Bitcoin

I reorg blockchain sono generalmente lanciati come assalti, vale a dire alla maniera di un attacco del 51%.

Eppure, dopo che Binance, l’exchange più popolare della criptoeconomia, è stato hackerato da un enorme 7.000 bitcoin questa settimana, è stato lanciato un reorg della blockchain di Bitcoin come un modo per porre rimedio all’attacco. Il suggerimento ha generato rapidamente polemiche.

Bitcoin

L’attuale ciclo di dibattiti sul reorg è iniziato dopo Jeremy Rubin, uno specialista di criptovalute e collaboratore in passato di Bitcoin Core, ha suggerito subito dopo l’attacco che il CEO di Binance Changpeng Zhao potrebbe esplorare contattando i minatori di bitcoin per “coordinare un reorg per annullare il furto”, cioè per reorgare il BTC rubato dal controllo degli aggressori.

Puoi persino firmare lotti di txns con i vecchi minatori paganti utxos con tempi di blocco diversi per rendere una ricompensa permanente per risolvere questo hack.

Più economico che perdere tutti i 7000

– Jeremy Rubin (@JeremyRubin) 8 maggio 2019

Poco dopo i tweet di Rubin, il suggerimento è stato passato a Zhao, che ha poi menzionato la possibilità di un “rollback” su un trasmissione in diretta aggiornamento con la comunità di Binance.

Tuttavia, non ci volle molto a Zhao per lasciarsi alle spalle l’idea quando si rivolgeva alle parti interessate consapevoli dell’ecosistema. Il CEO di Binance ha citato la possibilità di danneggiare la “credibilità” di bitcoin e l’impraticabilità di bloccare il supporto necessario come ragioni per non spingere per un reorg.

contro: 1 potremmo danneggiare la credibilità di BTC, 2 potremmo causare una divisione sia nella rete bitcoin che nella comunità. Entrambi questi danni sembrano superare i 40 milioni di dollari di vendetta. 3 gli hacker hanno dimostrato alcuni punti deboli nel nostro design e la confusione degli utenti, che prima non era ovvio.

– CZ Binance (@cz_binance) 8 maggio 2019

Eppure, anche dopo che Zhao sembrava aver messo a tacere la questione, i dibattiti sui reorg hanno iniziato a prendere piede nel più ampio ecosistema delle criptovalute.

Anche se Binance rifiuta l’idea, il dibattito prende il via

Un giorno dopo l’hack, l’argomento del reorg ha raggiunto un punto febbrile tale che Zhao ha rilasciato un altro commento sull’episodio, sostenendo che il suggerimento di Rubin è stato preso in considerazione brevemente – niente di più – sulla scia di un’emergenza.

valutare un’opzione suggerita è di per sé sbagliato, specialmente date le circostanze. E in ogni circostanza, la libertà di pensiero non è un crimine.

3. non volevamo farlo.

4. non siamo riusciti a farlo.

Bitcoin è sicuro. E poi tante cose da fare …

– CZ Binance (@cz_binance) 8 maggio 2019

Altri furono sorpresi che la possibilità di un reorg fosse stata presa in considerazione pubblicamente. Michael Novogratz, co-fondatore della banca crittografica Galaxy Digital, ha definito questo discorso “vicino all’eresia”. In risposta al commento di Novogratz, il co-creatore di Ethereum Vitalik Buterin ha affermato che un ripristino correttivo delle transazioni di tutti sarebbe “forse fatale” per un progetto.

https://twitter.com/VitalikButerin/status/1126096874039988224

Da parte sua, Andreas Antonopoulos, autore e coautore rispettivamente di Mastering Bitcoin e Mastering Ethereum, ha paragonato un reorg correttivo simile a un “salvataggio di una banca”, aggiungendo che “non ci sarà un salvataggio qui”.

Un reorg per recuperare le perdite di cambio è come un salvataggio per un rischio di cattiva gestione della banca.

Fortunatamente, è così difficile da portare a termine e così probabile che fallisca che, a differenza delle banche, qui non ci sarà un salvataggio.

Coloro che falliscono nella sicurezza si mangiano i costi. #NotYourKeysNotYourCoins

– Andreas ☮ &# 127752; ⚛ ⚖ &# 127760; &# 128225; &# 128214; &# 128249; &# 128273; &# 128745; (@aantonop) 8 maggio 2019

Altri, come Larry Cermak di The Block, hanno suggerito che un reorg fosse inutile perché Binance sarebbe in grado di generare entrate per compensare i fondi persi nel giro di poche settimane. Inoltre, l’exchange ha già accantonato il 10% delle sue commissioni di negoziazione per un fondo per coprire eventi del cigno nero come gli hack.

Alcuni dei miei pensieri / approfondimenti sull’hacking di Binance

– $ 41 milioni sono noccioline per Binance: possono tornare in 47 giorni

– È stato il sesto più grande attacco di scambio nella storia e l’importo totale rubato dagli scambi è ora di $ 1,35 miliardi

– reorg era un’idea stupida che non avrebbe funzionato pic.twitter.com/K8rBuFggZm

– Larry Cermak (@lawmaster) 8 maggio 2019

Non è una questione di “dovrebbe”, piuttosto una questione di “potrebbe”

Con l’aumento delle chiacchiere su reorg, molti analisti ed esperti nello spazio hanno affermato che Binance non dovrebbe perseguire la controversa strategia.

Tuttavia, altri hanno sottolineato che la strategia era totalmente ammissibile a livello tecnico ed era quindi una strategia che poteva sempre essere perseguita, nel bene e nel male e che piacesse o no a qualcuno..

Se stai scrivendo a mano sul fatto che sia o meno “ accettabile ” per Binance creare una massiccia transazione a doppia spesa per recuperare i propri fondi dall’hack tramite un massiccio reorg, allora hai dimenticato come questo * senza autorizzazione *, * amorale * rete chiamata #bitcoin opera. / 1

– Mario Gibney (@Mario_Gibney) 8 maggio 2019

In una nota correlata, Bitcoin Udi Wertheimer ha evidenziato in un thread associato che “Non esiste una finalità assoluta in bitcoin”, solo una finalità pratica. Vale a dire, potrebbe esserci una profondità di blocco nel libro mastro Bitcoin che è troppo profonda per essere raggiunta da qualsiasi parte durante un reorg, ma non è un numero predefinito che può essere facilmente conosciuto.

C’è differenza, @alpacasw ha dato una buona spiegazione, ma non credo che abbia nulla a che fare con la finalità. Non esiste una finalità assoluta in bitcoin. Potrebbe esserci una finalità “pratica”, ma non vedo ragioni convincenti per credere che sia a 100 blocchi

– Udi Wertheimer (@udiWertheimer) 8 maggio 2019

Detto questo, il già citato Jeremy Rubin in seguito ha aggiunto che pensava ancora che un reorg “entro 6 blocchi” potesse essere un “modo standard di affrontare un hack” come il tipo con cui Binance è stato colpito questa settimana.

In futuro, vorrei considerare che un modo standard di gestire un hack fosse, entro 6 blocchi, reorgare i fondi attaccati a una transazione che paga su un programma bloccato nel tempo a lungo termine ai futuri minatori.

In questo modo almeno questi hack possono garantire il futuro del bitcoin: p

– Jeremy Rubin (@JeremyRubin) 8 maggio 2019

Che tu pensi che una riorganizzazione correttiva sia una buona o cattiva idea, è chiaro che una tale mossa sarebbe molto costosa. Sulla scia dell’hacking di Binance, lo sviluppatore e imprenditore di Bitcoin Jimmy Song ha calcolato che a quel punto sarebbero già bastate centinaia di BTC per pagare effettivamente un reorg della rete Bitcoin.

1 / Matematica sul retro della busta per aver eseguito una riorganizzazione di 58 blocchi (conferme attuali per il tx che ha preso soldi da binance):

Costo minimo: 58 * 12,5 btc = 725 BTC (presume che ogni minatore otterrebbe all’incirca le stesse commissioni tx nella nuova catena e che il 100% dei minatori aderisca a questo schema)

– Jimmy Song (송재준) (@jimmysong) 8 maggio 2019

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me