Blockstream

Blockstream è una società di sviluppo di Bitcoin che si è posizionata tra i leader dell’innovazione nel settore più ampio.

Fondato da un team di noti crittografi e sviluppatori di Bitcoin, Blockstream offre una suite di tecnologia open source e progetti progettati per spingere i confini di un nuovo settore.

Fondata nel 2014, Blockstream ha raccolto 90 milioni di dollari da investitori come Blockchain Capital, Reid Hoffman e Khosla Ventures.

La valutazione delle tecnologie e dei prodotti di Blockstream è importante per il ruolo preminente che svolgono nell’ecosistema Bitcoin. Adam Back, uno dei fondatori e attuale CEO, ha creato Hashcash – su cui Satoshi ha basato il suo progetto di consenso PoW – e un altro co-fondatore, Gregory Maxwell, è uno dei principali contributori al protocollo di Bitcoin avendo proposto soluzioni innovative come Graftroot e Taproot.

Oltre all’ensemble di membri di spicco, se sei uno sviluppatore, Blockstream offre alcune delle risorse più ampie e utili nel più ampio ecosistema delle criptovalute. Dalla loro implementazione di Lightning Network (c-fulmini) al suo Sidechain liquido progetto, le risorse sono abbondanti.

Elementi Blockstream

Blockstream Elementi è un open-source, Rete blockchain compatibile con sidechain progettata per rendere la creazione e il funzionamento di blockchain molto più gestibili.

Elementi

Elements è una delle tecnologie principali di Blockstream, insieme alle sue c-fulmini implementazione. Secondo Blockstream:

“Una blockchain basata sugli elementi può funzionare come una Blockchain autonoma o essere agganciata a un’altra ed essere eseguita come Sidechain. L’esecuzione di Elements come Sidechain consente di trasferire in modo verificabile le risorse tra diversi blockchain “.

Elements è costruito sulla base di codice Bitcoin e può funzionare efficacemente come banco di prova per il protocollo Bitcoin, producendo e gestendo facilmente blockchain con una suite di risorse al comando degli sviluppatori, come il Tutorial sul codice degli elementi. Blockstream’s Liquid è un’implementazione sidechain di livello produttivo di Elements.

Lo scopo generale di Elements è consentire alle aziende, agli sviluppatori e ad altre società di criptovaluta di esplorare e ricercare nuove applicazioni all’interno di un ambiente ricco di risorse con un set di funzionalità intriganti. Ad esempio, Elements è costruito sulla base di codice di Bitcoin, quindi è compatibile con l’API di Bitcoin ed estende anche la funzionalità di sidechain e blockchain con transazioni riservate (CT), codici operativi aggiuntivi, asset emessi, un piolo federato a due vie e blocchi firmati ridurre i tempi di regolamento.

Elements incorpora nella tecnologia SegWit e le transazioni temporizzate. Blockstream sta anche aiutando a condurre la ricerca sulle firme di Schnorr, in particolare con la loro proposta Standard multi-firma MuSig per Schnorr.

Blockstream’s Liquid

Liquid è uno dei prodotti di punta di Blockstream che è una rete di regolamento interscambio che esiste come sidechain Bitcoin. Collega numerosi scambi per fornire una migliore liquidità attraverso transazioni Bitcoin più veloci e gli utenti possono persino emettere le proprie risorse. Ha una risorsa nativa, L-BTC, che è ancorata a Bitcoin tramite la sidechain.

Le sidechain sono blockchain e Liquid sfrutta il progetto open source Elements di Blockstream per costruire una rete sidechain per scambi, market maker e broker per transazioni Bitcoin veloci e private con altri utenti della rete.

Liquido

Liquid ha una suite di funzionalità tra cui la sua tecnologia Liquid Issued Assets, che consente agli utenti di tokenizzare asset tradizionali come valute legali, titoli e persino altre criptovalute. Altre caratteristiche di Liquid includono transazioni riservate (CT), un metodo innovativo per mascherare i dettagli delle transazioni originariamente proposto di Gregory Maxwell.

Liquid consente inoltre un ambiente più standardizzato per interagire con asset con pegging e token che si basano sulla base di codice di Bitcoin. Gli scambi atomici possono essere eseguiti tra i partecipanti alla rete, aumentando ulteriormente la sicurezza e la privacy, in particolare per le operazioni OTC.

Liquid funziona attraverso un peg 1: 1 tra BTC e la sua risorsa sidechain, L-BTC. BTC è bloccato sulla blockchain di Bitcoin, sbloccando L-BTC su Liquid che può essere riscattato in BTC in qualsiasi momento. Liquid è attualmente gestito da una federazione di scambi e istituzioni finanziarie che gestiscono hardware distinto. I trader privati ​​possono accedere a Liquid tramite il suo portafoglio.

Fulmine Blockstream

Blockstream Lightning è l’altra grande tecnologia dell’azienda, costituita dalla sua Implementazione di c-Lightning – una delle implementazioni complete più popolari di Bitcoin Lightning Network (LN). Il progetto è anche open-source e rientra in Elements Project GitHub, da cui provengono numerosi repository Carica fulminea per FileBazaar sono disponibili.

È stato svolto un lavoro significativo con l’implementazione di c-Lightning di Blockstream, comprese varie applicazioni lightning (lapponi) che coprono i giochi web per i plug-in di e-commerce.

Fulmini

C-Lightning di Blockstream è la loro versione di LN, simile a Lightning Labs ” lnd implementazione. Alcune delle applicazioni degne di nota finora di c-Lightning includono Lightning Charge e FileBazaar.

Lightning Charge è una soluzione drop-in che consente ai commercianti di accettare pagamenti tramite LN di Bitcoin integrato in JavaScript. È costruito su c-Lightning e supporta una semplice API HTTP REST, fatturazione, webhook, pagina di check-out integrata e altro ancora.

FileBazaar è alimentato da Lightning Charge e sviluppato anche in JavaScript. È progettato per facilitare la vendita di file digitali utilizzando LN di Bitcoin come paywall. I file vengono aggiunti a una directory del server e possono mostrare anteprime di immagini, video, testo, audio e altro. Utilizzando i pagamenti LN come micropagamenti, i creatori di contenuti possono generare entrate su un dominio base pay-per-view dove il pagamento viene diretto direttamente al loro portafoglio Bitcoin con commissioni basse, maggiore privacy e nessun intermediario.

Aspettatevi che l’implementazione di c-Lightning di Blockstream diventi più diffusa tra le imprese e gli sviluppatori in quanto l’ulteriore adozione continua per la rete mesh a ridimensionamento di livello due di Bitcoin.

Il feed di dati di criptovaluta

Il feed di dati di criptovaluta (CDF) di Blockstream è un prodotto formato in collaborazione con Intercontinental Exchange (ICE), la società dietro la Borsa di New York. Il prodotto si rivolge a società e istituzioni finanziarie con dati di trading storici e in tempo reale da più sedi di trading di criptovalute primarie.

feed di dati

L’accesso non è aperto a tutti e devi contattare il team di Blockstream per ottenere l’accesso al CDF.

Secondo Blockstream, il CDF consente la vera scoperta dei prezzi tramite oltre 200 milioni di richieste di scambio al giorno su più di 400 coppie di criptovalute e fiat. Il prodotto include anche strumenti di approfondimento del mercato (ad es. Registro ordini di livello 2), riepiloghi metrici giornalieri ed è integrato dalla rete SFTI di ICE per la fornitura di esuberi.

Blockstream Green

Blockstream Green è il portafoglio Bitcoin ufficiale di Blockstream. Progettato tenendo in considerazione la sicurezza e la facilità d’uso, Green Wallet è disponibile sia per iOS che per Android. Il portafoglio è interamente open source.

Blockstream Green

Sebbene Green Wallet abbia una sicurezza e una privacy avanzate, come doppie chiavi private, contratti intelligenti timelock e nessun processo KYC; non offre esplicitamente funzionalità come Chaumian CoinJoins o Stonewall, disponibili rispettivamente in Wasabi Wallet e Samourai Wallet.

Detto questo, Green Wallet è compatibile con i portafogli hardware – Trezor e Ledger – e offre il controllo delle tariffe insieme al supporto completo delle API. L’app è altamente personalizzabile ed è un rinfrescante compromesso tra facilità d’uso e sicurezza in un mercato dei portafogli saturo di opzioni.

Satellite Blockstream

Uno dei prodotti più interessanti offerti da Blockstream, Satellite Blockstream è una rete satellitare integrata che trasmette continuamente la blockchain di Bitcoin in tutto il mondo.

La rete funziona tramite i “teletrasporti” a terra di Blockstream, che sono nodi Bitcoin completi che trasmettono blocchi alla loro serie di satelliti geosincroni. Ogni satellite – ce ne sono 5 – riceve i dati dai teletrasporti e successivamente li trasmette a vaste aree della terra.

Satellite Blockstream

Gli utenti con un’antenna satellitare e un ricevitore USB possono ricevere i blocchi trasmessi, che vengono trasmessi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e possono rimanere costantemente sincronizzati con la rete Bitcoin. Blockstream adotta anche misure per garantire la ridondanza globale e nessun partizionamento dei dati della blockchain del teletrasporto.

I vantaggi di Blockstream Satellite sono che gli utenti possono collegarsi alla blockchain di Bitcoin senza una connessione Internet, assicurando sia una rete multi-homing più robusta che garantendo un accesso più ampio alla criptovaluta legacy. Anche le barriere di costo per l’accesso alla rete vengono ridotte e la stabilità della rete aumenta diminuendo la dipendenza di Bitcoin da Internet.

Alcuni sviluppi interessanti riguardanti Blockstream Satellite hanno fatto notizia di recente. In particolare, Blockstream Satellite lo è integrato con la loro implementazione c-Lightning e gli utenti possono persino pagare trasmettere messaggi globali con fatture LN utilizzando Spacebit.Live che sfrutta l’API satellitare di Blockstream.

Sidenote – Blockstream ha anche un utile file Block Explorer che include la blockchain Bitcoin, testnet e il loro sidechain Liquid.

Prova di riserva standardizzata Blockstream per gli scambi di Bitcoin

La società di sviluppo Blockchain, Blockstream, ha pubblicato un metodo standardizzato con cui gli scambi di Bitcoin possono fornire un controllo accurato delle loro riserve di Bitcoin. La startup tecnologica ha rivelato di aver presentato il suo protocollo Proof of Reserves come Bitcoin Improvement Protocol (BIP).

Blockstream ha annunciato la notizia in a post sul blog pubblicato il 4 febbraio 2019 da Core Tech Engineer, Steven Roose.

Secondo l’annuncio, il progetto è nato dalla necessità di creare un unico metodo che permetta a chiunque, siano essi trader o regolatori, di controllare una piattaforma di scambio Bitcoin.

Strumento di prova delle riserve

Come funzionano le Proof of Reserves di Blockstream

Piuttosto che richiedere transazioni live, questo nuovo protocollo si basa su transazioni Bitcoin non spese (UTXO). Per utilizzare lo strumento, uno scambio crea una nuova singola transazione che contiene tutti i suoi UTXO e un parametro di input non valido.

Lo scopo del parametro non valido è impedire l’esecuzione del trasferimento durante la propagazione della transazione attraverso la rete. Blockstream afferma che questo metodo, se eseguito correttamente, presenta la prova di tutti gli UTXO Bitcoin spendibili appartenenti a una particolare piattaforma di scambio basata sulla struttura della transazione.

Inoltre, afferma Blockstream, il processo consente la convalida esterna. Un cliente o un’agenzia di regolamentazione può semplicemente richiedere i dati della transazione dal processo. Tutto ciò che è richiesto sarebbe un cliente Proof of Reserves e una conoscenza di base di Common Language Infrastructure (CLI).

Secondo l’annuncio, Blockstream ha osservato che lo stato attuale del protocollo fornisce potenzialmente troppe informazioni sulle finanze di uno scambio. Pertanto, i dati sarebbero al sicuro solo nelle mani dei revisori dei conti e delle autorità di regolamentazione. Tuttavia, l’azienda sta pianificando l’integrazione con la propria tecnologia Liquid per ridurre drasticamente questi rischi.

Garantire le migliori pratiche per gli scambi di Bitcoin

L’idea Proof of Reserves è un altro passo verso la garanzia delle migliori pratiche per gli scambi di criptovaluta. Un processo di revisione standardizzato per le borse potrebbe migliorare la percezione del mercato tra gli investitori. A prima vista, il protocollo Proof of Reserves potrebbe potenzialmente puntare i riflettori sulle piattaforme che stanno esagerando i loro saldi.

Fantastico, spero davvero che venga raccolto. Bitcoin non ha visto gli scambi fare una prova significativa delle riserve da subito dopo il crollo di MtGox nel 2014. https://t.co/bE0Rcu0skZ

– Tuur Demeester (@TuurDemeester) 5 febbraio 2019

Nel settembre 2018, Zaif, una criptovaluta con sede a Osaka, ha subito un hack, con i criminali informatici in grado di rubare $ 60 milioni di criptovaluta. Allora lo dice il team Zaif non ho scoperto l’hack per cinque giorni.

Con la prova continua delle riserve in atto, una situazione come Zaif non sarebbe possibile. Una volta che si è verificato l’hack, un controllo su Bitcoin UTXO mostrerebbe un deficit rispetto ai valori precedenti. Con una programmazione più avanzata, il processo potrebbe persino essere automatizzato, fornendo una prova in tempo reale delle riserve di Bitcoin.

La creazione di un processo standardizzato garantisce inoltre la partecipazione di più parti interessate al processo di audit. Attualmente, le piattaforme che abilitano Proof of Reserves utilizzano protocolli diversi. Pertanto, chiunque desideri controllarli deve familiarizzare con ogni processo che di solito richiede una conoscenza di programmazione esperta.

Blockstream Bitcoin Mining Center

Lo scorso anno Blockstream, annunciato che ha istituito una divisione mineraria, che già vanta un cast di clienti stellato.

Blockstream Mining

Incontra Blockstream Mining

Allo stato attuale, l’industria mineraria di Bitcoin è molto centralizzata.

Bitmain, un’azienda cinese, produce e distribuisce la maggior parte delle macchine utilizzate per estrarre la criptovaluta. È anche affiliato con pool di mining che hanno circa il 50% del tasso di hash di Bitcoin, a seconda di quali pool si contano.

Inoltre, i rapporti suggeriscono che la maggior parte dell’estrazione di blockchain avviene in Cina, dove l’elettricità è spesso a buon mercato, gli ASIC sono facili da trovare e la terra è facile da trovare. Questo fatto è stato accentuato quando il tasso di hash di Bitcoin è calato drasticamente dopo un’inondazione in Cina lo scorso anno.

Blockstream sta cercando di cambiare questa centralizzazione con la sua nuova divisione mineraria, che è stata effettivamente lanciata in segreto nel 2017, durante l’intero litigio tra la folla di Roger Ver e Blockstream & Co.

Questa nuova divisione è un servizio di “colocation di apparecchiature minerarie”, che promuove “i clienti istituzionali e aziendali” per implementare “praticamente qualsiasi tipo di apparecchiatura di mining di Bitcoin” in uno qualsiasi dei centri di Blockstream.

Attualmente, il servizio di colocation è utilizzato da Fidelity Investments, l’importante azienda di Wall Street che da anni estrae Bitcoin in carica; Il fondatore pro-crittografico di LinkedIn Reid Hoffman e la stessa Blockstream, che afferma di avere macchine che alimentano “meno dell’1%” della rete Bitcoin.

La struttura mineraria Bitcoin di Blockstream in Quebec, Canada. Immagine da Forbes

La società ha attualmente data center in Quebec – Blockstream afferma di essere una delle prime operazioni di mining di Bitcoin ad essere istituita nella provincia canadese – e in Georgia.

I due centri hanno attualmente una capacità energetica di 300 MW, che il collaboratore di Forbes Kyle Torpey ritiene possa alimentare il 7,5% della rete Bitcoin a piena capacità con gli ultimi modelli ASIC.

&# 128680;&# 128680;&# 128680;@Blockstream ha rivelato di essere entrato nel business del mining di Bitcoin.

Hanno 2 enormi impianti minerari in Quebec e nello stato della Georgia con una capacità energetica combinata di 300 MW.

Potrebbe alimentare il 7,5% dell’hashrate di rete a piena capacità con gli ASIC più recenti. https://t.co/SZTE1oWbBu

– Kyle Torpey (@kyletorpey) 8 agosto 2019

Blockstream offre ai suoi clienti “il pieno controllo sulle loro operazioni di mining”, che presumibilmente aiuta a mitigare i suddetti rischi di centralizzazione.

Per impedire ulteriormente la centralizzazione del mining di Bitcoin, Blockstream ha anche lanciato il proprio mining pool, che sfrutta la tecnologia di BetterHash, un protocollo di pooling che impedisce al pool maker di avere il controllo di quali transazioni dovrebbero essere incluse nei blocchi. Blockstream ha spiegato questa decisione:

BetterHash è un protocollo di mining pool migliorato che offre ai singoli minatori la possibilità di controllare quali transazioni Bitcoin includere nei loro blocchi appena estratti. Di conseguenza, la rete Bitcoin diventa più decentralizzata e resistente alla censura poiché gli operatori di grandi pool non determinano più centralmente quali transazioni includere nei blocchi.

Conclusione

Blockstream è pronta a continuare la sua traiettoria come una delle principali società di sviluppo nell’ecosistema Bitcoin.

Guidate da un team di talento che ha costruito alcuni affascinanti progetti open source, aziende come Blockstream sono driver di innovazione nel settore. Anche altre aziende come Lightning Labs e Bitfury stanno spingendo l’innovazione in Bitcoin e hanno anche la propria implementazione LN.

Per gli sviluppatori, se sei interessato a lavorare su Bitcoin’s LN, Repository Github open source di Blockstream sono un ottimo punto di partenza.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me