Jack Dorsey Bitcoin

Sebbene le misure per prevenire la diffusione del COVID-19 siano diventate ancora più drammatiche – con i governi che iniziano a rintracciare i cittadini attraverso le app, bussano alle porte per sciogliere i partiti, e così via – l’epidemia ha continuato a peggiorare nel corso del settimana scorsa.

Secondo dati recenti dal sito di analisi WorldOMeter, ora ci sono oltre 1.450.000 casi totali confermati di coronavirus, con oltre 1.000.000 di casi ancora attivi. All’inizio di aprile, il numero di casi era di 935.232 e all’inizio di marzo erano solo 80.000. È giusto dire che le cose stanno peggiorando, molto velocemente.

A causa del peggioramento dell’epidemia, aziende e individui si sono mobilitati per fermare il virus, che sta devastando la salute del mondo e l’economia in grande stile.

L’ultimo ad unirsi alla lotta è Jack Dorsey, il più grande toro di Bitcoin di Corporate America e amministratore delegato sia del gigante fintech Square che di Twitter.

Bitcoin Bull & Il CEO di Twitter Jack Dorsey stanzia 1 miliardo di dollari per fermare il Coronavirus

Ieri, Dorsey annunciato in un thread di Twitter – è abbastanza appropriato, devo dire – che “trasferirà $ 1 miliardo del mio capitale di Square”, che presumibilmente corrisponde a circa il 28% della sua ricchezza totale, a una LLC chiamata “Start Small” per “finanziare rilievo globale COVID-19. ” Start Small esisteva prima di questo focolaio, ma questa è la prima volta che riceve l’attenzione del mainstream.

In particolare, SQ è in rialzo nel corso della giornata fino ad ora, aumentando del 7%, presumibilmente alla notizia che Dorsey lo sta facendo. Quindi il miliardo di dollari è in realtà 1,058 miliardi di dollari al momento della stesura di questo articolo.

Dorsey non ha indicato a quali iniziative donerà per il momento, ma ha iniziato con un contributo di $ 100.000 a un banco alimentare in America.

Sto trasferendo $ 1 miliardo del mio capitale di Square (~ 28% della mia ricchezza) a #startsmall LLC per finanziare il soccorso globale COVID-19. Dopo aver disarmato questa pandemia, l’attenzione si sposterà sulla salute e l’istruzione delle ragazze e sull’UBI. Funzionerà in modo trasparente, tutti i flussi tracciati qui: https://t.co/hVkUczDQmz

– jack (@jack) 7 aprile 2020

Se i soldi non vengono spesi entro la fine dell’epidemia, Dorsey intende destinare il resto alla promozione del reddito di base universale e alla salute e all’istruzione delle ragazze, definendo entrambe le questioni critiche. In particolare, Dorsey ha donato alla campagna presidenziale di Andrew Yang, il candidato democratico che aveva l’idea di dare a ogni americano $ 1.000 al mese lodando anche la tecnologia, criptovalute incluse. 

Da questo annuncio, il mondo Twitter ha risposto con forza, lodando l’imprenditore della Silicon Valley per aver preso tale iniziativa, con il suo tweet che annuncia la donazione che ha raccolto 240.000 Mi piace e l’elogio di Yang, il CEO di Cool Quit Eugene Gu e molti altri.

La community di Crypto si unisce alla lotta contro il coronavirus

Dorsey è tutt’altro che l’unico membro della comunità delle criptovalute ad aver contribuito a prevenire il peggioramento della crisi in corso.

Come riportato in precedenza da Blockonomi, Binance ha lanciato una campagna sui social media per donare fino a 1 milione di dollari, con l’importo della donazione che dipende da quanti retweet e usi dell’hashtag #CryptoAgainstCOVID vede.

Ripple ha lanciato la propria campagna, donando centinaia di migliaia di dollari ai fondi di risposta locali per aiutare a combattere il coronavirus a San Francisco, dove c’è un po ‘di un hotspot perché è un hub di viaggio.

C’è stato anche un impegno collettivo delle migliori società di criptovaluta, inclusi Brave, Gemini, The Block, Electric Coin Co. e altri, attraverso la campagna # CryptoCOVID19 di The Giving Block.

Il crypto band insieme al resto delle economie del mondo ha senso: anche le aziende e gli individui in questo spazio sono stati fortemente colpiti dal virus.

A livello individuale, l’eminente ex sviluppatore di Ethereum Afri Schoedon, l’ex CEO di Ripple Chris Larsen e molti altri nella comunità sono stati purtroppo infettati dal virus, sebbene molti si siano completamente ripresi..

A livello aziendale, c’è stato un forte calo degli accordi di finanziamento, con rapporti che indicano che il numero di accordi che hanno avuto luogo nel primo trimestre del 2020 ammontava a soli 79 – in calo rispetto ai 220 nel primo trimestre del 2019 o 230 nel primo trimestre del 2018. Inoltre, Bitcoin.com, la società di mining di criptovalute Bitfarms e il produttore di hardware di mining Bitfury sono tra le aziende di questo settore che hanno iniziato a licenziare il personale nelle ultime settimane.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me