Coinbase

Coinbase è in lacrime negli ultimi 12 mesi. Anche in mezzo a un’estenuante recessione nei mercati dei Bitcoin, l’azienda, valutata a $ 8 miliardi, ha continuato ad andare avanti, tenendo il naso sulla proverbiale mola. Ma, alla fine, l’importante startup è inciampata, anche se in modo piuttosto insolito.

Coinbase

Coinbase rilascia 30 dipendenti

Salvo per un’epurazione da 10 a 15 dipendenti del servizio clienti alla fine del 2018, causata da preoccupazioni logistiche piuttosto che da cattiva gestione finanziaria, Coinbase è stata ampiamente al sicuro dalla recente follia di licenziamenti crittografici, che ha visto cadere ShapeShift, Bitmain, Huobi e innumerevoli altri staff in massa – fino ad ora comunque.

Secondo un recente rapporto di The Block, pubblicato martedì, il tesoro fintech della Silicon Valley ha recentemente chiuso i piani per lanciare un nuovo motore di corrispondenza commerciale. Di conseguenza, Coinbase ha licenziato 30 dipendenti, una mossa che è presumibilmente scioccante poiché l’azienda era decisa a lanciare questa nuova offerta, che avrebbe dato agli investitori istituzionali maggiore flessibilità e accessibilità.

È importante notare che 30 dipendenti, nel contesto del goliath del settore che è Coinbase, non sono del tutto notevoli, poiché la società secondo quanto riferito ne assume più di 500. Ma la mossa è stata uno shock per i licenziati, con uno ex dipendente che osserva che “non può credere che questo stia accadendo”.

Questo licenziamento vedrà anche la chiusura dell’ufficio istituzionale di Chicago dell’azienda, il che è notevole, soprattutto considerando che questa città è considerata una sorta di seconda casa per grandi nomi della finanza, vale a dire JP Morgan e Northern Trust. Stranamente, solo poche settimane fa, Paul Bauerschmidt dell’ufficio di Coinbase a Chicago ha osservato che la sua divisione prevedeva di “rilasciare qualcosa entro la fine dell’anno”, rendendo questo licenziamento una completa inversione di marcia.

Tuttavia, Coinbase non sembra essere turbato. Un rappresentante ha detto a The Block:

“Coinbase si muove rapidamente per creare nuovi prodotti e offerte per soddisfare l’ecosistema crittografico in rapida evoluzione. Siamo orgogliosi della nostra velocità di esecuzione. Siamo una cultura impegnata nell’innovazione ripetibile, ben sapendo che non tutto ciò che tentiamo avrà successo. Continuiamo a far crescere il nostro team istituzionale e costruire sulla nostra base di prodotti “.

Quindi, se l’azienda intende continuare a sviluppare il suo braccio istituzionale, che cosa significa la chiusura improvvisa di questo aspetto chiave? Ebbene, come alcuni suggeriscono, potrebbe avere molto a che fare con la situazione finanziaria dell’azienda. È vero, la società ha ottenuto $ 300 milioni alla fine del 2018 in un round che l’ha valutata $ 8 miliardi, ma i profitti sembrano ancora essere nella parte bassa delle cose.

Come sottolinea l’analista Larry Cermak, le entrate di Coinbase sono state di $ 520 milioni nel 2018, il che sembra impressionante finché non si considera il fatto che la cifra è diminuita del 44% su base annua. Inoltre, l’azienda prevede di ottenere entrate per $ 1,3 miliardi, il che significa che la somma effettiva è inferiore di oltre il 60% rispetto al target.

JUST IN: Coinbase ha registrato un fatturato di circa $ 520 milioni nel 2018, in calo di quasi il 44% su base annua.https://t.co/ZTB5SeYj6J pic.twitter.com/XQi5KrLFwI

– Larry Cermak (@lawmaster) 18 aprile 2019

Cercando di rafforzare il proprio modello di business

Le proiezioni per l’anno fiscale 2019 non sono state rese pubbliche, ma l’azienda sta cercando di aumentare disperatamente le sue entrate. All’inizio di questo mese, ad esempio, l’azienda ha lanciato nel Regno Unito una carta di debito basata su Visa e crittografata.Questo nuovo sistema consentirà ai clienti di acquistare beni in negozio e online e prelevare contanti da bancomat con Bitcoin, Ethereum, Litecoin, tra le altre risorse digitali popolari supportate da Coinbase nella regione.

Anche se non è ancora chiaro quanto interesse Coinbase abbia visto per Coinbase Card, ma si dice che il settore delle carte di debito abbia margini molto elevati, sia per il fornitore di servizi che per l’emittente.

Nelle notizie correlate, Coinbase ha continuato ad aggiungere una serie di risorse digitali al suo elenco di prodotti. Negli ultimi mesi, l’azienda ha aggiunto Stellar Lumens (XLM), Ripple’s XRP, Augur (REP), EOS e Maker (MKR), dando allo scambio un leggero ma evidente aumento di volume.

Inoltre, la società ha recentemente aperto le sue porte allo staking interno di Tezos attraverso la sua filiale di custodia, che offre alle istituzioni maggiori incentivi a memorizzare i propri XTZ sulla piattaforma.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me