BANKEX lancia “Smart Justice” Crypto Court e parti uguali interessanti e terrificanti

BANKEX Smart Justice

BANKEX ha appena lanciato il suo nuovo prodotto chiamato Giustizia intelligente sulla mainnet di Ethereum. È una piattaforma progettata per facilitare la risoluzione delle controversie e l’arbitrato di contratti intelligenti. Chiunque abbia gettoni di voto può diventare un giudice e votare sui casi. Le implicazioni per un tale sistema sono piuttosto convincenti. Tuttavia, il servizio ha alcuni punti potenzialmente sinistri che dovrebbero essere considerati.

BANKEX Smart Justice

BANKEX fa un cambiamento

BANKEX è un servizio basato su Ethereum che ha lanciato il suo ICO lo scorso anno. L’idea del progetto era di consentire la tokenizzazione di asset del mondo reale che potevano poi essere scambiati o detenuti dagli investitori. L’esempio principale era il settore immobiliare. Il modo in cui la piattaforma avrebbe dovuto funzionare è che il proprietario di un edificio, ad esempio, poteva avere la sua proprietà tokenizzata in modo che ogni token rappresentasse una quota nell’edificio. Quei token potrebbero quindi essere acquistati e venduti proprio come le azioni e la proprietà sarebbe quindi rappresentata dagli asset blockchain. Tenere in mano un gettone per un edificio non ti darebbe il permesso, ad esempio, di fare un pisolino all’interno dell’armadio delle scope. Dà semplicemente una percentuale della proprietà finanziaria e niente di più.

Secondo BANKEX, quasi tutto ciò che potrebbe essere visto come una risorsa del mondo reale potrebbe essere tokenizzato. Quindi, automobili, attrezzature, macchinari o qualsiasi altra cosa potrebbero potenzialmente subire questo processo.

BANKEX prevede di assumere team di dipendenti diretti o appaltatori che fungano da verificatori del mondo reale per garantire l’autenticità delle risorse da tokenizzare e per verificare la proprietà.

Con questo in mente, il lancio della nuova piattaforma Smart Justice sembra in qualche modo sorprendente.

Cos’è Smart Justice?

Il passo secondo BANKEX va qualcosa di simile. I contratti intelligenti si autoeseguono e seguono sempre le regole. Sfortunatamente, non appena le persone vengono coinvolte, sorgeranno problemi.

App Smart Justice

Un recente post sul blog di BANKEX che descrive il servizio fornisce l’esempio di un imprenditore freelance e di un datore di lavoro che utilizzano il servizio BANKEX per facilitare una transazione tra i due. Ad esempio, il datore di lavoro assume l’appaltatore per eseguire una sorta di lavoro. Nel caso in cui il datore di lavoro sia insoddisfatto del lavoro dell’appaltatore o l’appaltatore non è riuscito a svolgere il lavoro, il datore di lavoro potrebbe teoricamente utilizzare il sistema BANKEX Smart Justice per citare in giudizio efficacemente l’appaltatore.

A questo punto, il sistema selezionerà casualmente 51 giudici da un pool di potenziali candidati che detengono gettoni di voto.

È a questo punto che le cose iniziano a diventare un po ‘strane.

Ottenere giudizio

La prima domanda che potresti chiederti è: perché qualcuno dovrebbe voler essere un giudice? Perché non dovresti acquistare solo gettoni di voto a tue spese, ma poi dedicare tempo e sforzi a esaminare i dettagli del caso?

La risposta è abbastanza semplice. Se tu, in qualità di giudice, effettui un voto e quel voto viene successivamente ritenuto quello corretto in base alla maggioranza degli elettori, riceverai una ricompensa in criptovaluta. Se ti sbagli o gli altri non sono d’accordo con te, perderai il tuo gettone di voto e non riceverai alcuna ricompensa.

La logica alla base di questo è che i giudici saranno incoraggiati a votare per qualunque parte sia intrinsecamente più corretta. L’affermazione è che questo segue la legge dei grandi numeri, dove il risultato della verità si rifletterà inevitabilmente nella maggioranza. Ma qui c’è anche un problema evidente.

Caso di esempio

Un caso di esempio, immagine da BANKEX Smart Justice

Invece di essere incentivato a votare sulla verità, potrebbero esserci dei casi in cui un giudice può guardare entrambe le parti e pensare a se stesso, il lato A ovviamente vincerà, ma penso che il lato B abbia ragione. Devo votare per il lato A per ottenere i gettoni, o devo votare con la coscienza e andare per il lato B?

Il secondo punto da considerare è un po ‘meno probabile, ma certamente concepibile. Immaginiamo che un caso molto alto e di alto valore venga inserito sulla piattaforma. Milioni di dollari sono in gioco e ci saranno fino a 51 giudici casuali. Supponiamo che la piattaforma abbia solo un pool di 2000 giudici. Pertanto, se sono in gioco abbastanza soldi, coloro che hanno casi in linea sarebbero incentivati ​​finanziariamente a costituire il maggior numero possibile di giudici nel pool dei giudici in modo da aumentare le probabilità di avere i propri dipendenti sul caso. Se un gettone di voto costa solo pochi dollari, allora sovraccaricare il pool potrebbe essere abbastanza banale quando sono in gioco abbastanza soldi. Per molti versi sarebbe proprio come un attacco del 51%.

Non l’unico giocatore

Ciò che BANKEX ha con il proprio sistema Smart Justice ha molte somiglianze con altre piattaforme che offrono arbitrato decentralizzato. Un esempio degno di nota è Aragon Network, che si basa molto su questa idea di arbitrato da parte di una giuria anonima come concetto centrale.

Voto

È anche abbastanza strano che BANKEX scelga di entrare in questo campo che sembra non avere alcun collegamento diretto con la loro offerta principale originale di tokenizzazione delle risorse del mondo reale.

Se la piattaforma si dimostra efficace ea basso costo (o almeno competitiva con altre alternative) allora potrebbe essere utile per piccoli casi come l’esempio sopra di un libero professionista che lavora.

Quello che potrebbe anche essere un’importante area di crescita per questo tipo di servizio sarebbero gli appaltatori di ristrutturazioni domestiche. Questa area di lavoro è piena di frodi e reclami, con il sovraccarico e il lavoro scadente che sono la norma.

Se, in futuro, le transazioni basate su criptovaluta diventassero normali, chiedere a un appaltatore di fornire un servizio tramite un contratto intelligente che potrebbe potenzialmente essere sottoposto ad arbitrato aumenterebbe la probabilità che tale appaltatore faccia un buon lavoro la prima volta. C’è anche un grado di gestione della reputazione che potrebbe essere legato a questo. In particolare, se un appaltatore utilizza regolarmente lo stesso servizio basato su blockchain, qualsiasi potenziale cliente potrebbe rivedere rapidamente e facilmente i record delle transazioni verificabili per casi aziendali precedenti e vedere se qualcuno di loro è stato portato in arbitrato. E se sono stati portati in arbitrato, possono vedere il risultato nel caso in cui l’appaltatore abbia fatto un buon lavoro e meritasse di essere pagato.

C’è ancora molta zona grigia quando si tratta di questo tipo di servizio e probabilmente passeranno molti decenni prima che l’arbitrato basato su blockchain diventi normale, se mai lo farà.

In teoria è un’idea interessante, ma il sistema deve essere veramente sottoposto a stress test prima di essere utilizzato in casi ad alto rischio.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map