Gladius: Cybersecurity ICO si auto-denuncia alla SEC e ripagherà gli investitori

La SEC

Il 20 febbraio, la Securities Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, il principale cane da guardia dei titoli in America, annunciato quel gioco di sicurezza informatica Gladio La rete aveva auto-segnalato la sua vendita di token del 2017 come un’offerta di sicurezza non registrata e la startup avrebbe intrapreso misure correttive per correggere le sue violazioni delle leggi sui titoli statunitensi.

Gladius, una società con sede a Washington D.C. focalizzata sullo sfruttamento della blockchain di Ethereum per mitigare gli attacchi Distributed Denial of Service (DDoS), aveva raccolto più di $ 12 milioni di dollari in un’offerta iniziale di monete vicino al picco della corsa al rialzo della criptoeconomia del 2017.

La SEC

SEC mantiene la posizione sugli ICO

Negli ultimi anni, tuttavia, la SEC ha ripetutamente affermato che molte di queste vendite di token si qualificano come offerte di titoli non registrati ai sensi della legge federale degli Stati Uniti. Mentre le ansie per le repressioni dei regolamenti sui titoli hanno raggiunto il culmine nell’angolo americano del criptoverso nel 2018, il team di Gladius si è concentrato sulla cautela e ha auto-segnalato un ICO non registrato alla Commissione la scorsa estate.

L’azienda ha collaborato con le successive indagini del cane da guardia e si è impegnata a intraprendere azioni correttive. Ora, “senza ammettere o negare i risultati”, Gladius ha accettato di registrare il suo token come titolo con la SEC e restituirà i fondi a tutti i suoi investitori ICO che richiedono indietro i loro investimenti.

“La SEC è stata chiara sul fatto che le aziende devono rispettare le leggi sui titoli quando emettono token digitali che sono titoli”, ha affermato Robert Cohen, capo della SEC Cyber ​​Unit. “Il caso di oggi mostra i vantaggi dell’autovalutazione e dell’adozione di misure proattive per rimediare alle offerte non registrate”,

L’ultima flessione in materia di applicazione arriva dopo che la Commissione ha intrapreso una serie di azioni di applicazione nei confronti delle imprese nel settore delle criptovalute negli ultimi mesi. Lo scorso novembre, l’agenzia ha liquidato le accuse con il fondatore di EtherDelta Zachary Coburn dopo che il regolatore ha stabilito che EtherDelta aveva iniziato come borsa valori non registrata.

Nello stesso mese, la Commissione ha regolato le accuse con altri due progetti token, Airfox e Paragon Coin, poiché le loro ICO erano considerate offerte di titoli non registrate. E nel dicembre 2018, la SEC ha multato il produttore musicale DJ Khaled e il pugile Floyd Mayweather per aver commercializzato illegalmente Centra Tech per non aver rivelato di essere stati pagati per promuovere il gioco simbolico..

Più recentemente, il business dei social media Kik ha dichiarato il mese scorso di aspettarsi che la SEC intraprenda azioni di contrasto relative all’offerta di token di parentela della società dal 2017. Il CEO di Kik Ted Livingston ha affermato che la società è pronta a combattere qualsiasi imminente flessione normativa in tribunale, una possibilità che potrebbe segnare una netta rottura nello stile rispetto agli atteggiamenti più deferenti dei progetti più piccoli nei confronti della Commissione nell’ultimo anno.

Il panorama normativo in America rimane paradossale

Esistono diverse agenzie governative degli Stati Uniti che esercitano la supervisione su vari aspetti del commercio nella nazione e, ad oggi, hanno tutte cose diverse da dire su come le criptovalute dovrebbero essere regolamentate lì.

Ad esempio, l’Internal Revenue Service (IRS) inserisce le criptovalute come “proprietà” a fini fiscali, il che comporta implicazioni di guadagni e perdite in conto capitale. La SEC, per ora, ha sostenuto che la maggior parte dei token sono titoli. La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti saluta le criptovalute come merci. E il Finance Crimes Enforcement Network (FinCEN) del Tesoro degli Stati Uniti vede le criptovalute come denaro, una posizione a cui i tribunali americani hanno iniziato a puntare con maggiore frequenza.

Anche in questo paesaggio labirintico e ambiguo, apparentemente c’è più spazio per il dibattito. Alla fine dell’anno scorso, un tribunale federale della California ha contestato la designazione da parte della SEC di Blockvest, un imminente scambio di criptovalute, come borsa valori non registrata. La Corte ha suggerito che l’interpretazione dei titoli da parte della Commissione fosse troppo espansiva.

Salvo l’approvazione di un disegno di legge federale che stabilisce lo status formale delle criptovalute, la confusione normativa è destinata a continuare solo in America. Anche se resta da vedere se tale disegno di legge sarà in grado di attualizzarsi per il prossimo futuro.

Nel frattempo, nel Regno Unito, il mese scorso la Financial Conduct Authority (FCA) ha pubblicato un documento di consultazione in cui sosteneva provvisoriamente che i token di utilità non erano titoli sotto la sua competenza, una posizione più permissiva di quella che è stata vista dalla SEC attraverso lo stagno.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map