Cubo

Cubo mira a rafforzare e fornire sicurezza per le comunicazioni radio CDMA (code-division multiple access) in crescita tra i veicoli, in anticipo rispetto a un aumento previsto di veicoli compatibili con CDMA dopo il 2020.

Cubo

“Le auto di nuova produzione a partire dal 2020 saranno prodotte con un CDMA integrato”, hanno scritto gli sviluppatori nel loro white paper. “Ci si aspetta che le auto connesse siano sottoposte ad attacchi informatici costanti, simili agli attacchi dannosi verso i PC connessi alla rete. Cube si sta preparando ad assumere un ruolo fondamentale nel mercato dei veicoli in rapida evoluzione “.

Come funziona?

Ci sono una serie di livelli di comunicazione di base che i veicoli autonomi e connessi hanno: da veicolo a veicolo, da veicolo a infrastruttura, da veicolo a dispositivo e così via. Sono tutte diverse permutazioni del cosiddetto Internet delle cose, in cui le macchine saranno in grado di parlare tra loro in tempo reale per regolare le variabili del mondo reale per manipolare le prestazioni e altri fattori.

Queste comunicazioni dovrebbero essere minacciate da attori potenzialmente dannosi. Immagina il caos che un hacker potrebbe causare modificando i veicoli a guida autonoma per ignorare i limiti di velocità regolamentati, la distanza tra i veicoli, i segnali stradali e simili. Cube spera di frustrare tali tentativi di hacking utilizzando un protocollo di sicurezza a tre livelli.

Il primo livello consiste nella sicurezza intrinseca di un sistema blockchain. Cube aggira la limitazione delle dimensioni dei file rappresentata dalle blockchain tradizionali utilizzando un protocollo ipermediale peer-to-peer e una crittografia asimmetrica.

Il secondo livello è la tecnologia di sicurezza degli endpoint di Cube.

“L’esclusiva tecnologia di Cube utilizza l’hash per scansionare e distinguere oltre 300 milioni di attacchi” noti “con soli 10 MB di spazio su disco”, hanno scritto gli sviluppatori. “In effetti, anche con il nostro software leggero, mantiene l’elaborazione degli endpoint più veloce tra i prodotti esistenti per la sicurezza degli endpoint.”

Il livello finale è un controllo di sicurezza basato su cloud, in cui il malware può essere confrontato con un database nazionale. Le varietà di malware sconosciute vengono spostate in un ambiente di veicolo virtuale per identificare funzionalità e soluzioni.

Come funziona la rete neurale di Cube?

Il team di Cube sottolinea le carenze nelle reti neurali esistenti che Cube intende affrontare.

Le reti neurali esistenti per l’identificazione del malware soffrono di underfitting, bassa velocità e overfitting. L’underfitting si riferisce alla mancanza di aggiornamenti nel processo di apprendimento, che Cube risolve introducendo una funzione di autoattivazione che non scompare nel tempo. Cube risolve il problema della velocità modificando il codice per favorire la velocità rispetto alla precisione assoluta, che può essere corretta in seguito. Infine, l’overfitting o l’inflessibilità vengono risolti eliminando i dati irrilevanti quando la macchina è in una fase di apprendimento.

Che cos’è la politica sulla trasparenza di Cube?

La politica di trasparenza di Cube si basa su tre principi fondamentali. Cube prevede di presentare rapporti operativi e finanziari mensili, strutturare le finanze dell’azienda in modo che possa funzionare per tre anni senza ulteriori finanziamenti esterni e istituire una procedura di convalida per i nuovi dipendenti.

Come funziona il token del cubo?

Il team di Cube prevede che il token assorbirà risme di dati automobilistici sia da utenti di veicoli attivi che da affiliati, come stazioni di servizio e concessionari di automobili. L’ecosistema Cube renderà disponibili quei dati sulla blockchain, stimolando il consumo e il prezzo dei token Cube.

Token del cubo

Cube è una blockchain pubblica o privata?

Cube incorpora elementi di entrambi, rendendolo una blockchain ibrida. Alcuni elementi hardware critici, come gli aggiornamenti del firmware delle case automobilistiche, saranno gestiti su una blockchain pubblica per stabilire la fiducia.

Le blockchain pubbliche, tuttavia, sono inefficienti nel gestire rapidamente grandi quantità di dati. Per risolvere questo problema, Cube manterrà una blockchain privata per elaborare i dati.

“Cube è composto da blockchain ibride che utilizzano blockchain pubbliche e private insieme”, hanno spiegato gli sviluppatori. “Durante la trasmissione dei dati alla guida di un veicolo, vengono generate tonnellate di dati, anche se i dati variano a seconda di come sono stati accumulati i dati. Anche contando solo le informazioni di guida e le informazioni riconosciute a livello periferico utilizzate nella datafication, ogni giorno vengono generate enormi quantità di dati (fino a 4 TB). Questo richiede molto tempo per l’elaborazione o la condivisione. Per contratto, i veicoli richiedono una rapida elaborazione, trasmissione e ricezione dei dati per prevenire incidenti “.

Che dire dell’integrazione dell’infrastruttura?

Il team di Cube vede il culmine della sua tecnologia come un collegamento tra i veicoli abilitati per Cube e le infrastrutture abilitate per Cube, come autostrade e segnali stradali.

Tra questi endpoint deve avvenire un’elaborazione rapida e potente per garantire che i veicoli autonomi possano reagire in tempo reale alle mutevoli condizioni stradali e al comportamento di altri veicoli autonomi.

“Sebbene sia disponibile una varietà di tecnologie per garantire la sicurezza quando si utilizza un veicolo autonomo, la tecnologia presente nel veicolo da sola non è sufficiente”, hanno scritto gli sviluppatori. “Il metodo più ovvio è installare l’IoT (Internet of Things) sulla strada in cui sta circolando il veicolo autonomo. Il veicolo autonomo è costantemente in comunicazione con l’IoT sulla strada intelligente. In questo caso, è necessario certificare che l’IoT della smart road è l’IoT autorizzato “.

Per eseguire questo controllo di qualità costante su una porzione così vasta di immobili, Cube mira a fornire un sistema a basso costo che può essere distribuito in grandi quantità. In altre parole, ha più senso avere una serie di processori più piccoli e di potenza inferiore rispetto a una singola unità di elaborazione centrale per l’infrastruttura stessa.

“Pertanto, è necessario un metodo per autenticare una catena più vicino all’autenticazione in tempo reale rispetto all’autenticazione in tempo reale”, hanno scritto gli sviluppatori. “Cube vede il metodo di autenticazione in tempo reale di questo IoT come uno degli importanti fattori di sviluppo futuro”.

Che aspetto ha il mercato?

Il token di Cube, AUTO, è quotato su OKEx e HitBTC a circa $ 0,0089 a maggio 2018. La capitalizzazione di mercato di AUTO è di circa $ 56 milioni con un’offerta circolante di 6,27 miliardi. La fornitura totale del token è di 7,2 miliardi.

Quali sono le prospettive della roadmap di Cube?

Cube prevede di completare il suo livello blockchain a giugno 2018. L’architettura AI sarà costruita entro ottobre e un rapporto annuale verrà pubblicato a dicembre.

Puoi visitare il sito web di Cube Qui e leggi il white paper Qui.

Riferimenti

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me