Cryptojacking

Il colosso della sicurezza informatica globale SonicWall ha pubblicato il suo rapporto annuale sulle minacce informatiche con statistiche su cryptojacking e attacchi ransomware. Il rapporto mostra un aumento degli attacchi malware mirati e un calo nella creazione di malware di cryptojacking.

Gli hacker scelgono vettori di attacco più mirati rispetto al cryptojacking

Il gigante della sicurezza informatica SonicWall ha annunciato la notizia del suo Rapporto sulle minacce 2020 tramite a comunicato stampa pubblicato martedì (4 febbraio 2020). Come parte del rapporto, SonicWall ha fornito dati e statistiche riguardanti vettori di attacco come cryptojacking, attacchi crypto-ransomware e hack di app web per citarne alcuni.

Secondo il rapporto, gli attacchi di cryptojacking sono diminuiti del 78% nella seconda metà del 2019. I ricercatori di SonicWall hanno attribuito questo calo alla chiusura di Coinhive e al perno di alcuni hacker di crittografia in vettori di attacco più mirati.

TENDENZE CYBERATTACK GLOBALI 2019Tendenze globali degli attacchi informatici 2019

Commentando i risultati dell’azienda, il CEO di SonicWall Bill Conner, ha osservato:

“I criminali informatici stanno affinando la loro capacità di progettare, creare e distribuire attacchi di tipo invisibile con crescente precisione, aumentando al contempo le loro capacità di eludere il rilevamento tramite la tecnologia sandbox. Ora più che mai, è imperativo che le organizzazioni individuino e rispondano rapidamente, o corrano il rischio di dover negoziare ciò che viene tenuto in ostaggio dai criminali in modo da incoraggiare che ora stanno negoziando i termini “.

Negli anni precedenti, il cryptojacking e gli attacchi malware costituivano una parte significativa delle attività dei criminali informatici legati alla crittografia. Gli hacker incorporano regolarmente script di mining dannosi nei siti Web e nei documenti online come un modo per sottrarre potenza di calcolo a vittime ignare.

Nell’aprile 2018, il National Cyber ​​Security Center del Regno Unito avrebbe aggiunto il cryptojacking al suo elenco di minacce informatiche per le aziende nel paese.

I dati di un rapporto Mcfee del settembre 2018 hanno mostrato il rilevamento di oltre 2,4 milioni di istanze di malware di cryptojacking nel secondo trimestre dell’anno. Un altro rapporto del manager del ransomware di criptovaluta Coveware ha mostrato un aumento del 90% dei pagamenti del ransomware nel primo trimestre se 2019 a causa del malware Ryuk.

Per quanto riguarda gli attacchi Crypto-Ransomware

Secondo il report sulle minacce, il tasso di attacchi ransomware ha registrato un calo del 9% durante il 2019. Tuttavia, le statistiche mostrano sforzi consolidati di malware ransomware mirati a organizzazioni governative, aziende crittografiche e aziende blockchain.

Inoltre, il rapporto sulle minacce di SonicWall mostra un aumento del 27% su base annua delle minacce crittografate inviate tramite traffico web. I criminali informatici utilizzano file crittografati per eludere i protocolli di sicurezza tradizionali responsabili della salvaguardia delle attività su Internet.

Ciò significa che gli investitori e i trader di criptovalute corrono un rischio maggiore di cadere preda di attacchi informatici mentre accedono alle loro valute virtuali e alle risorse digitali tramite una connessione Internet.

Il gigante della sicurezza informatica ha sviluppato il suo rapporto sulle minacce attraverso la raccolta di informazioni sulle minacce per tutto il 2019. SonicWall è stato in grado di posizionare oltre 1,1 milioni di sensori sparsi in 215 paesi e territori, con i ricercatori dell’azienda che analizzano oltre 140.000 campioni di malware ogni giorno e bloccano oltre 20 milioni di malware attacchi giornalieri.

Con i dati e la ricerca di SonicWall Capture Labs, SonicWall è stata in grado di combattere i criminali informatici e fornire servizi di sicurezza informatica da oltre 28 anni.

Cryptos fa ancora appello ai cybercriminali

Nel gennaio 2020, Blockonomi ha segnalato un’ingiunzione del tribunale britannico di congelare un indirizzo di portafoglio crittografico Bitfinex sospettato di detenere un pagamento ransomware bitcoin (BTC) del valore di $ 860.000

Secondo quanto riferito, nel novembre 2019, criminali informatici non identificati hanno lanciato un attacco informatico contro la compagnia petrolifera messicana Pemex. Gli hacker hanno distribuito malware ransomware per bloccare i dipendenti dell’azienda fuori dai loro computer e hanno chiesto un pagamento di 500 BTC per porre fine all’attacco.

Secondo quanto riferito, nell’ottobre 2018 l’India ospitava circa 30.000 router infettati da malware di cryptojacking. I rapporti hanno mostrato un caso simile in Moldova in cui 25.000 router MikroTik sono stati utilizzati per eseguire lo script CoinHive per estrarre fraudolentemente criptovalute.

In altre notizie relative alla crittografia, Microsoft ha recentemente rilevato un javascript di cryptojacking nascosto in uno degli sfondi del compianto Kobe Bryant.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me