Spedn

Uno dei grandi titoli del Consensus 2019 di Coindesk a New York City proveniva da un progetto di avvio chiamato Flexa, che ha progettato una rete di pagamenti crittografici per i rivenditori. A seguito del loro annuncio di a $ 14,1 milioni round di finanziamento nel mese prima di Consensus, Flexa ha presentato la sua prima applicazione sulla sua rete – Spedn.

Flexa ha lavorato a una rete di pagamenti in criptovaluta per i principali rivenditori presso il punto vendita per più di un anno, dal lancio nel 2018. Con alcuni rivenditori di alto profilo disponibili per utilizzare l’app di pagamento crittografico Spedn, come Whole Foods e Bed Bath & Al di là, Flexa ha comprensibilmente sollevato alcune sopracciglia a Consensus.

Spedn

Allora, cosa sono esattamente Flexa e Spedn?

Pagamenti crittografici in tempo reale

Flexa, la startup di pagamento, è la società dietro la rete Flexa, una rete di pagamenti integrata direttamente con i rivenditori. È interessante notare che, piuttosto che costruire la funzionalità della carta di debito crittografica sull’infrastruttura di pagamento esistente, Flex ha aggirato del tutto le linee di pagamento legacy, raggiungendo direttamente i principali rivenditori come Whole Foods e Baskin Robbins.

Riconciliare il problema dell’integrazione dei pagamenti crittografici nell’infrastruttura di pagamento esistente è stato impegnativo e ha portato a diversi ostacoli significativi già con altri progetti, quindi Flexa ha deciso che sarebbe stato meglio aggirare completamente il sistema esistente. Secondo Flexa:

“Nell’ultimo anno, abbiamo costruito nuove connessioni con decine di migliaia di terminali di punti vendita di commercianti a livello nazionale, per aggirare l’infrastruttura di pagamento esistente e inviare autorizzazioni di pagamento basate su criptovaluta direttamente ai commercianti per tuo conto.”

Finora, Flexa specifica che i pagamenti tramite la rete Flexa (cioè con Spedn) sono disponibili in formato 30.475 negozi.

Collegarsi direttamente ai rivenditori può ridurre i costi di transazione abbassando le commissioni e la finalità delle criptovalute mitiga le frodi per i commercianti.

Tyler e Cameron Winklevoss da un caffè da Starbucks usando una criptovaluta che hanno inventato. Ma questo è solo l’inizio di questa storia, con Nordstrom e Whole Foods che accettano bitcoin, ether: https://t.co/ftcn7tNX1T di @DelRayMan attraverso @ Forbes # Consensus2019 #NYCBlockchainWeek pic.twitter.com/lyJlwNiCKp

– Forbes Crypto (@ForbesCrypto) 13 maggio 2019

Dal punto di vista del commerciante, i pagamenti tramite Flexa vengono automaticamente convertiti in fiat (cioè USD), quindi i commercianti non devono preoccuparsi di scambiare dentro e fuori le criptovalute, che attualmente sono gestite dagli scambi sul back-end per Flexa.

Flexa raggiunge l’equilibrio tra fiat e criptovaluta per i pagamenti tramite il suo “gettone collaterale neutro” chiamato Flexacoin.

Flexacoin è un file Token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum che opera come una forma di liquidità per l’elaborazione dei pagamenti in tempo reale presso il punto vendita. Flexa dettagli l’utilità principale di Flexacoin come:

“… L’utilità del token Flexacoin nella rete Flexa è quella di proteggere temporaneamente le transazioni di criptovaluta mentre sono in attesa di conferma sulla blockchain.”

Fondamentalmente, Flexacoin funge da garanzia intermediaria per garantire a un commerciante che una transazione verrà regolata prima che la transazione venga effettivamente finalizzata su una blockchain.

Ad esempio, se Alice (il consumatore) vuole pagare Bob (il commerciante) per il gelato a Baskin Robbins con Bitcoin, Alice scansionerà il suo codice a barre sull’app Spedn (che contiene il Bitcoin di Alice) presso il punto vendita. Successivamente il fiat verrà avanzato all’esercente tramite la rete Flexa, completando la transazione in tempo reale.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la transazione blockchain (cioè Bitcoin) verrà regolata, ma in caso contrario, a causa di un’improbabile riorganizzazione della catena, la garanzia di Flexacoin verrà liquidata per coprire la transazione. Tuttavia, questo pone la domanda: da dove viene la garanzia?

Gli utenti possono effettivamente puntare su Flexacoin tramite i loro portafogli per fornire la liquidità collaterale richiesta per le transazioni. Lo staking viene eseguito tramite un’app individuale (ora è disponibile solo Spedn) e gli stakers vengono ricompensati con commissioni derivanti dalle transazioni nell’app sulla rete Flexa che stanno mettendo in garanzia.

Come risultato del progetto, il volume totale di pagamenti non confermato che si sposta attraverso la rete Flexa è uguale all’importo puntato, rendendo lo staking un lavoro critico per la scalabilità della rete.

È anche importante capire come Spedn sia diverso dalla rete Flexa. Spedn è l’app reale che gli utenti scaricano ed è un portafoglio di criptovaluta custodito – è costruito sulla rete Flexa aperta. Spedn è integrato con codici di autorizzazione al pagamento che utilizzano codici a barre nel punto vendita con rivenditori integrati.

Gli utenti possono depositare Bitcoin, Bitcoin Cash, Ether o Gemini Dollars nel portafoglio Spedn, che è quindi il mezzo per effettuare pagamenti direttamente con i rivenditori. Tuttavia, i rivenditori non sono esposti alla volatilità delle criptovalute e vengono inoltrati il ​​fiat per completare la transazione in tempo reale, assicurato dal già citato Flexacoin che opera come garanzia liquida.

Spedn App

Come portafoglio di custodia, Spedn viene utilizzato anche esclusivamente per spendere criptovalute. Pertanto, gli utenti devono essere consapevoli che è meglio mantenere i fondi nel portafoglio Spedn simili a quanti soldi manterrebbero in un portafoglio fisico.

Un altro componente interessante di Spedn è la partnership di Flexa con Gemini, ecco perché il portafoglio supporta i Gemini Dollars. Attingendo all’esistenza di Gemini come scambio di criptovaluta regolamentato dal NYDFS, tutti i fondi di custodia nei portafogli Spedn sono assicurati e depositati presso l’infrastruttura regolamentata di Gemini.

Valutazione di Flexa e Spedn all’interno del più ampio ecosistema di pagamenti crittografici

Forse ti starai chiedendo perché è necessario esaminare i dettagli di come funziona una transazione tramite la rete Flexa. È rilevante perché nei prossimi mesi e anni emergeranno inevitabilmente sempre più metodi di pagamento che utilizzano la crittografia ed è essenziale che gli utenti comprendano le differenze tra di loro, nonché i loro vantaggi e svantaggi.

Ad esempio, l’integrazione di Flexa con importanti rivenditori è indicativa del loro desiderio di incorporare una crescente comunità di utenti crittografici nel loro ecosistema di commercianti. Chiaramente, i commercianti sono interessati alla crittografia.

Tuttavia, rivela anche ciò di cui molti sostenitori della criptovaluta sono già a conoscenza: Flexa è diverso da un pagamento crittografico standard.

Piuttosto che un commerciante che integra direttamente un processore di pagamento self-hosted, come BTCPay Server, dove i commercianti detengono i propri fondi ed elaborano i propri pagamenti, la criptovaluta viene depositata con un servizio di scambio custodiale regolamentato dal NYDFS con Spedn – Gemini. Ciò introduce un intermediario finanziario nel ciclo di elaborazione dei pagamenti, qualcosa che è chiaramente adattato per essere confortante per commercianti e regolatori e un compromesso tra la natura P2P delle criptovalute e le guide di pagamento tradizionali.

I pagamenti crittografici tramite Spedn vengono incanalati attraverso il sistema di elaborazione dei pagamenti del commerciante. Di conseguenza, Flexa può astrarre la complessità sottostante di Alice che invia criptovalute a Bob, ma lo fa a un costo notevole.

Ad esempio, i dettagli forniti da Flexa su alcuni commercianti che attualmente non sono in grado di utilizzare i pagamenti Flexa a seconda del fornitore di servizi di pagamento è molto significativo. Attualmente l’integrazione dei pagamenti dipende dal supporto del processore di pagamento.

Sebbene l’obiettivo finale sia quello di fornire una rete di pagamenti nativa costruita su criptovalute tra consumatori e commercianti, gli scambi (cioè i Gemelli) gestiscono la conversione back-end di criptovalute e fiat.

Nel complesso, Flexa aggiunge livelli di conformità e fiducia in un sistema di trasferimento di valore basato sul contrario. La distribuzione dei Flexacoin è anche una prospettiva difficile a lungo termine su cui aggirare. Finora, i Flexacoin lo sono distribuito come un ICO del 2017, e la loro ulteriore espansione agli utenti giocherà un ruolo decisivo nel futuro successo della rete a seconda di come si sviluppa lo staking.

Rendere i pagamenti in criptovaluta più convenienti è sicuramente un percorso verso un’ulteriore adozione. Tuttavia, ci sono principalmente due campi in competizione che lottano per obiettivi simili con diversi mezzi preferiti per raggiungere tale obiettivo.

Da un lato, ci sono soluzioni di pagamento più in sintonia con la visione originale delle criptovalute come pagamenti P2P resistenti alla censura al di fuori del sistema finanziario tradizionale. Questi progetti, come BTCPay Server, sono più complessi per gli utenti e impongono al commerciante un onere maggiore per comprendere le criptovalute e assumere il controllo dei propri fondi.

BTC Pay

Leggi: Cos’è BTCPay?

Al contrario, progetti come Flexa rappresentano più un compromesso tra i due archetipi di pagamento, concentrandosi sulla conformità e sulla facilità d’uso sia per i consumatori che per i commercianti. Questi sistemi, come le stablecoin, introducono un altro elemento di fiducia e spesso sono in contrasto con la proposta di valore fondamentale di una criptovaluta come Bitcoin.

Tuttavia, i sistemi di pagamento che riconciliano le differenze tra la visione centrale delle criptovalute e le reti di pagamento tradizionali potrebbero in definitiva dimostrare la tendenza prevalente a lungo termine.

L’ostacolo di attirare un numero sufficiente di utenti e commercianti per gestire direttamente i pagamenti crittografici P2P è scoraggiante, ei commercianti preferirebbero probabilmente scaricare gran parte della configurazione per accettare pagamenti crittografici con un sistema come Flexa.

Gli utenti non devono possedere una carta di credito o un conto bancario per utilizzare l’app Spedn, che rende i pagamenti crittografici e al dettaglio più accessibili a molte persone. L’eventuale aggiunta di ulteriori applicazioni e lo sviluppo aperto su Flexa potrebbe mostrare più appeal ai principali sostenitori della criptovaluta man mano che progredisce. Spedn è solo la prima app su Flexa e la rete prevede di aggiungere altri partner commerciali.

Anche il rilascio in sospeso di un wallet SDK e altri strumenti per sviluppatori dovrebbe rivelare di più man mano che Flexa distribuisce più risorse.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me