Next Gen: Reigning DeFi Champs Maker svela i nuovi Blockchain Oracles “V2”

Maker Dai

Questa settimana Maker, il team dietro la popolare stablecoin Dai, ha annunciato la sua prossima generazione Oracoli “V2”.

È un grande sviluppo per l’ecosistema DeFi di Ethereum, poiché la prima ondata di Oracles di Maker – inizialmente lanciata nell’estate del 2017 – è diventata una serie di popolari dApp Ethereum. Ciò significa che V2 è destinato a diventare molto più popolare.

Maker Dai

In parole povere, un Oracle è un servizio dati speciale che consente ai contratti intelligenti blockchain di interagire con dati off-chain, “del mondo reale” come i feed di prezzo. Gli oracoli originali di Maker sono serviti come base per la dApp di prestito automatizzato Maker CDP del progetto, che è diventata un successo crescente nella criptoeconomia: oltre il 50 percento di tutto il valore attualmente bloccato nelle dApp è bloccato nelle CDP Maker, per DeFi Pulse.

Naturalmente, una preoccupazione associata? Gli oracoli inaugurali di Maker sono un potenziale singolo punto di errore per CDP e altre dApp. Nel svelare i loro Oracles V2, Maker ha quindi indicato la strada per decentralizzare ulteriormente il suo ecosistema e ottimizzare la sua tecnologia “per scalabilità, decentralizzazione, resilienza, latenza e costo”.

La decentralizzazione dell’infrastruttura Oracle è fondamentale per ridurre il rischio sistemico nello stack DeFi. Il 0x Core Team è entusiasta di supportare il @MakerDAO ecosistema eseguendo un feed esterno! &# 128302; https://t.co/BGLHTBWmIV

– 0x (@ 0xProject) 3 settembre 2019

Un’evoluzione in quattro parti

Nel loro post di annuncio, Maker ha detto che quattro proposte di governance della comunità saranno coinvolte nel portare a compimento Oracles V2.

Le proposte riguardano la potenziale aggiunta di nuovi feed dei partner DeFi e lo sviluppo di un “Oracle Team Mandate”, un “Oracle Governance Framework” e un “Oracles Incentive Restructuring”.

Saluta la nostra prossima generazione di oracoli &# 128526;

Con l’aiuto di alcuni dei migliori progetti nell’ecosistema, vogliamo fare di Maker Oracles la spina dorsale della finanza decentralizzata. https://t.co/V9iYESjmpC

– &# 128121; Mariano Conti | conti.eth (@nanexcool) 3 settembre 2019

Per quanto riguarda i partner, Maker ha detto che chiederà agli elettori MKR di decidere se i progetti Ethereum 0x, Gnosis, dydX e Set Protocol debbano diventare nuovi fornitori di feed di dati nel sistema V2. In precedenza, Maker si è affidato a 14 individui pseudonimi per i suoi feed di dati. Se votati, questi quattro progetti potrebbero rafforzare e decentralizzare ulteriormente il sistema Maker.

“Le organizzazioni sono molto più resilienti contro la coercizione, hanno le risorse per combattere i malintenzionati e hanno la loro reputazione in gioco”, hanno spiegato i creatori di Dai.

La proposta di Oracle Team Mandate vedrà gli elettori MKR scegliere quali responsabilità avrà una “parte delegata” nel facilitare “l’amministrazione e lo sviluppo tecnico degli Oracoli”. Allo stesso modo, la proposta Oracle Governance Framework aiuterà a delineare “i diritti e le responsabilità della governance di Maker rispetto a Oracles”.

Infine, la proposta di ristrutturazione dell’incentivo Oracles cerca di modificare il modo in cui i partner per i feed di Maker vengono compensati per i loro sforzi.

In particolare, la revisione Oracle si presenta come uno dei passaggi necessari che Maker ha delineato per la transizione della sua comunità a Multi-Collateral Dai (MCD), che consentirà agli utenti di collateralizzare CDP – o posizioni di debito collateralizzate – con criptovalute oltre il solo etere (ETH). Alcuni dei gettoni inaugurali nel primo round di MCD includevano 0x (ZRX), Augur (REP) e Basic Attention Token (BAT).

Andare fuori dagli schemi: cambio chiave dietro le quinte

Nei nuovi commenti a Camila Russo della newsletter di The Defiant, il maestro Oracle di Maker Mariano Conti ha spiegato come il sistema V2 sarà notevolmente più efficiente del V1 grazie alla tecnologia off-chain:

“Nella versione attuale per ogni variazione di prezzo, ciascuno dei feed deve inviare una transazione alla blockchain e [è] molto inefficiente. Nella nuova versione, c’è una rete off-chain, dove tutti questi feed comunicano e ci sono relayer che aggregano questi dati e inviano una transazione con i prezzi di tutti, quindi è più economica, più resistente, molto più affidabile, soprattutto quando la rete è congestionata. “

Quando è stato chiesto da Russo se questi relayer saranno incentivati, Conti ha detto che spetterà ai possessori di MKR scegliere come compensarli, sebbene sia stato ideato un sistema di whitelisting che potrebbe fare affidamento sui pagamenti di abbonamento Oracle per pagare i relayers. Per ora, la Maker Foundation paga mensilmente i 14 fornitori di dati originali.

“La fondazione alla fine vuole farsi da parte”, ha osservato Conti.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map