Libra

Bilancia – il progetto di criptovaluta Facebook che mira a competere con PayPal e altri processori di pagamento ha dovuto affrontare un duro colpo quando quasi 1/4 dei loro partner ha deciso di abbandonare il progetto citando una serie di preoccupazioni.

Ma in una recente dichiarazione a Yahoo Finance, il leader della Bilancia David Marcus ha ribadito che il progetto lo era “Assolutamente non” nei guai e che la pressione crescente era semplicemente la prova che Facebook era su qualcosa di grande.

Marcus ha ragione? Può la Bilancia sopravvivere con la perdita di un quarto dei suoi partner?

Libra

Cantando il blues della Bilancia

Fin dai suoi primi giorni come “Globalcoin”, la criptovaluta di Facebook ha affrontato una moltitudine di dubbiosi e oppositori, inclusi molti nei media crittografici.

Per chi non lo conoscesse, Libra mira ad essere una stablecoin (o più precisamente una “moneta da paniere”) ancorata al dollaro USA e supportata da riserve di valuta fiat. Quelle riserve guadagneranno interessi sui depositi e gli utenti potranno inviare e ricevere Libra senza alcun costo, rendendolo un potenziale potente concorrente di altre piattaforme di pagamento.

Dal punto di vista crittografico, i commentatori si sono affrettati a sottolineare che Libra finirà per essere una valuta altamente centralizzata che non utilizza correttamente la tecnologia blockchain nel modo previsto. Vale a dire, non sarà usato come un modo per eludere le grandi società e banche che si frappongono tra mittenti e riceventi. Quelli dal lato finanziario tradizionale del dibattito hanno sostenuto che la Bilancia inevitabilmente entrerà in conflitto con i regolatori e considererà che le cause legali e le ingerenze della SEC sono inevitabili.

I partner sono importanti per il successo della Bilancia?

Alcuni dei partner che si stanno allontanando da Libra includono Visa, MasterCard e Stripe, grandi processori di pagamento che si affidano alle regole finanziarie tradizionali e ai mezzi per fare affari. Questi tipi di società tendono ad essere prevalentemente conservatori e oggettivamente terrorizzati da qualsiasi cosa rischiosa o nuova. Ciò che sorprende non è che abbiano abbandonato il progetto, ma che abbiano mai espresso interesse per esso in primo luogo.

Poiché l’obiettivo alla base del progetto Libra è offrire un’alternativa alle tradizionali reti di pagamento, in superficie sembra che la perdita di questi partner non sia rilevante. Visa guadagna miliardi addebitando commissioni di transazione elevate, così come MasterCard e Stripe. Se il sogno della Bilancia diventasse realtà, questo tipo di commissioni di transazione potrebbe diventare un ricordo del passato – ed è qualcosa che gli azionisti di queste società probabilmente non aspetteranno con impazienza.

Secondo, dobbiamo chiederci, i partner di qualsiasi tipo sono importanti per la Bilancia? Per quanto possa sembrare sorprendente, la risposta potrebbe essere no. Consideriamo Uber, uno dei partner che sta ancora lavorando con Libra. Uber non è diventato un nome familiare grazie all’alleanza con le compagnie di taxi che volevano sostituire. Invece, Uber è stata in grado di stabilire il dominio innovando e offrendo quello che è probabilmente un prodotto migliore.

Nel mondo delle criptovalute, le partnership spesso non sono una necessità. Basta guardare i primi successi di successo come bitcoin, Litecoin, Ethereum e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Questi progetti sono stati lanciati in totale solitudine e riescono a stabilire un certo grado di dominio sul mercato senza bisogno di alcun aiuto da coloro che stavano cercando di sostituire come le banche.

In breve, Libra potrebbe essere in grado di cavarsela benissimo senza alcun aiuto (o interferenza) dal settore bancario tradizionale. Semmai, questa potrebbe rivelarsi una vittoria importante.

Un ottimo esempio di ciò che potrebbe accadere è quello che è successo alla società Kodak. Kodak aveva sviluppato la fotocamera digitale decenni prima che diventassero popolari, eppure hanno scelto di farlo trattenere l’invenzione per timore che ciò danneggi i loro profitti dalle vendite di pellicole e dalle apparecchiature per l’elaborazione delle pellicole. Chiaramente è stato un errore. Ci viene da chiedersi se Visa, MasterCard e Stripe stiano commettendo un errore simile.

Faremo la scelta, non le banche

Alla fine, tutto questo atteggiamento e rimescolamento non farà alcuna differenza. Facebook è un’azienda grande e potente che ha le risorse necessarie per farcela, non importa quanto i regolatori o le banche cerchino di intralciarli. Finché Facebook vuole che ciò accada, succederà. Anche se ci vuole più tempo di quanto pensassero inizialmente.

Non sarà Facebook, Visa o Stripe a decidere se Libra avrà successo o meno. Invece, toccherà a noi. Se ci viene offerto qualcosa di convincente e competitivo, alla fine troverà il suo posto nel mercato. Che si tratti di una posizione dominante o semplicemente di riempire una nicchia, troverà un posto dove atterrare fintanto che ci darà qualcosa che vogliamo. Il rovescio della medaglia, se la Bilancia finisce per essere un’ombra paralizzata e costosa della sua precedente gloria proposta, allora svanirà nell’oscurità mentre noi consumatori scegliamo di ignorarla giustamente.

Ma in entrambi i casi non spetterà ancora ai processori di pagamento del vecchio mondo decidere. Al contrario, dipenderà interamente da noi.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me