L’Australia guida l’implementazione della blockchain: potrebbe avere una piattaforma blockchain nazionale

Blockchain DTA Australia

Secondo a articolo recente in Computerworld, del governo australiano Agenzia per la trasformazione digitale (DTA) è sulla buona strada per avere una piattaforma blockchain prototipo pronta entro la fine dell’anno finanziario in corso. Al momento il DTA è nel mezzo di una fase di scoperta con Dati61, dove sono, “esplorando la rilevanza e l’applicazione della blockchain per il governo”.

Blockchain DTA Australia

Esistono numerose aree in cui la blockchain potrebbe aiutare il governo australiano a risparmiare denaro e aumentare l’efficienza complessiva. Randall Brugeaud, che è stato nominato CEO della DTA all’inizio di quest’anno, ha identificato il sistema di welfare australiano come obiettivo a breve termine per l’implementazione della blockchain.

Il signor Brugeaud ha detto a una conferenza tecnologica all’inizio di quest’anno che la DTA cercherà,

“Modi innovativi per fornire in modo sicuro ed efficiente servizi governativi utilizzando blockchain” e che, “il potenziale della blockchain per registrare in modo sicuro le transazioni sarà studiato attingendo all’esperienza di altre organizzazioni del settore pubblico e privato”.

L’Australia è una forza trainante nell’adozione di Blockchain

A $ 700.000 AUD, il denaro che è stato stanziato dalla DTA per “indagare su aree in cui la tecnologia blockchain potrebbe offrire il massimo valore per i servizi governativi” è piccolo per gli standard globali. Nazioni come la Corea del Sud e la Cina stanno investendo miliardi di dollari nella ricerca blockchain e una singola città in Cina ha stanziato più di un miliardo di dollari per lo sviluppo blockchain locale.

Detto questo, l’Australia è stata leader nello sviluppo della tecnologia blockchain per casi d’uso del mondo reale. La Commonwealth Bank of Australia (CBA) ha debuttato una piattaforma logistica proprietaria blockchain alcuni mesi fa, quando l’hanno utilizzata per spedire una partita di mandorle da Victoria, Australia, ad Amburgo, Germania.

Anche l’Australian Stock Exchange (ASX) ha lavorato per spostare la propria piattaforma di regolamento commerciale sulla blockchain. L’ASX ha deciso di annullare la sua data di go-live per la loro nuova piattaforma di regolamento blockchain dal 2020 al 2021. Sono ancora sulla buona strada per avere la prima piattaforma blockchain per il regolamento azionario a livello globale e ASX sta anche cercando “altre classi di attività che le istituzioni finanziarie gestiscono ancora sulla tecnologia legacy e con processi manuali “, secondo Dominic Stevens, CEO di ASX.

Blockchain per applicazioni pubbliche e private

I servizi sociali sono una grande area potenziale per la distribuzione della blockchain. La maggior parte dei servizi di aiuto pubblico potrebbe essere facilmente affrontata tramite una piattaforma blockchain e numerose aree in cui è possibile lo spreco potrebbero essere eliminate con contratti intelligenti che pagano benefici lungo linee predeterminate.

Non è necessario che un ufficio governativo tagli un assegno o utilizzi un deposito diretto quando può essere facilmente automatizzato con una piattaforma blockchain che può essere rivista automaticamente in conformità con le linee guida nazionali. Ridurre la necessità della supervisione umana elimina la possibilità di errori e allo stesso tempo riduce i costi.

La stessa premessa è fondamentalmente vera per le applicazioni del settore privato della tecnologia blockchain. La Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) ha recentemente costituito un consorzio con Herbert Smith Freehills, uno studio legale e IBM. Hanno in programma di costruire una piattaforma blockchain australiana che consentirebbe l’utilizzo di contratti intelligenti in questioni legali.

Il consorzio sta progettando di chiamare la nuova piattaforma Australian National Blockchain (ANB). L’obiettivo è consentire alle aziende di utilizzare contratti intelligenti per numerose applicazioni, tra cui, “La capacità di registrare fonti di dati esterne come i dati dei dispositivi Internet of Things (IoT), consentendo a queste clausole di autoeseguirsi se vengono soddisfatte le condizioni contrattuali specificate, ”Secondo un comunicato stampa del gruppo.

Sviluppo di vantaggi

I guadagni che l’Australia sta creando con il supporto della tecnologia blockchain sono duplici. In primo luogo, l’Australia trarrà vantaggio dai guadagni in termini di efficienza che la blockchain creerà quasi sicuramente in molte aree. In secondo luogo, avranno esperienza nella transizione verso sistemi basati su blockchain, che potrebbero aiutarli a competere a livello globale mentre altre nazioni passano alla blockchain.

L’ASX ha commentato lo stato della transizione alla blockchain e il motivo per cui hanno impiegato un po ‘più di tempo per lanciarla,

“Diversi intervistati hanno notato i possibili rischi coinvolti, in particolare per quanto riguarda la garanzia che tutti gli utenti siano pronti entro la data di go-live”, hanno osservato e hanno continuato, “Alcuni hanno sostenuto un approccio di implementazione più graduale. ASX riconosce questo feedback, ma rimane del parere – informato dalla precedente esperienza nella transizione di sistemi di infrastrutture di mercato critici – che il singolo fine settimana di cutover è la soluzione più appropriata e presenta un rischio inferiore rispetto ad altre alternative come l’esecuzione di più sistemi in parallelo “.

È chiaro che spostare i sistemi critici da un’architettura di insediamento a un’altra non è un processo facile. Ora che l’ASX sta compiendo i passi necessari per rimanere all’avanguardia, potrebbe benissimo essere in grado di aiutare altri exchange a implementare i propri programmi. Lo stesso vale per la piattaforma logistica utilizzata di recente da CBA, che potrebbe svolgere un ruolo molto più importante nel commercio globale nei prossimi anni.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map