Europa

In quella che Europol ha definito la “prima azione di contrasto nel suo genere”, i funzionari della massima agenzia di polizia dell’UE, in collaborazione con le autorità e gli investigatori in Lussemburgo e nei Paesi Bassi, hanno annunciato la prendere nota di un servizio di mixer bitcoin.

Il mixer, Bestmixer, ha funzionato facendo cadere il bitcoin in pool degli utenti per preservare la privacy dei partecipanti.

Europa

Le agenzie di coordinamento del takedown, che il 22 maggio hanno dichiarato il sequestro di sei server alla base della piattaforma, hanno avviato l’azione di contrasto dopo aver stabilito che il mixer era diventato una risorsa popolare per i riciclatori di denaro.

In un comunicato stampa associato, Europol ha notato che il mixer aveva offuscato migliaia di bitcoin mentre il servizio era ancora operativo:

“Bestmixer.io era uno dei tre più grandi servizi di mixaggio per criptovalute e offriva servizi per mescolare le criptovalute bitcoin, bitcoin cash e litecoin. Il servizio è iniziato a maggio 2018 e ha raggiunto un fatturato di almeno $ 200 milioni (circa 27.000 bitcoin) in un anno e ha garantito che i clienti sarebbero rimasti anonimi “.

Ironia della sorte, il servizio incentrato sulla privacy non ha evitato di attirare l’attenzione su se stesso. Dave Jevans, amministratore delegato della società investigativa blockchain CipherTrace, da allora ha notato che gli operatori di mixer hanno pubblicamente commercializzato la piattaforma per i riciclatori di denaro. Alla notizia, Jevans ha detto:

“Bestmixer ha pubblicamente pubblicizzato servizi di riciclaggio di denaro sporco e ha affermato falsamente di essere domiciliato a Curacao, dove hanno affermato che si trattava di un servizio legale. La realtà è che operavano in Europa e fornivano servizi a clienti di molti paesi in tutto il mondo “.

Di conseguenza, Bestmixer è stato un cattivo attore piuttosto flagrante e l’episodio ha riportato alla ribalta i mixer di criptovaluta ancora una volta. Alcuni importanti bitcoiners si sono opposti alla demonizzazione dei mixer in generale, sostenendo che molti utenti dei servizi vogliono semplicemente proteggere la loro privacy piuttosto che nascondere i crimini.

Coinjoin è fondamentalmente diverso – sia dal punto di vista legale che da quello dell’applicazione della legge – rispetto a un servizio di miscelazione custodiale centralizzato, che si pubblicizzava direttamente ai criminali come servizio di riciclaggio.

La privacy non è illegale. Usare bitcoin privatamente non ti rende un criminale. pic.twitter.com/4S3CWipLxR

– Matt Odell (@matt_odell) 22 maggio 2019

BestMixer aveva precedentemente posto un problema di “cripto-polvere”

Il fallimento di BestMixer non è la prima volta che il servizio ha raccolto titoli poco lusinghieri nel cryptoverse.

Lo scorso autunno, gli operatori del mixer hanno inviato temporaneamente piccole transazioni in massa per selezionare indirizzi bitcoin. La proposta? Generare interesse per la piattaforma da potenziali nuovi utenti.

Il problema con una simile manovra di marketing è che ha contaminato gli indirizzi BTC degli utenti senza il loro consenso. Questo perché i sistemi antiriciclaggio (AML) degli scambi di criptovaluta in genere monitorano le transazioni facilitate dai mixer. Ciò significa che gli indirizzi interessati potrebbero essere a rischio di essere di fatto inseriti in liste nere.

Come ha notato CipherTrace all’epoca in un rapporto post mortem, questo tipo di criptazione potrebbe essere utilizzato in futuro per aumentare intenzionalmente gli indirizzi degli utenti:

“Con il passare del tempo nel mondo delle criptovalute, questa forma di spam potrebbe presto diventare una tecnica primaria per i malintenzionati per diffondere contaminazioni e contaminare gli utenti legittimi in massicce campagne di spolveratura.”

Tuttavia, alla luce della nuova azione di applicazione di Europol, è chiaro che BestMixer non sarà responsabile di ulteriori criptovalute in futuro.

Ovviamente, i mixer non sono solo per i criminali

Nella criptoeconomia, c’è una vera domanda di servizi di mixer da parte degli utenti che desiderano che i loro portafogli principali siano utilizzabili ma non pubblicamente noti.

Questa realtà si è rivelata mercoledì nell’ecosistema Ethereum, quando Eric Conner, membro del team di Gnosis e host di Into the Ether, ha chiesto la creazione di un “servizio di mixaggio di base” per Ethereum che aumenterebbe la privacy degli utenti del progetto blockchain.

Ethereum ha bisogno di un servizio di mixaggio di base che possa essere integrato perfettamente nei portafogli per la privacy. Sono così stanco di dover essere cauto nell’invio di messaggi alle persone.

Mi imbarcherò nel tentativo di farlo accadere.

– eric.eth (@econoar) 22 maggio 2019

In particolare, a pochi minuti dalla chiamata all’azione di Conner, il co-creatore di Ethereum Vitalik Buterin aveva pubblicato una specifica di design minimale per un tale mixer.

quando @econoar sottolinea che abbiamo bisogno di un servizio di mixaggio Ethereum facile da integrare e @VitalikButerin risponde con una nuova specifica 10 minuti dopo. &# 128516;&# 128526;&# 128293; https://t.co/iwnIKGpqY3

– Mihailo Bjelic (@MihailoBjelic) 22 maggio 2019

Il concetto ha rapidamente guadagnato terreno. In poco tempo, l’amministratore delegato di SpankChain e creatore di MolochDAO Ameen Soleimani aveva lanciato l’idea di lanciare una proposta MolochDAO per finanziare la creazione del design del mixer di Buterin.

Chi vuole che invii un file @MolochDAO proposta per loro di costruire un mixer onchain progettato da @VitalikButerin?

Abbiamo bisogno di un sostenitore della privacy!

Per favore RT! https://t.co/iMGnZAdk9g

– ameen.eth &# 128121; (@ameensol) 22 maggio 2019

In quanto tale, il “servizio di miscelazione di base” proposto da Conner potrebbe arrivare prima o poi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me