UX migliore: la rete delle stazioni di servizio arriva per trasformare le dApp di Ethereum in app

GSN

Sebbene l’ecosistema di Ethereum sia ancora alle prime armi, una lamentela comune contro le sue app decentralizzate, o dapps, è che hanno dimostrato di non essere familiari agli utenti tradizionali abituati ad app regolari non sostenute dalla tecnologia blockchain.

Svelato il 6 agosto, il nuova rete di distributori di benzina (GSN) mira a eliminare la complessità dalle dapps diventando la “soluzione definitiva per l’onboarding di Ethereum”.

Come? La nuova rete è una soluzione open source progettata per aiutare le dapps a diventare “indistinguibili dalle tue app Web 2.0 preferite”. Questo gioco di prestigio figurativo si verifica quando le dapps che sfruttano GSN “possono ora assumersi i costi di transazione dei propri utenti” in base ai costi di acquisizione dei clienti (CAC) di un determinato progetto.

GSN

Questa dinamica fa in modo che gli utenti di dapp non debbano affrontare le commissioni del gas per le transazioni perché un dapp basato su GSN copre questi costi immediatamente. Ovviamente, un tale sistema è subordinato alla capacità di un dapp di sostenere questi costi in modo sostenibile.

Davvero entusiasta di annunciare Gas Station Network.

L’ultima soluzione di onboarding per #Ethereum.

Trasforma le dapp in normali app.

Elimina l’onere tecnico dai tuoi utenti.

Nascondi transazioni.https://t.co/qANJCA3RVR

cc @meta_cartel @b_asselstine @TabooKeyNet @portis_io pic.twitter.com/v425d84xpK

– Ramon Recuero (@ramonrecuero) 6 agosto 2019

“GSN non è solo un must per l’onboarding, ma è anche la chiave che sblocca modelli di business nuovi e dirompenti all’interno del paradigma blockchain”, ha scritto Ramon Recuero, che ha formalmente rivelato la rete in un post di Medium.

La rete è stata creata attraverso collaborazioni che coinvolgono diversi stakeholder dell’ecosistema Ethereum, come TabooKey, il gioco di sicurezza degli asset digitali, il dapp DAO MetaCartel e il progetto OpenZeppelin.

Ingrandendo, il GSN si basa su relayer decentralizzati, che possono essere eseguiti senza autorizzazione, per eseguire transazioni. Come ha spiegato Recuero:

“Questi relayer sono archiviati su Ethereum all’interno del contratto intelligente RelayHub. La tua app può scegliere il relayer che eseguirà la transazione in base alla sua reputazione. Una volta scelto un relayer, ti risponde immediatamente confermando la richiesta. In caso contrario, puoi passare subito a un altro relè. “

I vantaggi di questo sistema, che ora ha una versione beta live sulla testnet Rinkeby, è che attraverso di esso gli utenti non dovrebbero più passare attraverso processi di onboarding confusi e in più passaggi o trattare direttamente con le chiavi degli indirizzi.

Anche verso rendere ETH più utilizzabile? Tornado Mixer

Un altro punto dolente originario delle criptovalute blockchain trasparenti come bitcoin ed ether è che, se usi indirizzi e li associ ad attività pubbliche senza ricorrere a tecniche di privacy, chiunque abbia una connessione Internet e il know-how per esaminare un block explorer può storia finanziaria.

Considera come alcuni dapp e DAO di Ethereum richiedono attestazioni pubbliche su piattaforme come Twitter. In passato, per effettuare tali verifiche con la privacy, gli utenti dovevano rivolgersi o creare un indirizzo che non utilizzavano in passato.

Tuttavia, molte persone preferirebbero sicuramente avere un unico indirizzo consolidato da poter utilizzare per tutto ciò che riguarda Ethereum senza rivelare la totalità della loro attività on-chain. È qui che entrano in gioco soluzioni sperimentali per la privacy come il mixer Tornado.

Ho appena depositato 0,1 ETH nel nuovissimo [sperimentale] https://t.co/NR5IvbWmVs mixer. Mi ritirerò tra un po ‘ancora una volta che le persone si sono unite al mio set di anonimato!

Molto bello @rstormsf e @PeppersecCOM! pic.twitter.com/RUwj1UCzBm

– ameen.eth &# 128121; (@ameensol) Il 5 agosto 2019

Tornado, che sfrutta la tecnologia per la privacy di zk-SNARKS per oscurare l’attività dei partecipanti, è stato presentato per la prima volta alla fine di luglio come beta sulla testnet Kovan. Questa settimana, Tornado è stato rilasciato sulla mainnet di Ethereum.

Il mixer deve ancora essere verificato e dovrebbe ancora essere considerato sperimentale, quindi usalo a tuo rischio e pericolo fino a nuovo avviso. Tuttavia, il progresso del progetto arriva poiché molti stakeholder della comunità di Ethereum sono stati alle prese con come portare una migliore privacy alla loro blockchain.

Ad esempio, la beta testnet di Tornado è arrivata non molto tempo dopo che lo sviluppatore Kendrick Tan ha rilasciato il suo mixer Heiswap sulla testnet Ropsten. Tan ha costruito Heiswap secondo le specifiche di design minimali che il co-creatore di Ethereum Vitalik Buterin ha delineato per un mixer in primavera.

Questi mixer sono ancora all’inizio della loro vita, ma rappresentano la possibilità che Ethereum diventi sempre più privato da usare.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map