L’Internal Revenue Service (IRS) degli Stati Uniti afferma che la nuova guida fiscale crittografica è vicina

Blockchain IRS

Ascoltate, contribuenti statunitensi: l’IRS si sta preparando a pubblicare i suoi prima guida sui temi della tassazione delle criptovalute negli anni.

Il commissario dell’IRS Charles Rettig lo ha notato in una lettera di risposta al Congressional Blockchain Caucus, che aveva scritto all’agenzia di Rettig ad aprile chiedendo una serie di chiarimenti pubblici, come ad esempio come gli utenti di criptovaluta statunitensi dovrebbero essere tassati sui fork delle criptovalute, ad esempio.

In questo documento, il commissario ha affermato che le risposte alla gamma di domande sulla criptovaluta del caucus potrebbero essere previste in breve tempo:

“Condivido la tua convinzione che i contribuenti meritino chiarezza sulle questioni di base relative alla tassazione delle transazioni in valuta virtuale e ho reso una priorità dell’IRS emettere orientamenti […] Abbiamo considerato questi problemi e intendiamo pubblicare orientamenti che affrontino questi e altri problemi presto. “

L’impegno per una maggiore chiarezza arriva dopo che gli utenti di criptovaluta americani si sono lamentati per anni di un ambiguo boschetto normativo nel paese. Finora l’IRS ha trattato le valute digitali come proprietà, mentre altre agenzie governative statunitensi le approcciano come merci, titoli e denaro.

L’IRS ha detto al Congresso che presto pubblicherà nuove linee guida fiscali sulla criptovaluta. https://t.co/z0oEi0dbfC

– Coin Center (@coincenter) 20 maggio 2019

Ovviamente, l’IRS non può chiarire quel confuso panorama normativo in un colpo solo. Tuttavia, qualsiasi ulteriore chiarimento che l’agenzia può offrire sarà accolto volentieri dai commercianti che vogliono pagare le tasse in modo accurato.

Come dovrebbero essere trattate le criptovalute? È una domanda a più livelli: ci sono molti colpi di scena

L’IRS tratta le criptovalute come proprietà, il che le rende tassabili in un modo molto specifico negli Stati Uniti, vale a dire mettendo in gioco le implicazioni di guadagni e / o perdite di capitale.

Se questo sia il modo giusto per trattare la criptovaluta è una questione che alla fine spetta al popolo americano decidere. Se alla fine venissero eletti al Congresso un numero sufficiente di politici pro-cripto, si potrebbe approvare una legislazione federale che potrebbe istruire l’IRS a non tassare le criptovalute come proprietà, tra un numero qualsiasi di altri mandati simili. E questa è solo una delle principali grinze normative tra le centinaia in una singola giurisdizione nazionale.

Oltre alle persone, anche le istituzioni più potenti del mondo sono sempre più alle prese con come affrontare l’ecosistema delle criptovalute.

Ad esempio, in un documento pubblicato questo mese dalla Banca centrale europea (BCE), l’istituzione che sostiene l’euro e plasma la politica monetaria della valuta ha affermato che Le “cripto-risorse” attualmente non rappresentavano una minaccia alla stabilità finanziaria dell’economia della zona euro … per il momento.

In effetti, la BCE ha affermato che la minaccia potrebbe aumentare in futuro:

“Il settore richiede tuttavia un monitoraggio attento e continuo, poiché gli sviluppi del mercato sono dinamici e i collegamenti con il settore finanziario più ampio potrebbero aumentare a livelli più significativi in ​​futuro”.

Di conseguenza, una delle interpretazioni occidentali più draconiane su come dovrebbero essere trattate le criptovalute è arrivata dal rappresentante degli Stati Uniti Brad Sherman all’inizio di questo mese, quando ha proposto la creazione di un disegno di legge che vieterebbe del tutto la proprietà delle criptovalute in America..

Oggi il rappresentante del Congresso Sherman ha chiesto un disegno di legge per vietare tutte le criptovalute.

Questo è il motivo per cui Coin Center è necessario a Washington ora più che mai. pic.twitter.com/jgikm7z8bI

– Coin Center (@coincenter) 9 maggio 2019

Perché così duro? Rep. Sherman ha detto che sarebbe bene “stroncare [crypto] sul nascere” perché “è lo scopo annunciato dei sostenitori della criptovaluta di togliere … potere” dal dollaro USA, che il membro del Congresso ha attribuito come fondamento di Il potere dell’America sulla scena internazionale.

Nuovi standard globali per corralizzare Crypto Coming

In altre notizie normative, la Task Force intergovernativa di azione finanziaria (FATF) sta rilasciando nuove raccomandazioni sugli standard a giugno che vedranno l’organismo chiedere agli Stati membri di applicare regole più severe sugli scambi di criptovaluta.

In particolare, le imminenti raccomandazioni del GAFI farebbero sì che tali piattaforme debbano fornire tra loro i dati rilevanti dei clienti al fine di facilitare le transazioni – una responsabilità simile a quella di una banca.

La prospettiva si è già dimostrata impopolare tra gli stakeholder della criptoeconomia, anche se per ora è nell’aria quanto saranno radicate le raccomandazioni.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
map