokens-create-liquid-world/
  8. https://medium.com/@apompliano/the-official-guide-to-tokenized-securities-44e8342bb24f

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me