Ripensare le prime 15 criptovalute: che aspetto dovrebbe avere?

Crypto

Questa settimana, il gigante dei pagamenti PayPal ha aperto le porte consentendo a tutti gli utenti statunitensi di accedere in anticipo ai nuovi servizi di criptovaluta dell’azienda.

È uno sviluppo importante per la criptoeconomia, certo, ma il titolo ha anche causato un piccolo putiferio in tutta la criptoeconomia. Perché?

Questo perché più di poche persone hanno iniziato a sostenere che PayPal avrebbe dovuto evitare il supporto per monete minori come bitcoin cash (BCH) e litecoin (LTC) a favore di concentrare tutti i loro servizi crittografici attorno agli innegabili pesi massimi dell’ecosistema, bitcoin (BTC) e Ethereum’s ether (ETH).

È un dialogo interessante e utile, e voglio essere chiaro qui personalmente: sono il laissez-faire quando si tratta di criptovaluta, sono tutto per il futuro multi-chain e sostenuto dall’interoperabilità.

Detto questo, non vedo nemmeno il motivo di negare l’ovvio nel qui e ora: Bitcoin ed Ethereum continuano ad essere anni luce avanti rispetto a praticamente tutti i progetti crittografici su più metriche e saranno senza dubbio hub di attività centrali per gli anni a venire. Inoltre, la criptoeconomia del 2020 è stata definita da progetti basati su Ethereum da cima a fondo lungo tutto il percorso.

Questa realtà ha portato a lamentele in alcuni circoli che i fondamentali non hanno recentemente raggiunto i mercati delle criptovalute. E se guardassimo le attuali prime 15 monete per capitalizzazione di mercato e provassimo a riordinarle, in particolare ponderando maggiormente i progetti Ethereum?

Questo è esattamente quello che farò in questo post, quindi: postulare una delle prime 15 risorse crittografiche più accurate (per capitalizzazione di mercato) mentre ci dirigiamo verso il 2021.

Come appaiono ora i primi 15

Secondo il sito di analisi dei dati crittografici Messari, le prime 15 criptovalute per capitalizzazione di mercato attualmente sono così:

  1. Bitcoin (BTC) – $ 16.140 – $ 299 miliardi di capitalizzazione di mercato
  2. Ethereum (ETH) – $ 469 – $ 52,8 miliardi di capitalizzazione di mercato
  3. Legare (USDT) – $ 1 – $ 16,7 miliardi di capitalizzazione di mercato 
  4. Ondulazione (XRP) – $ 0,272 – $ 9,2 miliardi di capitalizzazione di mercato
  5. Catena (LINK) – $ 12,69 – $ 4,9 miliardi di capitalizzazione di mercato
  6. Bitcoin Cash (BCH) – $ 259 – $ 4,8 miliardi di capitalizzazione di mercato
  7. Litecoin (LTC)  – $ 63,9 – $ 4,2 miliardi di capitalizzazione di mercato
  8. Binance Coin (BNB) – $ 27,77 – $ 4 miliardi di capitalizzazione di mercato
  9. Polkadot (DOT) – $ 4,49 – $ 3,95 miliardi di capitalizzazione di mercato
  10. Cardano (ADA) – $ 0,105 – $ 3,36 miliardi di capitalizzazione di mercato
  11. Bitcoin SV (BSV) – $ 160 – $ 2,9 miliardi di capitalizzazione di mercato
  12. Moneta USD (USDC) – $ 0,99 – $ 2,8 miliardi di capitalizzazione di mercato
  13. EOS (EOS) – $ 2,56 – $ 2,4 miliardi di capitalizzazione di mercato
  14. Monero (XMR) – $ 112,78 – $ 2 miliardi di capitalizzazione di mercato
  15. Bitcoin avvolto (WBTC) – $ 16.072 – $ 1,9 miliardi di capitalizzazione di mercato

Ecco come appaiono ora i primi 15. Ma cosa succederebbe se lo esaminassimo con un pettine e iniziassimo a lanciare “catene fantasma” a favore di progetti più caldi? Immergiamoci!

Riesame della Top 15 di Crypto

Cominciamo semplicemente postulando che bitcoin, ether e USDT rimarranno le monete migliori nel 2021. Anche se certamente penso che ETH capovolgendo la capitalizzazione di mercato di BTC sia in gioco all’orizzonte, supponiamo solo per il prossimo futuro che BTC, ETH e USDT blocca i primi 3 in questo ordine.

E poi cosa succederà?

Proviamo ad eliminare le “catene fantasma”, ovvero blockchain con attività molto bassa ultimamente, dalle prime 15 prime. Questi progetti includono: Ripple (XRP), Bitcoin Cash (BCH), Litecoin (LTC), Cardano (ADA), Bitcoin SV (BSV), e EOS (EOS).

Qui, non intendo suggerire che questi progetti siano completamente morti o che non porteranno mai a nulla. Il punto che sto sottolineando è che sembra sempre più che questi progetti cedano terreno a progetti con più attività nei mesi a venire, quindi stiamo pensando a come potrebbe essere.

Una nuova top 15

Se escludiamo le summenzionate “catene fantasma” dall’equazione e aumentiamo i prossimi progetti in lista, i primi 15 progetti della crypteconomy sarebbero così:

  1. Bitcoin (BTC)
  2. Ethereum (ETH)
  3. Tether (USDT) 
  4. Catena (LINK)
  5. Binance Coin (BNB) 
  6. Polkadot (DOT)
  7. Moneta USD (USDC)
  8. Monero (XMR)
  9. Bitcoin avvolto (WBTC)
  10. Dai (DAI) 
  11. Filecoin (FIL)
  12. Uniswap (UNI)
  13. Aave (AAVE) 
  14. Zcash (ZEC)
  15. Creatore (MKR)

Penso che questa top 15 rivisitata sia piuttosto buona e credibile. Ovviamente, questo scenario ipotetico comporterebbe un ulteriore declino delle catene fantasma e infine il passaggio a progetti più caldi.

È impossibile conoscere il futuro e le cose possono cambiare notevolmente da qui, ma non sarei sorpreso se il vertice della criptoeconomia fosse effettivamente così tra un anno.

Punti di nota

Immergiamoci ancora un po ‘in questa top 15 reimmaginata …

  1. Bitcoin – Quest’anno è stato cambiato un aspetto quando si tratta dell’interesse mainstream per BTC. Investitori di alto profilo e grandi aziende mainstream come PayPal stanno approfondendo come mai prima d’ora, una dinamica che significa che la criptovaluta OG è in una buona posizione per continuare ad essere abbracciata come oro digitale.
  2. Ethereum – Ethereum e il suo fiorente ecosistema di finanza decentralizzata (DeFi) hanno rubato lo spettacolo della criptoeconomia nel 2020. Al centro di tutta quella brulicante attività c’era la valuta nativa di Ethereum, ETH. Chiamalo petrolio digitale, Internet del denaro di valore o come preferisci: sarà comunque una moneta di spicco per gli anni a venire.
  3. Legare – USDT è ben lungi dall’essere lo stablecoin perfetto, ma ciò non ha impedito a fasce di utenti di criptovaluta di abbracciare il token come loro stablecoin preferito. Salvo un grave incidente di PEG, non vedo che questo stato cambierà presto.
  4. Catena – Pensare al token LINK di Chainlink che diventa la quarta criptovaluta più grande è sorprendente. È iniziato anni fa come un progetto in cui pochi credevano all’epoca. Ora, gli oracoli decentralizzati di Chainlink stanno aiutando a potenziare una serie sorprendente di progetti DeFi e la gente si sta avvicinando a quella realtà.
  5. Binance Coin – BNB è il token di scambio di Binance e sappiamo tutti che Binance è una forza assolutamente dominante in tutto il più ampio spazio delle criptovalute. Vederlo tra i primi 5 token avrebbe senso per me (attualmente è l’8 ° più grande per capitalizzazione di mercato secondo Messari).
  6. A pois – Polkadot è probabilmente il più grande dei cosiddetti “Ethereum Killers. Anche se il progetto è ancora giovane, sembra che sia meglio pronto per iniziare a crescere e sfidare il mantello di Ethereum. Mi piace DOT al # 6. 
  7. Moneta USD – USDC, una collaborazione di stablecoin tra Center e Coinbase, è decollata in popolarità in DeFi quest’anno. Potrebbe venire un giorno in cui un progetto come USDC detronizza Tether come stablecoin di riferimento nell’arena. Nel frattempo, USDC al numero 7 suona proprio bene per me.
  8. Monero – XMR è la moneta per la privacy in carica, quindi non sorprende che dietro BTC rimanga la valuta preferita nel dark web. Così sarà per un po ‘, così come stanno le cose, quindi non ho remore analiticamente con Monero che è qui.
  9. Bitcoin avvolto – WBTC è l’implementazione bitcoin tokenizzata più popolare su Ethereum fino ad oggi, e vedo che l’adozione salta solo da qui mentre sempre più persone cercano di utilizzare il loro BTC in DeFi.
  10. Dai – DAI è lo stablecoin nativo del principale protocollo di prestito di DeFi, MakerDAO, e di conseguenza è diventato estremamente popolare in DeFi. Cerca l’adozione per continuare.
  11. Filecoin – La rete di archiviazione decentralizzata Filecoin è nuova, quindi il suo token FIL potrebbe salire o scendere da qui. Per ora non ho problemi con il numero 11.
  12. Uniswap – Il protocollo di trading Uniswap è stato il protagonista di Ethereum. L’unica cosa che direi è che potremmo vederlo spostarsi di più verso i primi 5 token nel tempo.
  13. Aave – Il protocollo di prestito ha fatto irruzione sulla scena DeFi quest’anno e da allora non ha rallentato con sviluppi impressionanti. Aave è il tipo di token che è pronto a sostituire le catene fantasma in cima alla criptoeconomia.
  14. Zcash – ZEC è una moneta per la privacy molto più amichevole per il mainstream di quanto lo sia Monero. È più degno di essere nella top 15 delle criptovalute rispetto alle catene fantasma, secondo me.
  15. Maker – Come accennato prima, MakerDAO è il protocollo di prestito regnante di DeFi. Penso che vedere una delle app più vecchie e affidabili di DeFi tra le prime 15 significherebbe davvero che i tempi sono cambiati nella criptoeconomia.
Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map