Coronavirus

Sfortunatamente, negli ultimi giorni lo scoppio del COVID-19 è peggiorato rapidamente; secondo siti web che tracciano la diffusione di questo nuovo coronavirus, ora ci sono oltre 480.000 casi confermati, la maggior parte dei quali ora si trova al di fuori della Cina, con hotspot che compaiono negli Stati Uniti, in Italia, in Germania, in Spagna ed effettivamente nel resto d’Europa.

Con questa diffusione, è stato posto un enorme stress sugli operatori sanitari locali, con rapporti che indicano che le scorte di articoli chiave, come i respiratori per le persone infette e le maschere per coloro che si prendono cura dei pazienti, si stanno esaurendo.

Di conseguenza, c’è stata una mobilitazione di massa dell’industria – con aziende da Apple e Tesla a Dyson (sì, l’azienda del vuoto) e Ford che producono forniture o contribuiscono in dollari per arginare la diffusione e per mantenere in vita i nostri operatori sanitari. Molti l’hanno definita la più grande mobilitazione dalla seconda guerra mondiale.

Anche le aziende di criptovaluta si sono unite a una serie di attori leader del settore che hanno annunciato iniziative di beneficenza negli ultimi giorni.

Il peggioramento dell’epidemia di coronavirus spinge Binance, Ripple, & Altri per reagire

Il 25 marzo, Binance ha rivelato che lancerà una campagna sui social media con il tweet di seguito, dicendo ai suoi follower che donerà $ 1 USD (fino a $ 1 milione) per ogni retweet con l’hashtag #CryptoAgainstCOVID, con un bonus di $ 1 milioni di donati se un milione di retweet può essere raggiunto in una settimana.

Anche il braccio di beneficenza di Binance, BCF, sta presumibilmente abbinando le donazioni di coronavirus pagate in crittografia.

Ogni retweet di questo post con #CryptoAgainstCOVID = Donazione di $ 1 USD.

#Binance Charity donerà fino a $ 1.000.000 USD!

Se raggiungiamo 1 milione di retweet entro 7 giorni, @BinanceBCF donerà un extra di $ 1.000.000 USD!

Andiamo!

Puoi anche donare qui:https://t.co/D3DgXpVHsM pic.twitter.com/EXpaD69RNk

– Binance (@binance) 25 marzo 2020

Ripple ha seguito l’esempio, rivelatore il 25 marzo il suo “impegno a far parte della risposta globale alla pandemia COVID-19:

Stiamo iniziando nel nostro cortile con $ 100.000 donazioni ciascuna al fondo COVID per la risposta alle emergenze di @ tippingpoint e al COVID Regional Response Fund di @ siliconvalleycf.

C’è stato anche un sforzo collettivo delle migliori società di criptovaluta, inclusi Brave, Gemini, The Block, Electric Coin Co. e altri, attraverso la campagna # CryptoCOVID19 di The Giving Block.

Poiché questo virus continua a diffondersi, è probabile che ci sarà un’ulteriore mobilitazione da parte delle società, sia nella crittografia che al di fuori di esso, per combatterlo.

COVID-19 Crypto Scams richiamate dal governatore della California

Sebbene le criptovalute nel bel mezzo di questa crisi, ci sono stati alcuni attori che hanno utilizzato questa tecnologia a proprio vantaggio mentre il coronavirus si è diffuso.

Il governatore della California Gavin Newsom ha accennato a questo in una trasmissione di martedì sui passi che i suoi elettori dovrebbero intraprendere durante lo scoppio del COVID-19:

Assicurati che non ne stiamo approfittando. In questo ambiente, ci sono persone straordinarie e persone che fanno cose straordinariamente cattive, […] le persone che affermano che dobbiamo inviare in anticipo un equivalente in dollari di Bitcoin per ottenere alcuni materiali – attività discutibili come questa.

Il governatore Gavin Newsom ha appena menzionato bitcoin durante il suo annuncio sul COVID-19. pic.twitter.com/Z6TsnfT6XY

– Vis (@Vis_in_numeris) 25 marzo 2020

Sfortunatamente, ciò che sta dicendo Newsom è accurato.

Il 19 marzo, Chester Wisniewski, ricercatore di Sophos sulla sicurezza informatica, ha riferito che ci sono stati truffatori “che si spacciano per il Fondo di risposta solidale COVID-19 dell’Organizzazione mondiale della sanità, scrivendo direttamente alle persone che chiedono pagamenti in Bitcoin a un determinato indirizzo per aiutare” a sostenere il lavoro dell’OMS per monitorare e comprendere il diffusione del virus. “

I truffatori che si spacciano per @CHI Il Fondo di risposta solidale COVID-19 si sta evolvendo. I primi campioni visti il ​​16 marzo e hanno messo un po ‘più di saliva e lucidatura sulla corsa del 18 marzo. Per favore, fai una donazione al fondo reale qui: https://t.co/MfggnADyKF pic.twitter.com/FVwbbSmN4e

– Chester Wisniewski (@chetwisniewski) 19 marzo 2020

Ci sono state anche segnalazioni di truffatori che hanno richiesto Bitcoin in cambio di un “vaccino” e di “cure mediche” da parte di loschi attori che stanno cercando di sfruttare la paura a scopo di lucro.

Fortunatamente, le aziende e gli esperti di sicurezza informatica sono stati i migliori nel denunciare questo comportamento subdolo, assicurando che il pubblico sia per lo più tenuto al sicuro in questi tempi di difficoltà.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me