DeFi Anchor: l’ascesa delle sue più grandi app ha reso Ethereum inutilizzabile?

Ethereum

L’inerzia di Ethereum e il conseguente accumulo della maggior parte delle app di finanza decentralizzata più popolari della criptoeconomia l’ha reso “inutilizzabile”, cioè improbabile che si divida per motivi politici come lo scisma di Ethereum contro Ethereum Classic?

Due ricercatori pensano che sia possibile.

Questo è per Leland Lee e Haseeb Qureshi, che sotto la bandiera di Dragonfly Capital hanno pubblicato un nuovo pezzo di pensiero questa settimana soprannominata “Ethereum è ora inutilizzabile, grazie a DeFi”.

Ethereum

In esso, Lee e Qureshi sostenevano che Ethereum “non avrà mai più un fork di minoranza significativo” a causa di quella che definiscono “la fragilità intrinseca della DeFi”.

Per sostenere il loro caso, gli autori hanno utilizzato l’ipotetico scenario di ProgPoW – che tenterebbe di reprimere il mining di ASIC in Ethereum e si è dimostrato controverso fino ad oggi – implementato nella piattaforma degli smart contract.

La grande DeFi “What If”

Se ne seguisse una divisione politica e di catena, potrebbe mettere gruppi come CENTER – sostenitori della stablecoin USDC – nella posizione di essere “kingmakers” riguardo a quale fazione sostenere, sostengono Lee e Qureshi.

Perché? Perché progetti come USDC e Tether sono sostenuti da riserve legali. Ovviamente, queste riserve non raddoppierebbero se Ethereum fosse diviso in modo contenzioso, quindi gli amministratori dovrebbero scegliere una singola catena e attenersi ad essa. E poiché così tanti progetti DeFi sono intimamente legati l’uno all’altro, altri probabilmente seguiranno l’esempio di grandi parrucche in modo da preservare le proprie app interconnesse, hanno detto gli autori:

“Se gli operatori DeFi non si muovessero di pari passo, l’ecosistema finanziario decentralizzato verrebbe gettato nel pandemonio. Questa è una classica situazione di teoria dei giochi: gli incentivi sono prevalentemente a favore del coordinamento, quindi tutta la DeFi è costretta a muoversi insieme “.

Di conseguenza, Lee e Qureshi sostengono che se dovesse verificarsi una divisione controversa, la catena di minoranza sarebbe in cattive condizioni come una città fantasma de facto:

“Se immagini la versione cinematografica di questa saga, la catena delle minoranze sembra una metropoli abbandonata. Edifici torreggianti seduti vuoti, allarmi che suonano senza che nessuno risponda, fumo che si gonfia in lontananza. Non c’è nessuno per cui nemmeno preoccuparsi di ricostruire. “

Pertanto, gli autori sostengono che le parti interessate sono ora fortemente scoraggiate a sostenere una scissione e che un fork politico di Ethereum non è più sostenibile di conseguenza.

“Benvenuti nell’era del post-forkable”, hanno concluso.

Non tutti sono d’accordo

L’articolo di Lee e Qureshi ha rapidamente dato il via a un intenso ciclo di discussioni nella comunità di Ethereum, con i sostenitori che salutavano le loro argomentazioni ben motivate.

Altri ancora non erano d’accordo con il punto cruciale del post, incluso il ricercatore della Ethereum Foundation Vlad Zamfir. L’innovatore Casper ha notato che ha preso di mira la spinta “DeFi kingmakers”, sostenendo che “gli scambi … hanno sempre avuto questo tipo di ruolo, e nessuno ha mai credibilmente suggerito che sono [in] controllo della politica di catena”.

Non posso dire quanto sono in disaccordo con questo punto di vista, gli scambi (per esempio) hanno sempre avuto questo tipo di ruolo e nessuno ha mai suggerito in modo credibile che siano il controllo della politica a catena https://t.co/nFGRDzmNMt

– Vlad (–support-dao-fork) Zamfir (@VladZamfir) 1 novembre 2019

Il co-fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha risposto alle osservazioni di Zamfir, dicendo che il suo spunto dall’articolo di Lee e Qureshi non era che Ethereum fosse ora totalmente inutilizzabile, ma piuttosto che “il livello di legittimità è stato alzato”.

Da parte sua, Zamfir non era ancora d’accordo, sostenendo che le controverse fork rimangono “totalmente sul tavolo” per Ethereum e se ne succedesse uno, i progetti DeFi dovrebbero decidere quale catena sostenere “come tutti gli altri”, suggerendo che questi progetti non sarebbero kingmakers dopo tutti.

In totale disaccordo, gli hard fork controversi sono totalmente sul tavolo, e spetta alla DeFi (come tutti gli altri) capire quale catena è Ethereum post controverse fork, in modo che possano fare il minimo danno ai propri utenti

– Vlad (–support-dao-fork) Zamfir (@VladZamfir) 1 novembre 2019

Inoltre e in modo correlato, Zamfir ha dichiarato in un tweet precedente che pensava che l’argomento dei ricercatori sarebbe stato meglio inquadrato se sostenesse che “un bug DeFi porterà a un altro fork”.

Un’ipotesi migliore è che un bug DeFi porti a un altro fork https://t.co/nFGRDzmNMt

– Vlad (–support-dao-fork) Zamfir (@VladZamfir) 1 novembre 2019

Detto questo, l’unico modo per sapere veramente cosa succederebbe durante un’altra controversa divisione di Ethereum è se un’altra, beh, accadesse. Sebbene sia chiaro che molte parti interessate nell’ecosistema di Ethereum lavorerebbero per scongiurare questa possibilità.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map