Wells Fargo: Scusa, non puoi spendere i tuoi soldi in Crypto

Wells Fargo

La principale banca di Wall Street, Wells Fargo, è stata sotto l’ira di Twitter, a seguito della risposta della banca al reclamo di un cliente tramite Twitter per non essere in grado di acquistare criptovalute come bitcoin. Secondo il cliente, la banca ha rimbalzato la carta di debito anche dopo aver pagato alcune bollette.

Wells Fargo

Mi spiace, Josh, non possiamo permetterti di acquistare Bitcoin

La risposta di Wells Fargo al reclamo di un cliente su Twitter ha suscitato indignazione nella comunità di Twitter. La banca ha alzato la sua testa anti-criptovaluta quando ha detto apertamente al cliente che la banca non consentiva le transazioni di criptovaluta.

“Grazie per averci contattato. Sfortunatamente, Wells Fargo non consente transazioni che coinvolgono criptovaluta. -Josh “

Qualcosa di strano sta succedendo con la mia banca Wells Fargo … Non posso acquistare criptovalute su app di contanti o coinbase … Ho provato ad allegare la mia carta di debito e ho detto "Carta non trovata" e l’ho usato solo per pagare i miei conti &# 129300;&# 129300;&# 129300;

chiunque altro abbia questo problema?

– Litecoin Moses {No XRP} ₿ ⧫ Ł (@ l3l2ucelee) 12 luglio 2019

A seguito della risposta della banca, diverse persone hanno condannato il divieto della banca di Wall Street. Alcuni utenti sulla piattaforma che avevano conti presso la banca hanno minacciato di chiudere i loro conti. Altri commentatori hanno consigliato ai clienti di scaricare la banca.

C’erano anche persone che accusavano Wells Fargo di essere nell’età della pietra e affermavano che la banca stava violando i diritti dei clienti di utilizzare denaro speso in bitcoin e altre criptovalute come ritenuto opportuno.

Ma la recente dichiarazione di Wells Fargo non è nuova. Nel 2018, la banca vietato ai clienti di utilizzare le carte di credito della banca per acquistare bitcoin e altre criptovalute. Secondo le banche, le criptovalute come il bitcoin sono piene di volatilità e investimenti di rischio.

Wells Fargo non consente ai propri clienti di acquistare criptovalute.

Com’è appropriato che il loro logo sia letteralmente un cavallo e una carrozza.

Resistere all’innovazione è resistere all’inevitabile.

Compra bitcoin, ciao banche. &# 128293;

– Ritmo (@Rhythmtrader) 14 luglio 2019

Gli stabilimenti tradizionali sono ancora anti-crittografici

Wells Fargo, tuttavia, non è l’unica istituzione finanziaria di Wall Street con una posizione anti-cripto, poiché anche alcune grandi banche hanno opinioni pessimistiche riguardo al settore nascente.

Secondo a rapporto nel febbraio 2018, tre banche statunitensi – JPMorgan, Bank of America e Citigroup – hanno vietato ai clienti di utilizzare carte di credito per acquistare bitcoin. Le tre banche avevano lo stesso motivo di Walls Fargo: volatilità e rischio.

Ma la storia è stata fatta nel 2019 quando JPMorgan è diventata la prima grande banca statunitense a lanciare la propria criptovaluta. La criptovaluta, nota come moneta JPM, è ancorata al dollaro USA.

Il CEO di JPMorgan, Jamie Dimon, ha anche aggiunto che c’era la possibilità che la stablecoin fosse utilizzata dai consumatori. La nuova relazione d’amore di Dimon con bitcoin e criptovaluta è in netto contrasto con la sua posizione di circa due anni fa.

Dimon era famoso per aver fondato bitcoin, definendo la criptovaluta una “frode”, dicendo che solo le persone stupide investivano in bitcoin. Il CEO di JPMorgan ha anche minacciato di licenziare i dipendenti che hanno investito o scambiato in criptovaluta.

Blockonomi ha recentemente riferito che Goldman Sachs stava finalmente entrando nel settore delle criptovalute, a seguito di un annuncio di lavoro che richiedeva i servizi di un “Project Manager di risorse digitali” per la sua nuova criptovaluta proposta.

Il CEO di Goldman Sachs, David Solomon, ha accennato nel giugno 2018 colloquio che l’istituto finanziario stava cercando di sviluppare la propria criptovaluta, come JPM Coin di JPMorgan.

Banche di Wall Street e riciclaggio di denaro

Sebbene gli istituti finanziari siano pronti a etichettare la criptovaluta come “fraudolenta”, non sono esattamente un esempio lampante. Tra le reazioni al divieto di Wells Fargo, c’erano commentatori che si sono affrettati a sottolineare che la banca era più fraudolenta della criptovaluta. Un commentatore in particolare ha pubblicato un immagine dello schermo multe e reati da parte della banca.

@ WellsFargo non supporti $ crypto ma il tuo elenco di reati + multe nell’elenco allegato include

Abusi ipotecari

Abusi di titoli tossici

Violazioni bancarie

False affermazioni

Antiriciclaggio

Fissazione dei prezzi

L’elenco potrebbe continuare …

Ricordami di nuovo perché non supporti la crittografia? pic.twitter.com/mexEYDwDkK

– SynQ I / O (@SynQIO) 13 luglio 2019

Nel frattempo, il CEO di Berkshire Hathaway e investitore di Wells Fargo, Warren Buffett, un noto cinico di bitcoin, ha dichiarato a febbraio 2019 che il bitcoin “non ha alcun valore”. Inoltre, l ‘”Oracle of Omaha” ha detto che la criptovaluta è per “ciarlatani”.

Ma Barry Silbert in seguito ha dato un contrattacco su Twitter detto:

“Wells Fargo, un investimento di Buffett, è stato multato 93 volte per frode e altri abusi, per un totale di $ 14,8 miliardi di multe dal 2000. Prenderò i” ciarlatani “di bitcoin ogni giorno.”

Anthony Pompliano ha risposto al tweet dicendo che le multe della banca di Wall Street negli ultimi 19 anni sono più del 20% della capitalizzazione di mercato di bitcoin.

È interessante notare che le banche sono contrarie alla criptovaluta, non principalmente perché è volatile e rischiosa perché espone le transazioni. Normalmente, le transazioni bancarie non sono aperte al pubblico, a differenza delle transazioni di criptovaluta, perché la tecnologia consente la visualizzazione pubblica e le transazioni di controllo in qualsiasi momento.

Chiaramente, il settore nascente sta minacciando il settore finanziario e queste banche devono rimuovere i registri delle frodi nel loro sistema prima di parlare di “spec of fraud” nel settore delle criptovalute

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map