Registri curati da token

La gente ama le liste. Rappresentano un formato semplice ed efficiente per l’organizzazione dei dati che è opportunamente allineato con la nostra capacità di attenzione in continua diminuzione poiché siamo inondati di informazioni su base giornaliera. Gli elenchi tradizionali di qualità superiore sono in genere curati da aziende o gruppi specializzati in tal senso o che lavorano in un campo correlato per essere in grado di curare accuratamente un elenco.

Sebbene gli elenchi siano un metodo importante per organizzare i dati e presentarli in un formato digeribile, ci sono alcuni problemi intrinseci con l’attuale iterazione di creazione e cura degli elenchi. Gli elenchi sono spesso soggetti a pregiudizi, manipolazione e vera e propria disinformazione.

Un concetto popolare che è emerso ultimamente è l’idea di Token Curated Registries (TCR). Essenzialmente, si tratta di elenchi che applicano un token intrinseco in combinazione con un meccanismo di incentivi per guidare una corretta e accurata gestione degli elenchi (registro).

Registri curati da token

Il concetto di TCR

Il concetto di TCR è molto interessante e può essere applicato a un’ampia gamma di scenari. Dall’onesta cura delle migliori università alla creazione di standard normativi curati all’interno del settore delle criptovalute, i TCR rappresentano un sistema decentralizzato in cui il valore del token intrinseco riflette direttamente la richiesta di essere nell’elenco.

L’idea di base per il funzionamento di un TCR è che esista un mercato in cui è necessaria una cura del registro onesta ed efficace per fornire ai consumatori informazioni accurate e utili che non siano soggette ai problemi tipici associati agli elenchi selezionati oggi. Il formato segue un modello di picchettamento tra 3 tipi di utenti:

  • Candidati
  • Consumatori
  • Titolari di token

I candidati sono quelli che desiderano essere nella lista, quindi per esempio, un’università che vuole essere in un registro delle “Top 10 Business School in America”. I consumatori sono gli utenti medi che cercano informazioni su Internet per guidare il loro processo decisionale nella giusta direzione. Nel caso delle “Top 10 Business School in America”, i consumatori sarebbero genitori o studenti che cercano di trovare un elenco autentico di potenziali college rispettivamente per i loro figli o loro stessi. I possessori di token sono i detentori speculativi del token che stanno puramente partecipando alla detenzione di token per guadagno finanziario o partecipanti attivi del sistema di voto che possono trarre profitto dalla loro onesta cura dell’ingresso o del rifiuto di potenziali candidati alla lista.

I TCR rappresentano una forma efficace di cura del registro attraverso un concetto noto come la saggezza della folla. Questo è il concetto alla base dei mercati di previsione decentralizzati come Augur e ha alcuni effetti tangibili sulla cura del registro. Piuttosto che fare affidamento su un’entità centralizzata o un piccolo gruppo per curare un elenco, i TCR creano una rete distribuita di partecipanti guidata da un quadro efficace di incentivi. I vantaggi vanno dalla rimozione di pregiudizi e potenziale corruzione dei curatori delle liste alla capacità di avere una rappresentazione in costante aggiornamento di un importante sottoinsieme di dati all’interno di un mercato specifico o una fusione di metriche correlate.

Come funzionano i TCR?

Come accennato in precedenza, la struttura di base dei TCR si riduce essenzialmente a tre componenti derivati ​​dal pool di utenti. I candidati, i consumatori e i possessori di token, sono gli attori del sistema le cui regole sono definite da un insieme di parametri che consentono al TCR di essere autosufficiente con una capacità mitigata di influenzare la lista da parte di terzi o gruppi di soggetti.

I candidati

Questi sono gli utenti (persone, istituzioni, ristoranti, ecc.) Che desiderano essere inseriti nella lista per mettere il loro marchio di fronte ai consumatori come un membro autenticamente convalidato di una lista difficile da iscrivere. Nell’esempio “Top 10 Business Schools in America”, si tratterebbe di business school che competono per il posizionamento nell’elenco per dimostrare la loro eccellenza accademica ai potenziali studenti. Di conseguenza, il posizionamento in questo elenco può portare l’istituto accademico ad avere un numero maggiore di iscrizioni da parte di studenti di economia speranzosi. Numeri di iscrizione più alti significano il lusso di poter scegliere da un pool più ampio di studenti dove possono essere selezionati studenti migliori, aumentando ulteriormente la reputazione della business school in un ciclo di feedback positivo. Per non parlare, più studenti, più soldi per le tasse scolastiche.

Nel prototipo di TCR, i candidati dovrebbero depositare un minimo prestabilito del token intrinseco del TCR per poter essere considerati come candidati per la lista. A loro volta, i possessori di token, con il loro potere di voto direttamente proporzionale alla loro partecipazione, votano se accettare o rifiutare il candidato nel registro. Se il candidato viene accettato, mantiene il deposito e può essere ritirato in qualsiasi momento, il che lo rimuove anche dal registro. Se negato, il candidato perde il deposito e viene distribuito tra i possessori di gettoni che hanno votato a maggioranza per rifiutare il candidato.

Come puoi vedere, il deposito minimo crea una barriera all’ingresso per i candidati che scoraggia coloro che sanno di avere un’alta probabilità di rifiuto (cioè cattive business school) dall’applicare al TCR.

I consumatori

L’elenco non esisterebbe senza la richiesta di informazioni da parte dei consumatori. Ciò che è interessante è che i consumatori, sebbene guidino la domanda per l’elenco, non partecipano attivamente alla struttura degli incentivi. Tuttavia, la loro richiesta di informazioni è direttamente correlata al prezzo del token intrinseco del TCR. Se una quantità significativa di persone sta cercando le migliori business school e le informazioni dagli elenchi tradizionali su Internet sono afflitte da disinformazione ed elenchi chiaramente manipolati, la domanda per il TCR della business school sarà elevata (se correttamente implementata), candidati ad aspirare a entrare nella lista. L’effetto a cascata è l’aumento della domanda per il token da parte di entrambi i candidati che acquistano i token per richiedere il registro e dei titolari di token che cercano di trarre profitto dalla cura della lista.

Applicare il concetto di TCR a mercati più complessi e critici in cui risiede una quantità significativa di valore in termini di tempo, impegno o risorse finanziarie, è dove il concetto può diventare davvero interessante. In questi tipi di mercati, i consumatori diventano molto più consapevoli delle implicazioni della qualità dei dati contenuti nell’elenco e, a loro volta, fissano maggiormente l’accuratezza e l’autenticità del TCR. I consumatori quindi non si limitano solo a esempi più primitivi di ricercatori universitari, ma possono essere estesi ai professionisti che cercano una fonte affidabile di gestione dei dati all’interno del rispettivo settore..

I possessori di token

Ah gli hodlers. Svolgono il ruolo più importante nel mantenere la struttura degli incentivi, ma nel contenere i loro interessi personali e i tentativi di giocare il sistema sono notoriamente difficili da implementare nel mondo reale. All’interno di un TCR, è nel migliore interesse dei possessori di token mantenere alta la domanda del token che stanno tenendo. Raggiungono questo obiettivo semplicemente curando il registro nel miglior modo possibile, trovando anche un equilibrio realistico tra l’ingresso e il rifiuto dei candidati nel registro.

Se i consumatori non si fidano dell’elenco o lo trovano impreciso, non lo useranno, i candidati non aspireranno a farne parte e il valore del token diminuirà. Questo è il principale incentivo che guida la struttura del TCR in questa forma. I possessori di token non devono nemmeno essere necessariamente interessati alla lista che stanno curando, possono semplicemente essere partecipanti al sistema di voto per rendere la lista la più alta qualità possibile. Le loro azioni sono proporzionali al loro valore di puntata aumentato o diminuito.

Registro di Adchain

Il registro di Adchain

I possessori di token votano su quali candidati diventano listini del registro o quali negati. Votando tatticamente nel sistema, i possessori di token possono realizzare profitti in base ai loro schemi di voto se finiscono per votare con la maggioranza vincente che nega determinati candidati. Sebbene si sia tentati di negare costantemente i candidati, se l’elenco è troppo difficile da inserire, il valore alla fine diminuirà poiché i candidati non saranno così interessati se sanno che c’è un’alta probabilità di rifiuto, anche se sono qualificati per far parte della lista.

Chiunque può diventare un detentore di token acquistando i token su uno scambio e i possessori di token hanno persino la possibilità di votare i listener attualmente nel registro. Ciò ha importanti implicazioni in quanto consente all’elenco di aggiornarsi in modo coerente e di rimanere valido a lungo termine. Sarà interessante osservare le future implicazioni di questa struttura all’interno di TCR più complessi che sicuramente si presenteranno.

Il futuro dei TCR

I Token Curated Registries sono ancora un concetto nascente che deve affrontare alcune legittime domande riguardanti la loro implementazione e la fattibilità a lungo termine della loro autenticità. La loro potenziale applicazione a una vasta gamma di mercati e contesti continuerà a generare entusiasmo come nuova forma di cura del registro.

Tuttavia, la cura del registro non si limita semplicemente alle decisioni binarie, come si è visto con il semplice meccanismo “Sì / No” di entrata nella lista delle “Top 10 Business School in America”. Alla fine, registri complessi con classifiche e gestione di grandi pool di dati potrebbero arrivare a dominare le strutture di cura dei dati pubblici che esistono come servizi di pubblica utilità.

Alcune idee che sono state generate a questo proposito riguardano il concetto di TCR basati su framework così come l’implementazione di Struttura degli incentivi della piattaforma civile. Inoltre, un affascinante concetto di a framework TCR autoregolante collettivo per criptovalute è stato proposto dalla società Messari all’inizio di quest’anno.

Sebbene questi concetti possano sembrare inverosimili, rappresentano un progresso nel settore in termini di rendere i token veramente gettoni di utilità con una funzione specifica all’interno della rete che è legata in valore direttamente al successo o alla fine del TCR. L’implementazione di adeguate strutture di incentivi per questi sistemi decentralizzati sarà sicuramente molto difficile. Se l’industria delle criptovalute ci ha mostrato qualcosa, è che applicare praticamente concetti ai problemi del mondo reale è molto più facile a dirsi che a farsi.

Conclusione

Man mano che i TCR continuano a svilupparsi in sistemi più raffinati, la loro utilità pratica all’interno dei mercati diventerà molto più evidente. Ci sono già stati alcuni progressi significativi con loro, tuttavia, c’è ancora una notevole quantità di logica dei parametri che deve ancora essere elaborata affinché questi registri funzionino come sperato.

Se sei interessato alle innovazioni nel campo della criptoeconomia e alla loro integrazione all’interno di reti distribuite, allora tuffarti nei TCR merita sicuramente il tuo tempo.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me