La crescita e lo sviluppo di Malta, la “Blockchain Island”

I governi di tutto il mondo hanno adottato politiche per quanto riguarda l’accettabilità o la mancanza di criptovalute. Mentre alcuni paesi li hanno completamente banditi, pochi paesi hanno abbracciato le criptovalute e stanno creando un ambiente favorevole per farle prosperare. Il divieto della Cina agli ICO nel 2017 è stato altamente sfavorevole per le criptovalute e poco dopo che la notizia è calata, i prezzi delle criptovalute sono diminuiti.

Dopo essersi ripresi dallo shock, molte aziende di criptovaluta hanno deciso di trasferirsi in un ambiente più amichevole. Come se le notizie dalla Cina non bastassero, la Corea del Sud ha seguito l’esempio e l’Unione Europea (UE) e gli Stati Uniti hanno iniziato a parlare del desiderio di regolamentare il mercato delle criptovalute. Quando la Cina e la Corea del Sud hanno iniziato a sentirsi a disagio per le società di criptovaluta, si sono trasferite in Giappone. A differenza dei suoi vicini asiatici, il Giappone aveva regolamenti in vigore che erano favorevoli per le criptovalute, ma recentemente sono state introdotte normative rigorose per frenare gli hack e, apparentemente una risposta al Coincheck Hack che è successo all’inizio del 2018. Ciò ha costretto alcune delle più grandi società blockchain e fintech a iniziare la ricerca di giurisdizioni più amichevoli.

Ci sono paesi nel mondo che sono noti per i loro progressi tecnologici: Cina, Giappone, Stati Uniti, Corea del Sud e principali paesi dell’UE. I progressi tecnologici sono generalmente concentrati in questi paesi. Ma quando si parla di Malta, la tecnologia non è solitamente la prima cosa che viene in mente. Le cose, tuttavia, non sono come sembrano all’esterno, poiché Malta sta rapidamente diventando un hub per le attività di valuta digitale. Hanno politiche che favoriscono notevolmente le piattaforme di scambio di criptovaluta. Ciò è possibile grazie al fatto che i piani normativi vengono formulati con il contributo delle parti interessate della criptovaluta. Questa mossa è molto rara considerando il fatto che nella maggior parte dei paesi, le agenzie governative quasi non vogliono piattaforme di scambio di criptovaluta nella loro giurisdizione o sono ancora avvolte dalla burocrazia cercando di capire come affrontare questa tecnologia emergente.

Malta L'isola Blockchain

Un altro motivo per cui le piattaforme di scambio di criptovalute stanno trovando favorevole la minuscola isola del Mediterraneo è il fatto che il primo ministro, Joseph Muscat, è un convinto sostenitore della criptovaluta e della tecnologia blockchain.

Con l’afflusso di gigantesche piattaforme di scambio di criptovalute come Binance e OKEx, Malta si sta rapidamente affermando come la principale destinazione per le società di criptovaluta e Blockchain grazie alle sue normative e framework amichevoli per le criptovalute. Dai un’occhiata mentre ci addentriamo nella “Blockchain Island”

Malta: un’isola blockchain in crescita

Finora Malta ha fornito un ambiente favorevole allo sviluppo delle criptovalute. Le sue politiche hanno attratto gigantesche piattaforme di scambio di criptovalute. Il paese sta cercando di diventare una delle giurisdizioni più amichevoli del mondo per il settore delle criptovalute che è stato fonte di preoccupazione per altri governi. Il quadro normativo del governo maltese coprirà diverse persone come i trader di criptovalute, la gestione delle risorse e le piattaforme di scambio. Ciò lo renderebbe il framework criptato più completo del settore.

Tutti questi hanno portato giganti delle criptovalute come Binance e OKEx, e tale mossa ha innalzato lo status del paese nella scena delle criptovalute.

Malta

La Valletta, capitale di Malta. Immagine da Unsplash.

L’Europa è relativamente tranquilla per quanto riguarda la sua posizione sulla regolamentazione delle criptovalute, e questo sembra funzionare a favore di Malta, con le cose che stanno per diventare interessanti per Malta e l’Unione Europea nel suo complesso. Mentre altri paesi continuano a reprimere la criptovaluta e la tecnologia blockchain, Malta e l’UE sembrano assumere un ruolo guida nel settore delle criptovalute in rapida crescita.

Binance

Il 23 marzo 2018, Binance ha annunciato tramite a inviare per suo conto Medium, che istituirà una base operativa a Malta. Secondo il post sul blog, la decisione di trasferirsi a Malta è stata presa dopo aver considerato diverse località praticabili prima di stabilirsi sull’isola di Malta. La notizia ha immediatamente suscitato interesse in tutta la comunità sulla base del pedigree di Binance e degli eventi che si erano verificati prima dell’annuncio.

Binance Team

Il Primo Ministro di Malta, Joseph Muscrat, ha postato su Twitter il benvenuto personale di Binance sull’isola.

Benvenuto a #Malta &# 127474;&# 127481; @binance. Miriamo a essere i pionieri globali nella regolamentazione delle attività basate su blockchain e nella giurisdizione della qualità e della scelta per le società fintech di livello mondiale -JM @SilvioSchembri https://t.co/3qtAQjOpuQ

– Joseph Muscat (@JosephMuscat_JM) 23 marzo 2018

OKEx Sposta a Malta

Giovedì 12 aprile 2018, OKEx, un’altra importante piattaforma di scambio di criptovaluta, annunciata tramite un post sul suo sito web, che si sarebbe trasferito a Malta. La società con sede a Hong Kong diventa la seconda grande piattaforma di scambio di criptovaluta ad abbracciare la minuscola isola del Mediterraneo dopo Binance, la più grande piattaforma di scambio di criptovaluta al mondo ha anche annunciato l’intenzione di stabilire un nuovo ufficio a Malta il 23 marzo 2018, con il benvenuto del Primo Ministro del paese loro a braccia aperte. OKEx, come Binance, ha una presenza a Hong Kong e in Giappone.

OKEx Malta

L’On. Silvio Schembri (al centro) incontra il Chief Risk Officer di OKEx Tim Byun (a destra) e il Vicepresidente Jason Lau (a sinistra). Immagine da OKEx.

OKEx Technology Co., la cui sede della valuta virtuale si trova al numero 4 per valore scambiato su Coinmarketcap.com, ha fermamente deciso che la fondazione di Malta è il luogo per la sua crescita. Secondo il CEO di OKEx, Chris Lee, vede Malta come un paese lungimirante. Con l’amichevole regolamentazione delle criptovalute di Malta e i suoi piani di espansione, Chris crede positivamente che la mossa favorirà notevolmente la piattaforma di scambio di criptovaluta e la mossa sarà molto vantaggiosa per l’azienda. Ha anche continuato dicendo che la società è entusiasta di lavorare con il governo maltese, poiché è lungimirante e condivide gli stessi valori dell’azienda.

Chris Lee, tuttavia, non è l’unico ad attribuire il trasferimento della società a Malta a causa delle amichevoli politiche crittografiche del paese. Tim Byun, che è il Chief Risk Officer e capo delle relazioni con il governo della piattaforma, ha anche elogiato Malta per essere un paese criptato. Ha affermato che il Virtual Financial Asset Act di Malta funge da solida base per le piattaforme di scambio di criptovalute e il governo deve collaborare per promuovere la nascente tecnologia / industria degli asset digitali.

Autorità per l’innovazione digitale di Malta

A differenza di molti altri paesi che cercano di mettere a dura prova le criptovalute, il governo maltese sta facendo l’esatto contrario. Sta spalancando le sue braccia alle piattaforme di scambio di criptovalute e sta creando un ambiente favorevole al loro prosperare.

All’inizio dell’anno, il paese ha iniziato a pianificare la creazione di Autorità per l’innovazione digitale di Malta. Secondo un notiziario nazionale in un articolo del febbraio 2018, l’ente avrà la responsabilità di regolamentare il mercato delle criptovalute e anche di creare un ambiente favorevole per attirare altre piattaforme di scambio di criptovaluta nel paese.

Questa iniziativa è guidata da Silvio Schembri, segretario parlamentare di Malta per l’economia digitale. Ha già delineato un processo in 3 fasi che renderebbe Malta una centrale elettrica crittografica. Il primo passo è la creazione della Malta Digital Innovation Authority. La seconda fase prevede l’approvazione di adeguati atti legislativi che creino la struttura per la certificazione delle aziende. La terza fase vedrà la regolamentazione del mercato ICO.

Silvio Schembri

Il segretario parlamentare Silvio Schembri, immagine da Malta oggi.

Secondo The Times of Malta, Silvio Schembri, a Malta, ha affermato poche settimane fa che Malta è diventata il primo paese in Europa e forse nel mondo a elaborare un quadro normativo sulla tecnologia DLT. Alla fine, il quadro è stato accolto molto bene e il feedback della consultazione pubblica è stato piuttosto incoraggiante. Ha anche affermato che c’era speranza di passare attraverso il processo parlamentare con il disegno di legge che istituirà l’Autorità per l’innovazione digitale di Malta e offrirà ugualmente certezza giuridica a questo spazio.

Altre società crittografiche in arrivo a Malta

L’ambiente criptato di Malta non ha solo attratto Binance e OKEx. Ci sono molte piattaforme di scambio di criptovalute che si sono spostate o hanno indicato un forte interesse a trasferirsi nell’isola del Mediterraneo. Con le vibrazioni ostili e fredde che queste società criptate stanno ottenendo da altri paesi, Malta sembra un paradiso per le criptovalute.

Tron, una società blockchain con sede negli Stati Uniti, è fortemente considerando di trasferirsi a Malta. Secondo Justin Sun, CEO e fondatore dell’azienda, ha affermato di sostenere con forza il piano del primo ministro Joseph Muscat per creare un ambiente favorevole per attrarre aziende basate su blockchain nel paese. Secondo un tweet che ha fatto su Twitter, sostiene la grande lungimiranza del Primo Ministro e spera di costruire un’isola basata su blockchain con il governo maltese. Ha anche scritto che la società stava valutando fortemente la possibilità di trasferirsi a Malta, a seguito dell’annuncio fatto dal suo partner strategico, Binance.

TRON TRX

Un’altra società crittografica interessata a trasferirsi sull’isola è Monaco. Secondo l’amministratore delegato, Kris Marszalek, è anche un convinto sostenitore delle politiche del Primo Ministro maltese e le normative in vigore sono molto favorevoli, in quanto sta pensando di trasferirsi a Malta.

Altre piattaforme basate su blockchain che stanno prendendo in considerazione la mossa di Malta, includono Grande, Neufund, un’azienda tedesca di blockchain e L’abisso, una piattaforma di gioco di criptovaluta.

Vertice Blockchain di Malta

Ispirato dal recente avvio del Virtual Currency Act di Malta e dall’aumento vertiginoso dell’interesse per Malta come prossima giurisdizione blockchain, il Vertice Blockchain di Malta si terrà per la prima volta quest’anno dal 1 ° al 2 novembre presso l’InterContinental Malta a St Julian’s.

Vertice Blockchain di Malta

Blockonomi è lieta di essere sponsor di questo evento e sarà presente di persona, se decidi di fare una visita – ci vediamo sull’Isola Blockchain!

Conclusione

Mentre paesi come la Cina, la Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno creato atmosfere ostili per le criptovalute, Malta si sta impegnando per diventare un hub crittografico. I suoi regolamenti, a differenza di qualsiasi altro, avvantaggiano le società crittografiche. La piccola Isola, che è membro dell’Unione Europea, ha deciso di distinguersi nel mondo delle criptovalute.

Regolamentazioni severe e divieti diretti da altri paesi hanno spinto le aziende basate su blockchain a cercare luoghi più amichevoli da chiamare casa. Con le continue repressioni in corso in altri paesi, potrebbe continuare a guidare più giocatori di criptovaluta nel paese.

Con l’afflusso di questi giocatori e la posizione progressista del Primo Ministro sulla criptovaluta, Malta potrebbe semplicemente diventare l’hub di criptovaluta e l’isola Blockchain del mondo.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map