Giappone

Le donazioni di criptovaluta nell’arena politica sono state ufficialmente semaforo verde nella superpotenza asiatica del Giappone.

Questo secondo una conferenza stampa dell’8 ottobre aiutata dal ministro degli affari interni e delle comunicazioni della nazione, Sanae Takaichi, in cui il politico conservatore giapponese ha pubblicamente chiarito che le criptovalute non erano regolamentate dalla legislazione sul controllo dei fondi politici del paese perché non erano “denaro monetario”. come valute legali o titoli.

Giappone

Di conseguenza, poiché le criptovalute non rientrano in quelle particolari categorie, i cittadini giapponesi possono donare somme illimitate di criptovalute a figure o cause politiche nazionali senza restrizioni normative, una dinamica non analogamente possibile per i soldi tradizionali ai sensi della suddetta legislazione permanente.

Questioni di denaro: al momento non è necessaria alcuna divulgazione di monete

Poiché le criptovalute non sono coperte dalla legge sul controllo dei fondi politici della nazione, Takaichi ha osservato che i destinatari non dovranno nemmeno rivelare l’entità delle donazioni di criptovaluta che ricevono.

Allo stato attuale, quella mancanza di divulgazione richiesta potrebbe sembrare una scappatoia o pronta per la corruzione, ma è anche probabile che le regole di divulgazione in seguito sorgeranno man mano che le criptovalute saranno sempre più adottate. Per il prossimo futuro, però, resta da vedere quanto saranno popolari le donazioni politiche in criptovaluta nel paese.

Ovviamente, negli ultimi anni il Giappone ha dimostrato di essere un hub globale leader per l’uso e l’innovazione delle criptovalute, quindi la potenza asiatica ha la sua giusta quota di utenti di criptovaluta. Tuttavia, molti di questi utenti sono principalmente investitori al momento, quindi probabilmente non saranno pronti a spendere le loro monete. Come David Otto, coordinatore dei media della Japan Blockchain Conference, ha detto a Forbes all’inizio di quest’anno:

“[Il Giappone] ha molti investitori alla ricerca di nuove opportunità per investire in un paese che ha un tasso di interesse federale molto basso, raggiungendo talvolta tassi di interesse negativi. Questi due fattori hanno suscitato interesse per le criptovalute e le criptovalute come un modo per il Giappone di plasmare il futuro delle criptovalute “.

L’ironia è che, secondo le nuove osservazioni del ministro Takaichi, le criptovalute possono essere legalmente utilizzate per donare in modo monetario a cause politiche in Giappone, ma il governo interno non vede formalmente questi beni come denaro e gli utenti domestici probabilmente non lo faranno. desiderare di spenderli come soldi.

Calcolalo come un altro luogo in cui la crittografia è di fatto denaro ma non di diritto denaro per ora.

Il Giappone è influente sulla fase globale della crittografia

Purtroppo, le donazioni di criptovaluta politica sono ufficialmente un gioco equo in Giappone in futuro. La nazione si unisce così ad artisti del calibro degli Stati Uniti, il cui cane da guardia sul finanziamento della campagna – la Commissione elettorale federale – ha approvato per la prima volta donazioni di criptovalute nel 2014..

In qualità di membri del blocco “G12” del Gruppo dei Dodici, entrambi i paesi sono estremamente influenti sulla scena mondiale e gli stati di tutto il mondo stanno attualmente osservando cosa stanno facendo questi poteri sul fronte delle normative sulle criptovalute.

Le loro rispettive decisioni di consentire donazioni di criptovalute politiche influenzeranno indubbiamente altre nazioni a considerare almeno di seguirne l’esempio.

Devcon 5 ha Ethereum ronzio in Giappone e oltre

Le parti interessate della comunità di Ethereum sono tutti gli occhi puntati sul Giappone questa settimana mentre i costruttori e i sostenitori della piattaforma di contratti intelligenti sono scesi a Osaka, in Giappone, per il raduno annuale Devcon di Ethereum.

La conferenza ha in fila dozzine di oratori principali, oltre a centinaia di eventi collaterali, relatori “Lightning Talk” e workshop pratici. Alcune delle figure influenti che guidano la convenzione orientata all’innovazione includono i pilastri tecnici di Ethereum come Karl Floersch, Vlad Zamfir e Vitalik Buterin.

E mentre le grandi domande sul futuro signore della piattaforma pesanti al Devcon di quest’anno in vista del principale aggiornamento “Serenity” a partire dal prossimo anno, l’atmosfera è stata eccitata e persino spensierata finora, soprattutto se l’apparizione dell’ispirazione per cani di Dogecoin ai festeggiamenti è stata qualsiasi indicazione.

Momento divertente al Devcon: un’enorme folla si è presentata per fare un selfie con l’originale Doge Shiba. pic.twitter.com/pS7YchZ9VG

– Alex Van de Sande (avsa.eth) (@avsa) 8 ottobre 2019

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me