Quras

Non è un segreto che l’Asia sia stata una delle principali forze trainanti della rivoluzione blockchain da un po ‘di tempo. Con il mercato blockchain globale dovrebbe crescere a un CAGR dell’80% per raggiungere $ 42 miliardi di dollari entro il 2024, il principale motore di tale crescita viene attribuito all’Asia-Pacifico.

E poiché Coinbase espande i suoi servizi in Asia maggiore mentre i negozi al dettaglio a Hong Kong stanno iniziando ad accettare criptovalute durante le proteste politiche, stiamo assistendo a un abbraccio di blockchain e criptovaluta da tutte le angolazioni.

Quras

Nota: questo è un post sponsorizzato

Con le diverse opinioni del governo sulle criptovalute tra l’Occidente e l’Estremo Oriente, l’Asia sembra stabilire il ritmo con più regole di buon senso senza ostacolare l’innovazione, mentre le cause legali e le indagini stanno catturando molti titoli negli Stati Uniti.

All’inizio di questo mese, Busan, Corea del Sud, è stata dichiarata una zona “priva di regolamenti” per lo sviluppo di blockchain dal governo sudcoreano. In Cina, si dice che sia la banca centrale nazionale vicino al lancio della propria valuta digitale, con maggiore urgenza grazie all’annuncio di Libra di Facebook. Mentre Rakuten, che gestisce il più grande mercato di acquisti online e banca Internet del Giappone, ha appena lanciato la propria piattaforma di scambio di criptovalute il 19 agosto.

Dal punto di vista dello sviluppo tecnologico, degli investimenti e della regolamentazione, l’Asia ha preso il posto di guida come continente che promuove la crescita della blockchain per il prossimo futuro.

Giappone in primo piano

Mentre alcuni paesi asiatici hanno dovuto affrontare grandi sfide con la strutturazione di normative e leggi intorno al nostro settore, altri hanno adottato un approccio lento e costante con la speranza di un importante risultato a lungo termine. Prendiamo ad esempio il Giappone, che è diventato la prima nazione a regolamentare le criptovalute nel 2017. Da allora, il Giappone ha allentato la nuova regolamentazione nel tempo ed è ora in procinto di fissare parametri di riferimento globali con l’approvazione delle leggi sulle criptovalute che entreranno in vigore nella primavera del 2020. il governo spera che una maggiore regolamentazione porti a un maggior numero di investitori istituzionali che partecipano al mercato, scoraggiando i cattivi attori.

Essendo la terza economia mondiale per PIL, il Giappone ha l’opportunità di diventare uno dei principali leader nel settore blockchain mentre il mercato in generale continua a maturare. E con il sostegno della tecnologia blockchain da parte della banca centrale giapponese, la Bank of Japan, dovremmo continuare a vedere progetti blockchain con sede in Giappone che sono benedetti dalle autorità di regolamentazione e sostenuti dalle principali imprese tradizionali.

Gli scambi crittografici, i protocolli e le società minerarie hanno guidato la carica di blockchain in Giappone negli ultimi due anni, con aziende importanti tra cui Liquido, LayerX, TomoChain e bitFlyer. La forza lavoro altamente qualificata e high-tech del Giappone ha naturalmente gravitato sullo sviluppo della blockchain, con incontri di sviluppatori e opportunità di lavoro abbondano.

Con il Giappone che si concentra sempre di più sulla scena blockchain globale, uno dei progetti blockchain più attesi in uscita dal paese è Quras.

Presentazione di Quras

Come protocollo “privacy 2.0”, Quras è la prima blockchain pubblica al mondo che consente transazioni anonime in contratti intelligenti. Poiché le blockchain pubbliche e trasparenti hanno portato a funzionalità restrittive e casi d’uso limitati, Quras ha implementato due comprovate tecnologie per la privacy per consentire agli utenti di scegliere il livello di privacy adeguato per i propri dati.

Quras è già abbastanza noto in Giappone. Dopo aver trascorso oltre 2,5 anni nello sviluppo del protocollo, Quras con sede a Tokyo ha raccolto oltre $ 15,5 milioni mentre costruiva una comunità di sviluppatori e “ambasciatori” per un totale di oltre 50.000 persone. L’azienda partecipa attivamente alla più ampia comunità blockchain ospitando regolarmente i propri meetup di sviluppatori mentre partecipa a importanti conferenze, come la Japan Blockchain Week, il World Blockchain Forum e BlockShow Asia.

L’azienda è stata costruita sulla filosofia del bene comune. Sebbene Aristotele possa aver reso famoso il concetto di “ bene comune ”, la piattaforma Quras mira a raggiungere il bene comune abbracciando un modello di società pluralistico e diversi aspetti dello stesso, e fornendo a tutti gli utenti di Quras opportunità di crescere insieme alla piattaforma a beneficio di la nostra società più grande. “Dare potere e incentivare le persone che prendono parte alla nostra comunità mentre lavorano insieme per creare la sostenibilità a lungo termine fa parte del mantra di Quras”, afferma Shigeki Kakutani, CEO di Quras.

Combinando il meglio che le blockchain pubbliche e private hanno da offrire in una sola, la blockchain di Quras rappresenta un valido motivo per essere la blockchain preferita per le grandi imprese e per le dApp di avvio. Utilizzando sia le prove a conoscenza zero che le firme ad anello per la privacy, Quras offre ai suoi utenti opzioni nel modo in cui viene gestita la riservatezza delle transazioni supportando un ID digitale privato più sicuro. L’adozione dell’ID digitale apre le porte alla conformità alle normative e a maggiori casi d’uso. Quras è fortemente focalizzato sull’adozione di protocolli creando e collaborando con aziende focalizzate sulla creazione di applicazioni IoT, sanità, finanza, vendita al dettaglio e catena di fornitura.

Verso l’infinito e oltre

 Date le incertezze di fondo legate ai mercati azionari globali, inclusa una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, le promesse di un futuro più trasparente, protetto e democratizzato continuano in Asia. E man mano che l’influenza della blockchain cresce e le industrie tradizionali iniziano a commercializzare la tecnologia, la vera adozione seguirà sicuramente.

Il Giappone è uno dei paesi più lungimiranti per le normative sulle criptovalute, mentre il loro governo si concentra sullo spostamento della nazione più grande in una società senza contanti. Molte organizzazioni blockchain autoregolate stanno lavorando attivamente con le autorità di regolamentazione giapponesi nella creazione di framework per diversi tipi di attività e applicazioni blockchain.

Dato lo slancio e la reputazione che Quras ha costruito, dovremmo aspettarci che facciano più notizia prima della fine del 2019. Con la missione duratura dell’azienda “migliorare la privacy, la sicurezza, la scalabilità e l’usabilità per promuovere casi d’uso della blockchain nel mondo reale”, il protocollo Quras è appena iniziato, come si suol dire, all’infinito e oltre.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me