Bitcoin

Il dimezzamento della ricompensa del blocco Bitcoin è quasi arrivato.

L’evento sta accadendo tra circa 4 ore da adesso, il che significa che il tasso di inflazione di BTC sarà dimezzato da ~ 3,6% a ~ 1,8% – inflazione inferiore a quella della maggior parte delle valute legali e presumibilmente inferiore a quella dell’oro.

I dati mostrano che quando l’halving è stato attivato, Bitcoin è fondamentalmente più sano che mai, il che è “rialzista a lungo termine per BTC” secondo un analista.

Le metriche in forte espansione di Bitcoin sulla catena

Secondo l’analisi di Rafael Schultze-Kraft – co-fondatore di Glassnode, società di analisi e dati di crittografia – “I fondamentali di Bitcoin sono più forti che mai.”

Confrontando le metriche chiave sulla catena dal momento dell’ultimo blocco della ricompensa dimezzato il 9 luglio 2016 a quello di oggi, ha trovato una serie di tendenze che suggeriscono una crescita del mercato. Alcuni di questi sono i seguenti:

  • Il conteggio aggregato degli indirizzi BTC è aumentato del 234%.
  • Il conteggio giornaliero degli indirizzi attivi di Bitcoin, che molti dicono sia una delle migliori metriche per determinare l’utilizzo della blockchain, è aumentato del 59%.
  • Allo stesso modo, il conteggio delle transazioni giornaliere è aumentato del 44%, riflettendo la crescita degli indirizzi attivi.
  • Il tasso di hash della rete Bitcoin – la quantità di potenza di calcolo utilizzata per elaborare i blocchi – è aumentato del 6,837%. Ciò segnala un forte sostegno da parte dei minatori di criptovaluta sul futuro a lungo termine della rete.
  • L’importo del valore inviato su Bitcoin ogni giorno è passato da $ 270 milioni a $ 2,1 miliardi.
  • Il numero di indirizzi che detengono più di un Bitcoin è aumentato del 64%.

1 / #Bitcoin i fondamentali sono più forti che mai.

Con l’avvicinarsi del dimezzamento, riduciamo lo zoom e guardiamo come si sono evoluti storicamente i fondamentali on-chain e come si confrontano con l’ultimo dimezzamento.

TL; DR – I fondamentali della rete sono convincenti; rialzista a lungo termine $ BTC

FILO &# 128071; pic.twitter.com/7ck4TK3iHa

– Rafael Schultze-Kraft (@ n3ocortex) 10 maggio 2020

Questi dati hanno portato Rafael Schultze-Kraft alla seguente conclusione:

Sì, Bitcoin rimane un asset volatile e l’azione sui prezzi a breve termine è ancora soggetta a forti cali. Ma riducendo lo zoom, i fondamenti di Bitcoin continuano a dipingere un’immagine forte e inequivocabilmente rialzista. Lo sanno gli investitori con un orizzonte di lungo termine e una bassa preferenza temporale.

Questa affermazione arriva poco dopo il rilascio di Glassnode un ampio rapporto di ricerca che lo rivela secondo la loro analisi, Bitcoin funziona meglio quando la blockchain sta crescendo:

“Fondamentali on-chain storicamente forti coincidono con buone prestazioni di Bitcoin e viceversa”, ha scritto l’azienda nel rapporto, facendo riferimento al loro test retrospettivo dell’accuratezza di una nuova metrica aggregata chiamata Glassnode On-Chain BTC Index.

Un forte sfondo macro

In aggiunta a ciò, Bitcoin ha probabilmente un forte contesto macroeconomico che non esisteva durante i precedenti dimezzamenti o negli anni precedenti nella storia della criptovaluta, hanno affermato gli analisti.

Come riportato da Blockonomi in precedenza, il CEO di Galaxy Digital ed ex partner di Goldman Sachs Mike Novogratz ha spiegato che con “banche centrali e agenti fiscali” che spingono i loro bilanci a livelli senza precedenti per rispondere ai blocchi COVID-19, le attività con proprietà rifugio dovrebbero iniziare a deviare dalle scorte.

Novogratz ha ipotizzato che Bitcoin e l’oro abbiano una “probabilità molto buona” di rally “molto più alto di quanto abbiamo avuto prima” – questo significa prezzi di oltre $ 20.000 per BTC e oltre $ 1.900 per un’oncia del metallo prezioso.

Lo sfondo macro è così convincente per Bitcoin che la scorsa settimana abbiamo visto Paul Tudor Jones, il settimo gestore di hedge fund più pagato al mondo di tutti i tempi per un valore di oltre $ 5 miliardi, mostrare il suo sostegno alla criptovaluta.

In una nota intitolata “La grande inflazione monetaria”, Jones ha spiegato che pensa che Bitcoin assomigli molto all’oro negli anni ’70.

Quello che è successo con l’oro allora, per chi non lo sapesse, è che il metallo prezioso ha recuperato centinaia di percento in anni a causa di un afflusso di inflazione (15% all’anno a un certo punto) e l’abolizione del gold standard.

Jones ha aggiunto che mentre vede soggettivamente Bitcoin come la peggiore riserva di valore tra fiat, oro e attività finanziarie, vede la criptovaluta come il “cavallo più veloce della corsa”.

Ha raddoppiato questo sentimento in un’intervista del lunedì mattina con CNBC, dicendo che ha l’1-2% dei suoi beni personali, ovvero i suoi $ 5 miliardi, investiti in Bitcoin, insieme alla piccola percentuale di allocazione BTC nel suo fondo.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me