Ethereum e la tecnologia Blockchain possono aiutare a rispondere ai problemi di censura?

Censura

Il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin pensa che la blockchain potrebbe essere la prossima grande novità nelle comunicazioni senza censura.

Gli eventi nel Campidoglio americano hanno provocato un esodo di massa degli utenti di Facebook e Twitter a seguito della loro decisione di bandire il presidente trump e diversi gruppi “marginali”.

La maggior parte degli esiliati di Twitter considerava Parler la migliore piattaforma su cui spostarsi grazie al suo approccio alla libertà di parola e all’anti-censura.

Il fondatore di Ethereum vede Blockchain come soluzione

Tuttavia, aziende come Amazon Web Services hanno immediatamente crackato il loro sito per quella che sostenevano fosse l’incapacità di moderare efficacemente la sua piattaforma.

Ciò ha costretto Parler a disattivare il suo servizio, impedendo a migliaia di utenti di utilizzare la piattaforma dei social media e attirando le critiche dei sostenitori della libertà di parola in tutto il mondo..

Uno di questi oratori è Vitalik Buterin, co-fondatore di Ethereum, che espresso le sue idee sui pericoli della censura pubblicamente.

Queste preoccupazioni sono state condivise da più attivisti che credono che le capacità di queste società private potrebbero diventare un problema più grande a lungo termine, anche quando riconoscono le difficoltà che incontrano quando moderano i contenuti nelle loro piattaforme.

Buterin lo ha commentato,

“Il fatto che così tante persone che normalmente non sosterrebbero mai un tale potere aziendale ora esultano gli amministratori delegati della tecnologia che calpestano i funzionari democraticamente eletti merita un po ‘di introspezione”.

L’inizio di un esodo digitale

Se gli eventi recenti hanno dimostrato qualcosa è che nessuna piattaforma centralizzata può rimanere neutrale rispetto al contesto politico e sociale, che è esattamente ciò che impedisce la creazione di un sistema senza fiducia quando si basa su un’autorità centrale.

Hudson Jameson, anche un co-fondatore di Ethereum, ha dichiarato in un’intervista a Decrypt che questi recenti eventi “aumentano assolutamente la necessità di sistemi decentralizzati e resistenti alla censura”.

Sebbene queste piattaforme di social media decentralizzate esistano già, attirare nuovi utenti si è rivelato difficile in un ecosistema governato da pochi giocatori.

In effetti, aziende come Facebook sono state sottoposte a scrutinio durante l’ultimo mese quando il governo degli Stati Uniti ha avviato una causa antitrust contro il gigante tecnologico.

Ma non solo il governo sta iniziando a considerare l’impatto negativo che la big tech potrebbe avere nel futuro della società, ma anche gli utenti di tutto il mondo che negli ultimi giorni hanno iniziato a cercare alternative alle applicazioni tradizionali come WhatsApp.

Un’opportunità per le piattaforme di social media Blockchain

Queste crescenti preoccupazioni sulla privacy e la monopolizzazione delle piattaforme social potrebbero essere il terreno fertile che le piattaforme blockchain stavano aspettando, consentendo loro di catturare alcuni degli utenti che hanno deciso di lasciare le loro piattaforme precedenti a seguito di eventi recenti.

Il signor Buterin ha fatto riferimento al ruolo che la tecnologia blockchain potrebbe rivestire nella creazione di un mezzo di comunicazione globale twittando:

7. I tentativi di abbattere Parler sono molto preoccupanti. Apple, Google, AWS sono molto più simili "fornitori di infrastrutture comuni" rispetto a un sito di social media. Parler ha il diritto di esistere, punto.

– vitalik.eth (@VitalikButerin) 12 gennaio 2021

La natura decentralizzata delle reti blockchain come Ethereum non consentirebbe a una singola entità o individuo di mettere a tacere il discorso da qualsiasi lato dello spettro politico, poiché ciò sarebbe quasi impossibile e contro gli ideali della rete.

Ciò, tuttavia, crea una linea sottile su come moderare l’incitamento all’odio o le attività illegali, ma spetterebbe alla governance decentralizzata e alla comunità, in generale, raggiungere tali decisioni e meccanismi senza dover affrontare la pressione di un’azienda privata può sperimentare.

Nuova esigenza di comunicazione aperta

È chiaro che le grandi aziende tecnologiche stanno cambiando marcia. Non ci si accontenta più di consentire visioni divergenti sulle piattaforme sviluppate, una nuova era nello sviluppo dei social media sembra essere qui.

Sebbene questo allontanamento dalle piattaforme consolidate sia molto nuovo, l’entità dell’eliminazione da parte delle piattaforme esistenti stimolerà lo sviluppo di sistemi che hanno molta più apertura, anche se ciò comporta il rischio di proteggere idee impopolari (le leggi sulla libertà di parola lo hanno sempre fatto questo, a proposito …).

In un mondo in cui le idee stanno diventando totalmente inaccettabili, le persone stanno perdendo la capacità di parlare di una serie di argomenti, molti dei quali sono importanti per il discorso pubblico. È probabile che il decentramento abbia trovato una nuova area in cui crescere.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map