Tradecloud

TradeCloud mira a digitalizzare il settore delle materie prime ed è attualmente in fase di offerta di token di sicurezza. Questa è una piattaforma online che consente a commercianti, consumatori e produttori di prodotti fisici di interagire. Possono utilizzare TradeCloud per scambiare informazioni e negoziare contratti. La piattaforma è già attiva da più di un anno intero e può essere utilizzata tramite versioni mobili o desktop.

Tradecloud

L’idea alla base di TradeCloud è consentire all’industria delle materie prime di sfruttare la tecnologia digitale. Ciò avverrà offrendo una piattaforma di comunicazioni all’avanguardia. Includerà anche The Commodities Web. Questa è una rete di reti per servizi che utilizzano la tecnologia blockchain.

Quale problema mira a risolvere TradeCloud?

Il team dietro TradeCloud ha creato la piattaforma per risolvere il fatto che il settore delle materie prime cambia lentamente. Nello specifico, i fornitori di servizi e gli operatori di mercato sono ancora disconnessi e possono comunicare solo tramite strumenti obsoleti. Il risultato è una comunicazione inefficiente, una scarsa allocazione dei servizi e una determinazione dei prezzi inadeguata.

Anche l’industria delle materie prime ha una scarsa digitalizzazione, che ha causato frodi su una vasta gamma di scale. La scarsa digitalizzazione può anche significare che le istruzioni di pagamento inviate tramite e-mail possono essere modificate. Inoltre, la mancanza di connessione tra i fornitori e coloro che necessitano di servizi ha reso impossibile l’accesso a determinati servizi. Questi includono capacità di assicurazione del credito e nuovi canali finanziari.

piattaforma

Per completare il tutto, i metodi antiquati di scoprire i prezzi e processi inefficienti causano problemi. In particolare, portano a una riduzione dei margini e a un aumento dei costi.

Per risolvere il problema, TradeCloud lavora per creare comunità e connettività. Offre una piattaforma sicura e facile da usare. La visione digitale è incentrata sulla blockchain di Corda. Porterà a transazioni veloci, sicure ed efficienti oltre all’esecuzione di scambi di materie prime fisiche. Questa modifica consentirà di migliorare i margini e ridurre i costi.

Storia di TradeCloud

TradeCloud è stata fondata da professionisti dell’IT e delle materie prime. Questa piattaforma su misura è stata progettata e sviluppata specificamente per i mercati delle materie prime fisiche.

TradeCloud è attivo da appena un anno ma ha già più di 400 utenti e 200 imprese. I clienti sono distribuiti in più di 36 paesi. La comunità include i più grandi consumatori e produttori globali. La piattaforma ha già visto l’avvio di oltre $ 500 milioni di dollari di scambi per materie prime fisiche. Questo volume continua ad accelerare.

Quali mercati offre TradeCloud?

Al momento, TradeCloud serve l’industria dei metalli. È prevista un’espansione sia nel settore agricolo che in quello energetico. Questo dovrebbe accadere abbastanza presto. Questi tre mercati hanno un valore commerciale combinato di oltre $ 8 trilioni di dollari all’anno. Ciò significa che TradeCloud avrà accesso a tra le maggiori opportunità di e-commerce che sono ancora relativamente inutilizzate.

Token TradeCloud

I gettoni TC hanno un valore di utilità. Inoltre, TradeCloud pagherà il 10 percento del suo profitto netto annuale ai possessori di token. Quel profitto sarà diviso equamente tra i 50 milioni di gettoni. Questa partecipazione agli utili avverrà per dieci anni dal momento in cui vengono emessi i token. La suddivisione è proporzionale per token e i crediti si verificano in ETH tramite un airdrop per i possessori di token.

Gettoni

I token scambiati per utilità perdono i loro diritti di partecipazione agli utili. I diritti di utilità e sicurezza dei token si escludono a vicenda. I clienti di TradeCloud possono utilizzare i token per ottenere servizi. Gli esempi includono assicurazioni, logistica, finanziamenti, scambi e dati sui prezzi.

Vendita di token

TradeCloud raccoglierà fondi vendendo TC Coins. Le monete verranno emesse tramite una filiale svizzera. L’obiettivo della vendita è raccogliere fino a 45 milioni di dollari. Le monete TC possono essere convertite utilizzando contratti intelligenti per diventare pagamenti interni.

Ogni token è offerto al prezzo nominale di $ 1 USD. Gli investitori privati ​​in vendita ricevono un bonus del 25 percento. La vendita pubblica include un bonus del 10 percento. Durante la vendita privata, l’investimento minimo è di $ 25.000. Per la vendita al pubblico, l’investimento minimo è di $ 10.000.

Del totale dei TC Coins, il 34 percento è destinato alla vendita pubblica. C’è anche il 13 percento nella prevendita. Le monete rimanenti includono il 50 percento per i gettoni del tesoro e il 3 percento per consulenti e partner.

La vendita privata è iniziata nel primo trimestre del 2019. La vendita pubblica inizierà una volta completata la vendita privata. È previsto un limite massimo di 50 milioni di token da emettere. Beneficeranno del 10% dell’utile netto di TradeCloud più il loro valore di utilità.

A causa di fattori politici e normativi, i residenti o cittadini di Stati Uniti, Corea del Sud e Cina non possono partecipare. Ci sono anche altre regioni escluse per ragioni simili.

Come verranno utilizzati i fondi della STO?

A seguito dell’offerta di token di sicurezza, TradeCloud utilizzerà i fondi per accelerare la crescita della piattaforma. Il team di gestione prevede di allocare il 40% dei fondi al marketing della piattaforma, il 25% allo sviluppo del software, il 19% all’acquisizione e il 10% agli incentivi per i primi utenti. L’ultimo 6 per cento è per il rimborso del debito.

È importante notare che i fondatori di TradeCloud hanno finanziato la piattaforma finora. In quanto tale, TradeCloud ha seguito un budget rigoroso. Il team spende i fondi solo dopo un’attenta analisi dei costi rispetto ai benefici. Questa strategia continuerà ad applicarsi ai fondi raccolti durante la STO.

Con il budget di TradeCloud, una STO di successo dovrebbe raccogliere fondi sufficienti per i tre anni successivi. Questo sarebbe il caso indipendentemente dalle entrate durante quel periodo. Tale budget include anche uno sviluppo e una promozione rigorosi del prodotto. Quel periodo di tre anni darebbe a TradeCloud abbastanza tempo per crescere e garantire le sue entrate future.

Mappa stradale di TradeCloud

TradeCloud è stata fondata nell’agosto 2016. Nel febbraio 2017, il team ha iniziato a costruire la piattaforma. La piattaforma è stata pubblicata nell’ottobre di quell’anno. Nell’agosto 2018, TradeCloud ha avviato il progetto STO. Nel novembre 2018, TradeCloud ha raggiunto diversi traguardi. Questi includono $ 500.000 milioni di transazioni avviate. Comprendeva anche 200 clienti sparsi in 36 paesi.

Roadmap

Il processo di prevendita è iniziato a gennaio 2019, seguito dalle vendite pubbliche e private.

Chi c’è dietro TradeCloud?

Come accennato, il team dietro TradeCloud include professionisti leader con esperienza in tecnologia e materie prime. Condividono la passione di portare nel futuro il business dei prodotti fisici.

Simon Collins ha più di 25 anni di esperienza con le materie prime. Matthew Botell ha oltre 20 anni di esperienza nel settore delle materie prime fisiche. Mark Cheong ha ricoperto una serie di posizioni senior nel settore finanziario e del Tesoro nel corso degli anni. Ha esperienza nel commercio di materie prime, finanza strutturata, tesoreria, tasse, credito e campo legale. Justin Wilson ha più di 25 anni di esperienza nella consulenza e nell’IT.

TradeCloud ha anche numerosi partner. Blocksmatter AG è un consulente senior. CMP AG è un agente di deposito a garanzia e partner AML. Inacta AG è un fornitore di piattaforme blockchain. Advisory Dr. Mattia L. Rattaggi & Consultancy è un consulente normativo. Intrum AG è un partner KYC. Volo è uno sviluppatore di software e R3 lavora sulla blockchain. L’infrastruttura utilizza Microsoft Azure.

Conclusione

TradeCloud è una piattaforma che mira a portare l’industria delle materie prime nel mondo digitale. Con l’uso della piattaforma, il settore può sperimentare costi inferiori e margini migliori.

Il progetto è già ben avviato con oltre $ 500 milioni di dollari in operazioni commerciali, 200 imprese e 400 utenti. Il team dietro TradeCloud ha decenni di esperienza in tecnologia, IT e materie prime.

I fondi raccolti dalla STO verranno utilizzati per valorizzare il progetto, accelerandone la crescita e l’utilità. Il progetto ha il potenziale per essere rivoluzionario per l’industria delle materie prime, a condizione che venga adottato.

Link utili:

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me