Bitcoin

Per la maggior parte, gli hedge fund tradizionali hanno evitato il Bitcoin come se fosse rinata la peste nera. I pochi individui in quella comunità che hanno cambiato marcia verso la criptovaluta sono stati derisi.

Mike Novogratz, ex partner di Fortress Financial e Goldman Sachs, ha detto ai presentatori di podcast che quando ha fatto il grande passo nel 2013, i suoi colleghi pensavano che fosse pazzo. Anche Travis Kling è stato soggetto a un’esperienza simile, con i suoi colleghi al punto 72 che hanno trovato la sua decisione di passare alla criptovaluta abbastanza confusa.

Bitcoin

La mancanza di rispetto che la maggior parte dei Wall Street ha nei confronti della criptovaluta sembra derivare dal sentito dire spinto da alcuni degli economisti, investitori e politici più potenti del mondo, la maggior parte dei quali odia Bitcoin.

Warren Buffett, ad esempio, ha affermato che Bitcoin è “veleno per topi” e non ha molto più valore intrinseco del suo bottone del cappotto. Donald Trump crede lo stesso, definendo la criptovaluta “aria sottile”.

Il sentiment sembra stia lentamente spostandosi a favore delle criptovalute, tuttavia, si prevede che in particolare gli asset tradizionali sottoperformeranno a causa dei rischi macroeconomici e geopolitici.

Bitcoin, Next Frontier degli hedge fund

Parlando con CNBC, Don Steinbrugge, amministratore delegato di Agecroft Partners – una società di consulenza per fondi speculativi e investimenti istituzionali – ha chiarito che esiste un caso istituzionale per possedere Bitcoin.

cnbc: bitcoin entrerà a far parte di molti portafogli di hedge fund: ceo https://t.co/XDBzNOoIh2

– il feed crittografico (@the_crypto_feed) 6 agosto 2019

Il suo primo punto è stato che BTC ha avuto una “grande corsa” finora, apparentemente riferendosi al suo decennio e alla reputazione di apprezzamento dei prezzi a lungo termine, sicurezza impenetrabile e transazioni affidabili. Steinbrugge ha aggiunto di essere un grande fan della tecnologia della blockchain di Bitcoin.

Non ha elaborato quale parte del protocollo gli piace, ma è stato dimostrato che BTC e simili facilitano transazioni più economiche, più veloci e più sicure rispetto alle loro controparti centralizzate realizzate attraverso il sistema fiat.

Steinbrugge ha continuato a lodare Bitcoin per il suo potenziale ed effettivo caso d’uso per evitare i rischi inflazionistici, con BTC essendo un asset intrinsecamente deflazionistico a causa del suo limite di offerta di 21 milioni e della sua capacità di essere perso. In effetti, Bitcoin ha visto un uso di massa in Venezuela, una nazione che ha visto un’inflazione dilagante della sua valuta sovrana, il Bolivar.

L’amministratore delegato ha ammesso che allo stato attuale, Bitcoin è “costoso” secondo le misure tradizionali ed è difficile da valutare. Ma, ha concluso dicendo che la criptovaluta è qui per il lungo termine e che è probabile che gli hedge fund includano alla fine BTC nei loro portafogli.

Il suo commento è arrivato sulla scia di una retorica simile spinta da Anthony Pompliano, co-fondatore di Morgan Creek Digital Assets.

Su Twitter e attraverso interviste con la CNBC e altri punti vendita, l’investitore del settore ha dichiarato che con gli hedge fund e le pensioni sottoperformando i loro benchmark, potrebbe essere “irresponsabile” per questi fondi non possedere Bitcoin per migliorare i potenziali rendimenti dei loro portafogli.

Pompliano ha effettivamente portato questa narrativa un po ‘oltre, spiegando che presto le banche centrali potrebbero presto iniziare ad acquisire Bitcoin. Il fedele toro della criptovaluta, noto per il suo controverso slogan “Long Bitcoin, Short the Bankers”, afferma che il rialzo asimmetrico di BTC lo rende una scommessa perfetta per le banche centrali in un mondo tumultuoso.

Ha solo senso

Questo potrebbe non essere un consiglio imprudente.

In un recente rapporto, Binance Research, il ramo di analisi e ricerche di mercato del grande scambio di criptovalute che condivide il suo nome, ha dimostrato che includere BTC nei “tradizionali portafogli multi-asset class fornisce complessivamente migliori profili di rischio-rendimento”.

Binance ha notato che mentre Bitcoin è stato considerato un asset estremamente volatile, con ribassi regolari dell’80% e crash flash, ha avuto alcuni dei più grandi apprezzamenti di prezzo nella storia moderna, in tempi brevi nientemeno.

È stato aggiunto che con spread bassi, volumi elevati e chiari segni di efficienza dei prezzi – tutti segni di un mercato altamente liquido – Bitcoin fornisce una moltitudine di “proprietà di diversificazione”, anche per gli investitori nel regno tradizionale:

“Binance Research ha simulato diverse tecniche di allocazione di Bitcoin in portafogli multi-asset diversificati esistenti. Tutti i portafogli simulati che includevano Bitcoine hanno mostrato complessivamente migliori profili di rischio-rendimento rispetto ai tradizionali portafogli multi-asset class “.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me