Cina

Da quando ha lanciato la sua iniziativa sulla valuta digitale più di cinque anni fa, la Banca popolare cinese (PBoC), la banca centrale cinese, ha tenuto la bocca chiusa sulla questione.

Il mondo esterno conosceva le intenzioni della Cina solo a causa di fughe di notizie e commenti improvvisi fatti qua e là. Quindi, ci sono state molte speculazioni sui dettagli del progetto.

Un importante venture capitalist del settore si è recentemente unito a questo treno speculativo, dicendo alla CNBC in un’intervista che ritiene che il lancio della criptovaluta cinese sia proprio all’orizzonte, anche pubblicando la sua cronologia.

Cina

La criptovaluta cinese a soli 12 mesi di distanza?

Edith Yeung, partner di Proof of Capital – un fondo di venture capital incentrato sulla blockchain che ha effettuato investimenti in Binance, Blockstream e Stellar secondo il suo sito web – ha dichiarato alla CNBC il 20 novembre che crede che l’asset digitale cinese verrà “definitivamente” lanciato “all’interno del dai sei ai dodici mesi successivi “.

Sebbene non abbia citato una fonte a sostegno di questa previsione, Yeung ha affermato che la Cina è stata “davvero premurosa” su come vuole distribuire la sua criptovaluta pianificata a oltre 1 miliardo di abitanti, prima di implicare che la quantità di risorse che la nazione ha investito questo progetto indica un lancio imminente. Rispondendo a una domanda sulla tempistica della Cina per la criptovaluta, l’investitore ha spiegato:

“Potrebbe essere abbastanza presto. Anche se sembra che il momento sia giusto dopo che Mark Zuckerberg è stato arrostito dal Congresso, questo è qualcosa che è stato in lavorazione negli ultimi anni “.

Il governo cinese lo è stato "davvero premuroso" sul quadro dei pagamenti elettronici in valuta digitale e sulla sua introduzione.

Chat divertente con #blockchain #crypto #Cina #EastTechWest @christinecnbc @arjunkharpal @CNBCi questa mattina =) https://t.co/cY7alpimzT pic.twitter.com/VKna0rikB6

– Edith Yeung (@edithyeung) 20 novembre 2019

L’affermazione di Yeung secondo cui la Cina è sul punto di ottenere la propria criptovaluta arriva poco dopo che la CNBC ha riferito che il socio amministratore di HCM Capital Jack Lee crede che la rete di valuta digitale della PBoC potrebbe essere lanciata entro i prossimi due o tre mesi.

La sua dichiarazione arriva anche sulla scia di un rapporto simile di Forbes, che ha suggerito che “la tecnologia alla base della criptovaluta è pronta dallo scorso anno e che la criptovaluta potrebbe essere lanciata non appena l’11 novembre, il giorno di shopping più affollato della Cina, noto come Singles Giorno.”

Non trattenere il respiro

Mentre Yeung e altri credono che il lancio della criptovaluta sia vicino, la PBoC ha chiesto di differire. Secondo i precedenti rapporti di Blockonomi, la banca centrale cinese ha dichiarato la scorsa settimana in un annuncio ufficiale che le “notizie nette (notizie online)” che ha emesso valuta digitale legale sono categoricamente false. Una traduzione approssimativa dell’affermazione si legge come segue:

“La People’s Bank of China non ha emesso valuta digitale legale (DC / EP) e non ha autorizzato alcuna piattaforma di asset trading a condurre transazioni. La Banca popolare cinese studia la valuta digitale legale dal 2014 ed è ancora in fase di ricerca e test. “

La PBoC non era ancora terminata. La banca centrale cinese ha continuato dicendo che i rapporti all’estero e locali che suggeriscono le date per il lancio del “DC / EP” o “Pagamento elettronico in valuta digitale (DCEP)”, come i media cinesi hanno soprannominato il progetto, sono “imprecisi”.

Gli Stati Uniti dovrebbero reagire

Indipendentemente dalla tempistica esatta, Yeung ha affermato che gli Stati Uniti devono “affrettarsi” e reagire alla mossa della Cina di digitalizzare lo yuan.

Un altro importante investitore incentrato sulla blockchain, Anthony Pompliano, è d’accordo con questo sentimento. Ha scritto in un numero di newsletter pubblicato all’inizio di quest’anno che gli Stati Uniti devono muoversi per stabilire un sistema monetario digitale, in particolare “per ottenere un vantaggio [monetario / economico]” e per “catturare l’immaginazione di centinaia di milioni di persone”.

Questa affermazione è stata sostenuta da French Hill e Bill Foster, due membri del Congresso che hanno recentemente scritto quanto segue in una lettera alla Federal Reserve sulle valute digitali:

“Siamo preoccupati che il primato del dollaro USA possa essere messo a repentaglio a lungo termine dall’ampia adozione delle valute fiat digitali. A livello internazionale, la Banca dei regolamenti internazionali ha condotto uno studio che ha rilevato che oltre 40 paesi in tutto il mondo hanno attualmente sviluppato o stanno esaminando lo sviluppo di una valuta digitale “.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me