Esplorando l’intersezione tra Blockchain e Crowdfunding

Blockchain Crowdfunding

Blockchain come Bitcoin ed Ethereum sono, in poche parole, un nuovo tipo di infrastruttura pubblica.

Tali piattaforme non sono una tecnologia panacea, ma possono aprire molti nuovi tipi di possibilità in molti settori, non ultimo tra questi settori è il settore finanziario tradizionale.

Questo perché le blockchain sono “reti di computer lente e verificabili di cui possiamo fidarci” e che sono “utili per il calcolo di transazioni verificabili e affidabili”, Richard Burton di Zenith Ventures ha recentemente giustamente spiegato.

A questo, noterei che le blockchain pubbliche consentono di creare anche nuovi tipi di risorse digitali e aprono così la strada a nuove strade di commercio globale, senza autorizzazione e senza attriti.

Di conseguenza, il nascente boom di “Finanza aperta” alimentato da blockchain potrebbe diventare sempre più pronto a influenzare – o addirittura abbattere – i giardini recintati della finanza tradizionale per i decenni a venire, non diversamente da come Internet è diventato un punto di svolta commerciale intorno alla svolta del secolo.

Detto questo, il già citato Burton ha visibilmente aggiunto che sono proprio le “cose ​​che vogliamo che siano lente e verificabili [che] sono piuttosto importanti”, come “Creazione di denaro, governo societario e applicazione dei contratti”, e sono tali operazioni che le blockchain sono fatte su misura per.

Quindi, le blockchain sono uniche nel design e sono particolarmente adatte per automatizzare e semplificare determinate attività. Queste dinamiche rendono la tecnologia particolarmente ben posizionata per alimentare l’innovazione nella crescente arena del crowdfunding basato su Internet.

Perché? Perché il crowdfunding implica chiaramente una tripletta di cose per cui le blockchain sono utili: creazione di risorse, governance aziendale e applicazione dei contratti.

Come Blockchain, Internet Crowdfunding è relativamente nuovo

#Crypto ExchangeBenefits

1

Binance
Best exchange


VISIT SITE
  • ? The worlds biggest bitcoin exchange and altcoin crypto exchange in the world by volume.
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

2

Coinbase
Ideal for newbies


Visit SITE
  • Coinbase is the largest U.S.-based cryptocurrency exchange, trading more than 30 cryptocurrencies.
  • Very high liquidity
  • Extremely simple user interface

3

eToro
Crypto + Trading

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

Soprannominato un tipo di finanza alternativa, il crowdfunding su Internet è un’aggiunta relativamente nuova al mainstream.

Il crowdfunding, che coinvolge startup, progetti o individui che raccolgono piccole somme di denaro da molte persone su Internet, ha davvero iniziato a prendere piede tra il 2008 e il 2010 quando sono state lanciate le prime piattaforme di crowdfunding popolari, vale a dire Kickstarter, GoFundMe, e IndieGoGo.

Da allora, il settore è esploso poiché nuove piattaforme di crowdfunding sono sorte in tutto il mondo in una varietà di campi e nicchie. In questo arco di tempo, le imprese emergenti hanno raccolto collettivamente miliardi di dollari per finanziare le loro operazioni in modo più rapido e snello di quanto le strade più tradizionali potrebbero permettersi.

In quanto tale, il crowdfunding ha davvero iniziato a farsi valere solo nell’ultimo decennio, una realtà che vale anche per le blockchain sin dal lancio di Bitcoin nel 2009.

In questo modo, entrambi gli spazi di crowdfunding e blockchain stanno ancora maturando e offrono “alternative” alle opzioni mainstream attualmente disponibili. Inoltre, piattaforme di contratti intelligenti come Ethereum potrebbero rivelarsi fondamentali per sbloccare nuovi sblocchi nuovi tipi di possibilità di crowdfunding del tutto.

#CRYPTO BROKERSBenefits

1

eToro
Best Crypto Broker

VISIT SITE
  • Multi-Asset Platform. Stocks, crypto, indices
  • eToro is the world’s leading social trading platform, with thousands of options for traders and investors.

2

Binance
Cryptocurrency Trading


VISIT SITE
  • ? Your new Favorite App for Cryptocurrency Trading. Buy, sell and trade cryptocurrency on the go
  • Binance provides a crypto wallet for its traders, where they can store their electronic funds.

#BITCOIN CASINOBenefits

1

Bitstarz
Best Crypto Casino

VISIT SITE
  • 2 BTC + 180 free spins First deposit bonus is 152% up to 2 BTC
  • Accepts both fiat currencies and cryptocurrencies

2

Bitcoincasino.io
Fast money transfers


VISIT SITE
  • Six supported cryptocurrencies.
  • 100% up to 0.1 BTC for the first
  • 50% up to 0.1 BTC for the second

Fundrise

Fundrise, Parte della nuova generazione di piattaforme di crowdfunding di nicchia

Il fattore del contratto intelligente

Di gran lunga, Ethereum è attualmente la piattaforma di contratti intelligenti più popolare e più utilizzata. E questo perché Ethereum è stata la prima piattaforma a portare al pubblico le funzionalità degli smart contract e da allora l’ecosistema del progetto ha mantenuto lo slancio che ne è derivato.

Ma cos’è esattamente uno smart contract, chiedi?

Pensa a una piattaforma come Ethereum come un computer mondiale decentralizzato, alimentato non da una o poche fonti ma da molte parti interessate. Questo computer può essere utilizzato per calcolare le funzioni delle app o l’esistenza di risorse digitali, che sono regolate da contratti intelligenti.

In breve, uno smart contract è un contratto digitale che si autoesegue. Se vengono soddisfatte determinate condizioni, il contratto viene eseguito secondo la sua logica interna – non è richiesto alcun intervento manuale.

Questo design consente la creazione di denaro programmabile e risorse programmabili, che sono innovazioni senza precedenti nella storia della finanza. Inoltre, i contratti intelligenti possono essere una potente forza di disintermediazione che mitiga la necessità di intermediari e commissioni eccessive nelle transazioni, o almeno aiuta gli intermediari a semplificare e personalizzare le transazioni poiché questi contratti digitali programmati vengono eseguiti da soli.

Nel contesto del crowdfunding quindi, le possibilità dello smart contract sembrano infinite.

Considera questo esempio: un progetto immobiliare finanziato dal crowdfunding emette token digitali speciali come garanzia per gli investitori; al fine di mantenere la conformità normativa, il contratto intelligente del token “inserisce in whitelist” gli indirizzi che hanno superato i processi “Conosci il tuo cliente”, il che significa che solo gli utenti conformi possono detenere il token. Il vantaggio è che gran parte di questo ipotetico processo sarebbe automatizzato da un’infrastruttura pubblica neutrale, ad es. Ethereum.

Tali token potrebbero quindi essere scambiati in modo più liquido che mai in modalità paperless su scambi decentralizzati (DEX) come Uniswap senza sollevare l’ira dei regolatori, poiché solo gli utenti conformi – con cronologie di transazioni completamente verificabili – avrebbero accesso alla liquidità del token. E questo è solo uno scenario ipotetico. Con investimenti programmabili, molto è possibile.

Di conseguenza, una European Crowdfunding Association (ECN) rapporto all’inizio di quest’anno ha scoperto che la blockchain e le innovazioni associate potrebbero cambiare le regole del gioco nel settore del crowdfunding in futuro:

“Blockchain e [le piattaforme di registro distribuito], in generale, possono guidare il cambiamento nei servizi finanziari introducendo trasparenza, semplificazione ed efficienza. I principali vantaggi di queste nuove tecnologie sono legati alla loro capacità di creare fiducia in un sistema distribuito, aumentare l’efficienza nel reporting in tempo reale o quasi in tempo reale delle transazioni e supportare un’elevata resilienza “.

Anche i progetti blockchain perdenti si rivolgono al crowdfunding

Il crowdfunding su Internet è ancora considerato una finanza alternativa, quindi è ancora un settore ribelle che sta guadagnando la sua reputazione.

L’arena blockchain è su una barca simile, nella misura in cui ha generato scalpore mentre allo stesso tempo molte persone influenti non lo prendono ancora sul serio.

Detto questo, molte piattaforme di crowdfunding provvedono a rendere più facile per i nuovi progetti raccogliere fondi rispetto a se dovessero passare attraverso sedi tradizionali, una realtà che ha reso questi servizi nascenti un’opzione di finanziamento crescente di scelta tra i progetti incentrati sulla blockchain che cercano di raccogliere capitale senza seguire il percorso dell’offerta iniziale di monete (ICO), un percorso più oneroso dal punto di vista normativo nella maggior parte delle giurisdizioni in tutto il mondo.

Ad esempio, a novembre 2019 il portafoglio di criptovalute gestito da AI Fondo Ember ha annunciato piani per raccogliere fino a $ 1 milione di dollari sulla piattaforma di crowdfunding Republic. Aspettatevi altre iniziative come questa negli anni a venire.

Fondo Ember

Alcune piattaforme di crowdfunding già puntano sulle operazioni della catena

La fusione della tecnologia blockchain con le società di crowdfunding non è solo teorica: alcune startup hanno già portato avanti il ​​lavoro di combinazione innovativa.

Ad esempio, si consideri il caso di Pledgecamp, che si definisce il “futuro del crowdfunding” tramite “investimenti protetti da blockhain”. Questa piattaforma utilizza contratti intelligenti e un sistema dual-token per facilitare un servizio di crowdfunding sostenuto dalla blockchain.

“Blockchain consente a estranei in tutto il mondo di impegnarsi in complicate transazioni finanziarie all’interno di un quadro di fiducia programmabile”, ha affermato in precedenza il team di Pledgecamp.

A dire il vero, Pledgecamp può avere successo o fallire, ma non sarà l’ultima azienda del suo genere a basare le proprie operazioni direttamente sull’infrastruttura blockchain.

ICO e IEO: una nuova forma di crowdfunding

Un altro importante sviluppo nell’arena del crowdfunding è stato l’ascesa delle ICO, che hanno portata transnazionale e quindi spesso si scontrano con le regole sui titoli in molti paesi.

Anche ancora, regole o nessuna regola, le piattaforme token come Ethereum sono prive di autorizzazione, quindi in molti casi gli utenti possono entrare in possesso dei progetti ICO che sono stati lanciati per primi e hanno posto domande in seguito. In altri casi, gli ICO più severi sono indirizzati attraverso processi KYC che escludono potenziali dichiaranti non conformi.

In ogni caso, le ICO rappresentano un nuovo tipo di modello di crowdfunding – legale in alcuni luoghi e illegale in altri – reso possibile dalla sua infrastruttura sottostante, la tecnologia blockchain.

Ovviamente, il 2017 è stato un anno di boom per le ICO, mentre il 2018 e il 2019 hanno visto il fenomeno diminuire, ma tale diminuzione sembra essere il risultato più dall’affaticamento dell’ecosistema che dalla mancanza di fattibilità tecnica. In effetti, è banale far girare qualsiasi risorsa su Ethereum; ciò che è più complicato è gestire le questioni legali più pratiche associate al commercio tradizionale.

Fino a quel punto, un fenomeno che si è verificato nell’ultimo anno come parte di uno sforzo per rendere le ICO più appetibili e affidabili è stato quello delle “offerte di scambio iniziale”, o IEO.

Le ICO e le IEO implicano entrambe le vendite di token come parte dell’aumento di crowdfunding di un progetto, con la differenza fondamentale che le IEO sono direttamente agevolate dagli scambi di criptovaluta. L’agevolazione di Binance Launchpad del token BitTorrent (BTT) supportato da Tron all’inizio di quest’anno ha davvero dato il via alla tendenza e altri importanti scambi come Bitfinex, Bittrex e Coinbase hanno seguito l’esempio nell’esplorare la nuova pratica di crowdfunding.

Cos'è uno IEO

Leggi: Cos’è uno IEO?

Il DAO & Esperimenti più recenti

Un’altra importante ruga da considerare all’incrocio tra blockchain e crowdfunding è l’avvento delle DAO, o organizzazioni autonome decentralizzate.

Finora abbiamo parlato principalmente di “crowdfunding” per quanto riguarda il settore relativamente nuovo che è sorto attorno alle piattaforme di crowdfunding tradizionali.

Tuttavia, rimpicciolendo e parlando di crowdfunding in un senso molto più generale, non c’è probabilmente nessuna sperimentazione correlata più interessante di ciò che la criptoeconomia sta vedendo intorno ai DAO in questo momento.

Allora cosa sono? Un’organizzazione autonoma decentralizzata è un nuovo tipo di organizzazione che ha le sue regole interne gestite in catena da contratti intelligenti blockchain. In questo senso, i DAO sono simili ai consigli di comunità composti da parti interessate che la pensano allo stesso modo che 1) si associano volontariamente attorno a uno o più obiettivi comuni e 2) utilizzano contratti intelligenti per applicare senza fiducia le regole e le operazioni di partecipazione.

In questo senso, non c’è un limite reale a ciò per cui puoi creare un DAO: potresti crearne uno per aiutare a gestire i fondi di una partita di poker ricorrente tra un piccolo gruppo di amici, ad esempio. Ma le persone discutono su cosa potrebbero e dovrebbero essere queste organizzazioni ibride fisiche e digitali, e mentre lo spazio è ancora giovane e la sperimentazione è ancora agli inizi, due stili principali di DAO sono emersi in primo piano: DAO di impresa a scopo di lucro e obiettivo- DAO di finanziamento orientato.

La più famosa, o piuttosto famigerata, organizzazione autonoma decentralizzata fino ad oggi era conosciuta semplicemente come The DAO. È stato istituito come un fondo di capitale di rischio finanziato da crowdfunding e investitore-direttore che valeva 150 milioni di dollari al suo apice. Nell’estate del 2016, un utente malintenzionato ha utilizzato una vulnerabilità nel codice di The DAO per sottrarre 3,6 milioni di etere (ETH) dal fondo.

Poiché il progetto Ethereum era ancora agli inizi, i leader della comunità della piattaforma si sono mobilitati attorno a un hard fork per mitigare le ricadute economiche dell’hacking, una mossa che ha portato allo scisma tra Ethereum e Ethereum Classic: coloro che sono rimasti indietro sulla catena “vecchia” sono diventati l’ETC campo.

MolochDAO

Piuttosto comprensibilmente, il drammatico episodio sembrava in gran parte raffreddare l’innovazione intorno ai DAO per oltre due anni. Le cose sembravano riprendersi all’inizio del 2019, quando il co-fondatore e amministratore delegato di SpainkChain Ameen Soleimani ha lanciato MolochDAO, un gruppo di crowdfunding di base impegnato a finanziare autonomamente gli sforzi di sviluppo di Ethereum open source.

MolochDAO divenne rapidamente un successo, con il gruppo che raccolse il suo primo milione di dollari per sovvenzioni e simili nel giro di pochi mesi. E il progetto, con il suo codice open source e quindi facilmente copiabile, ha portato a una raffica di nuovi prodotti DAO che sono spuntati per tutto il resto del 2019.

Moloch DAO

Uno di questi nuovi arrivati ​​è MetaCartel DAO, che si concentra sul supporto e sul finanziamento di progetti sul “livello di applicazione Ethereum”, quindi dApps. Il gruppo sta preparando una nuova organizzazione spinoff, MetaCartel Ventures DAO, che è essenzialmente un ibrido tra gli stili DAO a scopo di lucro e orientati agli obiettivi.

Detto questo, l’ecosistema DAO è ancora agli inizi, ma tra le altre cose apre nuovi tipi di crowdfunding e possibilità di gestione dei fondi. Resta da vedere se queste organizzazioni finiranno per ottenere una maggiore trazione nella società, ma almeno una scommessa sicura è che molti altri esperimenti DAO stanno arrivando e molti avranno elementi di crowdfunding.

Leggi ancora in fase di sviluppo su Blockchain e Crowdfunding

Un altro fattore da considerare all’intersezione tra blockchain e crowdfunding è che, poiché entrambi i settori sono ancora nascenti, le giurisdizioni di tutto il mondo sono ancora attivamente alle prese con il modo migliore per legiferare su queste arene. .

Questa dinamica fa sì che le imprese in entrambi gli spazi si riversino in regioni che hanno dimostrato di essere hub amichevoli per i loro ecosistemi, come la Silicon Valley e il Regno Unito per le piattaforme di crowdfunding e Germania e Singapore per i progetti blockchain.

Di conseguenza, se altri paesi rimangono più lenti dei luoghi sopra menzionati nel modernizzare le loro leggi in questi campi, allora cerca che questi hub di innovazione diventino molto più popolari tra le startup di finanza alternativa in futuro.

Grandi domande in vista di ulteriori adozioni

Supponiamo ipoteticamente che il settore del crowdfunding mainstream continui ad abbracciare sempre più la tecnologia blockchain. Speculando su questa possibilità, vengono in mente una serie di domande interessanti.

Per prima cosa, quale piattaforma dovrebbe essere utilizzata? Alcuni anni fa, alcuni hanno teorizzato che la frammentazione della piattaforma di contratti intelligenti, in cui diverse piattaforme di contratti intelligenti diventano popolari in luoghi e settori diversi per motivi diversi, alla fine avrebbe regnato.

Ad oggi, tuttavia, abbiamo visto accadere il contrario: in tutto il mondo la stragrande maggioranza delle recenti attività e sviluppo nel campo degli smart contract si è concentrata su Ethereum, la piattaforma regnante di smart contract. Le risorse e la conoscenza della comunità hanno abbondato in natura.

Allo stato attuale delle cose, Ethereum è facilmente la principale blockchain pubblica per le aziende che cercano di costruire utilizzando la tecnologia dei contratti intelligenti. Certo, Ethereum era già la sede degli ICO, ma la sua tecnologia può essere altrettanto prontamente utilizzata dalle società di crowdfunding in futuro.

Considerando questa realtà, le aziende di crowdfunding che stavano pianificando di utilizzare Ethereum avrebbero dovuto prendere seriamente in considerazione alcune domande del quadro generale, come come affrontare gli asset on-chain se Ethereum sperimentasse un altro controverso hard fork. Alcuni analisti hanno affermato che Ethereum è diventato “inutilizzabile” a causa dei grandi progetti DeFi, che offre un esempio di come le startup di crowdfunding avrebbero grandi domande da porre ma anche risorse informative della comunità su cui fare affidamento lungo il percorso.

Inoltre, se la fusione del crowdfunding con blockchain vuole fare ulteriori incursioni nel mainstream, allora sarà necessario continuare a rispondere alle domande in piedi sull’esperienza utente (UX) e sulla custodia delle risorse.

C’è già movimento su questi fronti, però. Ad esempio, a partire dal 2020 le banche tedesche potranno custodire direttamente le risorse digitali dei propri clienti, il che spiana la strada alle banche che custodiscono gli investimenti digitali crowdfunded, come i token di sicurezza che rappresentano beni immobili o azioni. Questa è solo una via di potenziale miglioramento che potrebbe rendere notevolmente più probabile una più ampia adozione di queste risorse.

Nel complesso, l’intersezione tra blockchain e crowdfunding è un’intersezione da tenere d’occhio negli anni a venire, poiché produrrà sicuramente innovazioni e combinazioni più degne di nota che potrebbero avere impatti tangibili su miliardi di vite.

Le domande aperte possono abbondare, ma è chiaro che né la blockchain né il crowdfunding scompariranno presto. In effetti, sembra vero il contrario: queste due arene sembrano sul punto di gonfiarsi nei decenni a venire.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map