Cina

Una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe far salire alle stelle i valori dei bitcoin? Secondo lo scrittore di Forbes Clem Chambers, la risposta è un sì quasi certo. Forse è già successo. Ma su quali informazioni o possibilità si basa Chambers questa previsione, e c’è del vero in essa?

China Tradewar Bitcoin

Il problema delle guerre commerciali

Oggi, una porzione molto ampia del commercio internazionale, che coinvolga o meno gli Stati Uniti, viene completata attraverso la trasmissione di dollari USA. Queste trasmissioni vengono in genere completate tramite un sistema finanziario noto come Swift. L’accesso al sistema Swift è strettamente controllato dagli Stati Uniti. Ciò significa che, come ha detto un autore, Swift è il ramo militare del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Anche se siamo ancora agli inizi di una potenziale guerra commerciale, è facile immaginare che se le cose venissero spinte all’estremo, paesi che si oppongono agli Stati Uniti come la Cina potrebbero potenzialmente perdere il loro accesso al sistema bancario Swift. Ciò limiterebbe gravemente non solo la loro capacità di utilizzare dollari statunitensi, ma anche la loro capacità di acquistare e vendere beni sul mercato aperto con altri paesi.

Svalutazione pianificata

Chambers postula che il 17 luglio di quest’anno il bitcoin “è impazzito” ed è tutto grazie all’insider trading in Cina.

Chambers ha scritto:

Persone molto ricche e potenti, che sanno, hanno scaricato i loro yuan per bitcoin poiché i bitcoin potrebbero anche essere dollari e possono diventare rapidamente dollari.

Una cosa che è importante capire sulla valuta fiat cinese, lo yuan, è che il suo valore è determinato dallo stato e non dal mercato aperto. Negli ultimi anni, la Banca popolare cinese lo ha fatto intenzionalmente abbassato o aumentato il valore dello yuan contro il dollaro. Il motivo per cui sono in grado di farlo è perché lo yuan è una valuta altamente limitata e il suo cambio è in genere limitato alle sole banche statali.

E così, mentre puoi mettere le mani su alcuni yuan da una borsa o un rivenditore privato, quando proviene dalla fonte, lo fa a un tasso stabilito dal governo.

Il punto di Chambers è che il 17 luglio, un certo numero di persone benestanti che sapevano che la svalutazione stava arrivando hanno deciso di usare il loro yuan per acquistare bitcoin. Questo acquisto improvviso e collettivo potrebbe essere ciò che ha causato il decollo di bitcoin la scorsa settimana.

Meglio dell’oro?

Allora, come può bitcoin diventare “migliore dell’oro” a causa di una guerra commerciale?

Una cosa di cui è stato accusato il Partito Comunista Cinese è mantenendo artificialmente basso il valore della loro valuta. Questo viene fatto in modo che il commercio con la Cina appaia sempre attraente. Se il valore dello yuan dovesse aumentare, l’interesse dei paesi stranieri per i prodotti fabbricati in Cina diminuirebbe perché aumenterebbe la quantità della loro valuta locale o dei dollari necessari per acquistare gli stessi articoli o servizi..

È del tutto possibile che il Partito Comunista stia abbassando il valore per aumentare l’attrattiva di fare affari con la Cina, e forse per sopperire alla differenza persa a causa delle nuove tasse imposte dall’amministrazione Trump.

Consideriamo ora l’oro. Se questi ricchi addetti ai lavori non avessero accesso a bitcoin e avessero invece bisogno di usare l’oro per proteggere le loro partecipazioni dalla svalutazione, è improbabile che sarebbero in grado di acquistare più di un paio di sterline o chilogrammi. Se stai cercando di trasferire più milioni di dollari in un asset non fiat in un paese altamente restrittivo come la Cina, l’oro sarebbe probabilmente la tua ultima scelta. Non solo è difficile acquistare ed è rischioso trattenerlo in quanto è vulnerabile al furto fisico, ma è anche difficile spostarsi oltre i confini e l’acquisto e la vendita di grandi volumi può suscitare attenzioni indesiderate.

La Cina spinge il prezzo

Sebbene sia difficile confermare la maggior parte delle cose quando si parla di prezzi dei bitcoin, c’è indubbiamente una correlazione tra la recente svalutazione delle Nazioni Unite e l’improvvisa pompa e il mantenimento dei massimi che il bitcoin ha visto nell’ultima settimana circa..

E così, forse se si sviluppa una guerra commerciale, i cinesi più ricchi sposteranno alcune delle loro partecipazioni in bitcoin come un modo per proteggere la loro ricchezza dalle valutazioni intenzionali del governo. Ciò a sua volta potrebbe aumentare la domanda di bitcoin e di conseguenza far salire i prezzi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me