Congresso degli Stati Uniti

Sono in corso piani per introdurre nuovi progetti di legge nella camera inferiore del braccio legislativo a sostegno delle operazioni della tecnologia blockchain e dell’industria delle valute virtuali.

Thomas Emmer, rappresentante degli Stati Uniti per il 6 ° distretto congressuale del Minnesota, lo ha reso noto dopo il annuncio di tre fatture incentrate sulla blockchain venerdì. Ha rivelato la sua intenzione di presentare i progetti di legge al Congresso nel corso delle settimane. Le fatture su più fronti affrontano una vasta gamma di problemi correlati all’interno del fiorente settore blockchain. Ciò include sforzi volti a sviluppare l’industria, stimolare le operazioni dei minatori e istituire misure normative per la rapida remissione delle tasse relative alla valuta virtuale.

Congresso degli Stati Uniti

Il comunicato stampa ha fornito informazioni su come questi progetti di legge mirano a fornire il supporto necessario per stimolare la crescita del settore in erba.

Nelle parole di Emmer:

“Gli Stati Uniti dovrebbero dare la priorità all’accelerazione dello sviluppo della tecnologia blockchain e creare un ambiente che consenta al settore privato americano di guidare l’innovazione e l’ulteriore crescita”.

Ha anche sottolineato la necessità per i legislatori di aggrapparsi alle potenzialità della nuova tecnologia formulando politiche che ne migliorino la crescita.

Fatture per fornire un margine di manovra nel settore della crittografia

Fornire un ambiente favorevole è essenziale e, in quanto tale, il nucleo delle fatture si concentrerà maggiormente sulle misure normative all’interno del settore, soprattutto perché influenza positivamente sia gli sviluppatori che gli utenti nel portare le loro iniziative all’orso. In altre parole, l’obiettivo principale di queste banconote è promuovere la costruzione, l’estrazione e lo scambio di criptovalute all’interno dello spazio di mercato.

Gli Stati Uniti sono stati tra i precursori nell’uso delle criptovalute. Nel tentativo di consolidare le innovazioni viste nel corso degli anni, il primo disegno di legge “esprime sostegno all’industria e al suo sviluppo” negli Stati Uniti sostenendo “un ambiente legale semplice, coerente e semplice”.

Come parte degli sforzi per rafforzare l’esclusione dei minatori di criptovaluta dalla definizione di trasmettitore di denaro del Bank Secrecy Act (BSA), il secondo disegno di legge è incentrato sul mantenimento della sentenza della rete statunitense per la difesa dei crimini finanziari che non riconosce i minatori come trasmettitori di denaro. Pertanto, i minatori di criptovaluta non dovrebbero registrarsi come trasmettitori di denaro poiché “non prendono mai il controllo dei fondi dei consumatori”.

I fornitori di portafogli mini-firma saranno coperti nella seconda fattura in base alla natura dei loro servizi che consentono agli utenti di controllare le proprie informazioni personali sugli acquisti online.

Potrebbero esserci casi in cui il protocollo subisce un cambiamento radicale e quindi convalida blocchi o transazioni precedentemente resi non validi o viceversa. Il terzo disegno di legge cerca di creare un “porto sicuro” per garantire che i contribuenti non sopportino il peso delle criptovalute derivante da un hard fork della rete. Quando sarà convertito in legge, questo disegno di legge dovrebbe proteggere i contribuenti da multe ingiustificate imposte dall’Internal Revenue Service (IRS). Quando i contribuenti segnalano guadagni dai token, si trovano spesso di fronte a prelievi che potrebbero essere considerati controversi poiché lo schema della criptovaluta non è ben definito.

Il Comitato del Congresso chiede una strategia fiscale globale sulla valuta virtuale

Si ricorderà che la controversia che circonda i codici fiscali velati della criptovaluta è stata affrontata in un file lettera aperta inviato all’Internal Revenue Service (IRS) dal Congressional Committee on Ways and Means il 17 maggio 2017.

Il Comitato ha sottolineato la necessità che l’ente di riscossione delle tasse chiarisca i codici per offrire agli investitori la lungimiranza di cui hanno bisogno per prosperare nel settore. Pur affrontando questo malessere più di un anno dopo, i legislatori non sono ancora soddisfatti di qualunque riforma potrebbe essere stata messa in atto per alleviare i contribuenti dall’onere che devono sostenere nel rimettere le tasse sulle plusvalenze sulle loro criptovalute.

“… L’IRS continua ad espandere le sue attività di esecuzione senza emettere ulteriori indicazioni sui contribuenti. Pertanto, scriviamo ancora oggi per esortare fortemente l’IRS a pubblicare una guida aggiornata, fornendo ulteriore chiarezza ai contribuenti che cercano di comprendere meglio e rispettare i loro obblighi fiscali quando utilizzano valute virtuali “, afferma la lettera.

Sottolineando l’importanza della loro raccomandazione, i legislatori hanno fatto riferimento agli sforzi compiuti da altre organizzazioni che si sono unite al discorso per la stessa spinta. Queste organizzazioni includono l’Association of International Certified Professional Accountants, l’American Bar Association e l’ispettore generale del Tesoro per l’amministrazione fiscale. Queste organizzazioni hanno anche impressionato la necessità che l’IRS “sviluppi una strategia fiscale globale sulla valuta virtuale”.

A tal fine, si spera che l’agenzia apporti le modifiche necessarie entro il 17 ottobre 2018.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me